Foto di Gabriele D'Annunzio
Frasi di Gabriele D'Annunzio
La scheda di Gabriele D'Annunzio
Scrittore, poeta, drammaturgo, giornalista e politico
Nascita: Pescara il 12/3/1863data morte il 1/3/1938
A soli sedici anni, mentre frequenta un rinomato liceo di Prato, pubblica “Primo vere”, sua prima raccolta di poesie. Sfacciato e disinibito si da giovane, si sposta a Roma per proseguire gli studi mai terminati in Lettere; qui lavora per un decennio come giornalista e sposa la duchessa Maria Hardouin da cui ha tre figli. E' in questo periodo, nel 1889, che nasce il primo romanzo, “Il piacere”, opera di straordinario successo e rilievo letterario che spezza le catene del positivismo e inaugura la sua personale visione decadente. Dal 1891 e per i successivi due anni è a Napoli, dove prendono vita opere come “Giovanni Episcopo” e “Poema paradisiaco”. Le raccolte poetiche migliori e i testi teatrali più innovativi li compone a Firenze, dove si trasferisce una volta innamoratosi dell'attrice Eleonora Duse con cui romperà dopo circa dieci anni. Dopo un periodo trascorso in Francia torna in patria per partecipare alla vita politica del paese. All'alba della prima guerra, cinquantenne, partecipa a numerose imprese militari che ne fanno un eroe di guerra, tra cui quella che gli costa la perdita dell'occhio destro e l'occupazione della città di Fiume dopo la cui liberazione, avvenuta nel 1920, si ritira nel comune bresciano di Gardone Riviera fino al giorno della morte.
Condividi su Facebook
Condividi su Google+
La più letta di “Gabriele D'Annunzio”
Saremo felici o saremo tristi, che importa? Saremo l'uno accanto all' altra.
E questo deve essere... questo è l'essenziale.
Gabriele D'Annunzio  

La parte migliore di me è stata sempre tua.
Gabriele D'Annunzio   Inserita: 13/04/2017

Rimani
Rimani! Riposati accanto a me.
Non te ne andare.
Io ti veglierò. Io ti proteggerò.
Ti pentirai di tutto fuorchè d'essere venuto a me, liberamente, fieramente.
Ti amo. Non ho nessun pensiero che non sia tuo;
non ho nel sangue nessun desiderio che non sia per te.
Lo sai. Non vedo nella mia vita altro compagno, non vedo altra gioia
Rimani.
Riposati. Non temere di nulla.
Dormi stanotte sul mio cuore....
Gabriele D'Annunzio   Inserita: 28/09/2015

Ricordati di osare sempre.
Gabriele D'Annunzio   Inserita: 04/10/2014

Un ricordo
Ella teneva a terra gli occhi fissi.
Nel silenzio incredibile i minuti
pareano aprire smisurati abissi.
Oh se per sempre, sotto un improvviso
colpo, fossimo noi rimasti muti!
Lenta mi sollevò quelli occhi al viso.
Ancóra la convulsa bocca esangue
vedo. Le prime sue parole, rare,
cadono come gocciole di sangue
da piaga che incominci a sanguinare.
Gabriele D'Annunzio   Inserita: 25/08/2014

I pastori
Settembre, andiamo. È tempo di migrare.
Ora in terra d'Abruzzi i miei pastori
lascian gli stazzi e vanno verso il mare:
scendono all'Adriatico selvaggio
che verde è come i pascoli dei monti.
Han bevuto profondamente ai fonti
alpestri, che sapor d'acqua natia
rimanga ne' cuori esuli a conforto,
che lungo illuda la lor sete in via.
Rinnovato hanno verga d'avellano.
E vanno pel tratturo antico al piano,
quasi per un erbal fiume silente,
su le vestigia degli antichi padri.
O voce di colui che primamente
conosce il tremolar della marina!
Ora lungh'esso il litoral cammina
La greggia. Senza mutamento è l'aria.
Il sole imbionda sì la viva lana
che quasi dalla sabbia non divaria.
Isciacquio, calpestio, dolci romori.
Ah perché non son io co' miei pastori?
Gabriele D'Annunzio   Inserita: 04/05/2013

Nessun sogno della mia mente cancellerà mai un sogno del mio cuore.
Gabriele D'Annunzio   Inserita: 08/02/2013

Il cuore è il compagno più forte.
Gabriele D'Annunzio   

Il verso è tutto.
Gabriele D'Annunzio   

Io modesto? E' il solo difetto che mi onoro di non avere.
Gabriele D'Annunzio   

Il rimpianto è il vano pascolo di uno spirito disoccupato. Bisogna soprattutto evitare il rimpianto occupando sempre lo spirito con nuove sensazioni e con nuove immaginazioni.
Gabriele D'Annunzio   

Colui il quale molto ha sofferto è men sapiente di colui il quale molto ha gioito.
Gabriele D'Annunzio   

Vivere ardendo e non bruciarsi mai.
Gabriele D'Annunzio   

La nostra vita è un'opera magica, che sfugge al riflesso della ragione e tanto più è ricca quanto più se ne allontana, attuata per occulto e spesso contro l'ordine delle leggi apparenti.
Gabriele D'Annunzio   

L'uomo è, sopra tutto, un animale accomodativo. Non c'è turpitudine o dolore a cui non s'adatti.
Gabriele D'Annunzio   

L'uomo a cui è dato soffrire più degli altri, è degno di soffrire più degli altri.
Gabriele D'Annunzio   Tratta da: L'innocente - Mondadori 

Io credevo che per me potesse tradursi in realtà il sogno di tutti gli uomini intellettuali: – essere costantemente infedele a una donna costantemente fedele.
Gabriele D'Annunzio   Tratta da: L'innocente - Mondadori 

Il mondo è la rappresentazione della sensibilità e del pensiero di pochi uomini superiori.
Gabriele D'Annunzio   Tratta da: Le vergini delle rocce - Mondadori 

 18 frasi di 'Gabriele D'Annunzio' su 18 in archivio  (Licenza foto: Pubblico dominio)


Gaio
Sallustio
Crispo
Fidel
Castro

Ricerca
Parola, Autore, Film..

AUTORI per Tipo

Cinema (255)
Letteratura (156)
Musica (86)
Spettacolo (86)
Politica (77)
Sport (73)
Filosofia (60)
Religione (52)
Scienze (48)
Arte (45)
Giornalismo (45)
Economia (45)
Storia (40)
Varie (14)

+ Elenco Autori
+ Elenco Attori
+ Elenco Argomenti
+ Tutte le frasi

Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio - All rights reserved
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Barzellette | Webmaster | Cont@tti
Frasi su Facebook