Valutazione del Peso corporeo utilizzando l'indice IMC di Massa Corporea per Adulti
PESO (kg)
Altezza (cm)

Elabora IMC*

Indice IMC*

Valutazione risultante Peso/IMC


 (*) Tabella di valutazione dettagliata dell'Indice di Massa Corporea (IMC o BMI)

Questo è un servizio gratuito di valutazione del Peso corporeo, che può servire per valutare il proprio stato di forma anche in relazione ai rischi di salute connessi ad obesità o magrezza eccessiva. La valutazione viene effettuata sulla base dell'indice IMC conosciuto anche come indice BMI (Body Mass Index), secondo le indicazioni dell'Istituto Nazionale della Nutrizione.
Valori buoni di IMC sono compresi tra 18.5 e 24; valori inferiori a 18,5 indicano magrezza, che è grave per valori inferiori a 16.

AVVERTENZA Queste informazioni valgono per i soli adulti e non devono essere utilizzate in sostituzione del parere di un medico.
L'uso improprio di questo Form e della valutazione IMC, per il quale si declina ogni responsabilità, deve essere evitato.

18 - 24 Fattore di rischio minimo.
Con questi valori di IMC, il rischio di contrarre malattie cardiovascolari, diabete, ictus cerebrale, ipertensione risulta minimo e sotto controllo. A questo livello, non esiste prova scientifica che perdendo peso possano diminuire i fattori di rischio, al contrario, si potrebbero verificare altri problemi di salute per denutrizione.

25 - 27 Rischio basso/moderato.
Un IMC uguale a 25 corrisponde al limite oltre al quale comincia a verificarsi la possibilità di contrarre malattie associate al peso. Oltre questo limite, le cause associate al rischio di malattia sono in leggero aumento. Può essere opportuna un'alimentazione a basso contenuto di calorie accompagnata da attività fisica indispensabile per il mantenimento del peso.
28 - 30 Rischio moderato/alto.
Aumentano le probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari, diabete non insulino dipendente, ictus cerebrale, ipertensione. L'attività fisica, unita a un regime alimentare adeguato, favorisce il miglioramento delle condizioni cardio-respiratorie e facilita la perdita di peso in modo equilibrato.
31 - 35 Rischio alto/molto alto.
Si presentano alte probabilità di sviluppare le malattie indicate: cardiovascolari, diabete non insulino, ipertensione e alcuni tipi di tumore. E' consigliabile intraprendere tempestivamente comportamenti terapeutici finalizzati a ridurre tali rischi: a questo livello è utile una terapia finalizzata a rafforzare la motivazione dell'individuo e la sua capacità di autocontrollo, associata a dieta e attività fisica regolare.
36 - 39 Rischio molto alto.
A questo livello è probabile che una o più delle patologie precedenti sia già insorta con una conseguente ripercussione negativa sullo stato di salute. Una terapia possibile, oltre a quelle consigliate al livello precedente, è la chirurgia. Tuttavia, questa soluzione è praticabile solo in pazienti con gravi problemi di obesità e dopo attenta valutazione medica.
oltre 40 Rischio altissimo.
Situazione delicata. Una o più delle patologie citate potrebbero essere già presenti e occorrono cure appropriate derivanti da un'attenta valutazione della gravità dello stato di salute.


L'importanza dell'indice IMC/BMI nella prevenzione e metodo di calcolo
Come noto l’obesità, ovvero un eccessivo accumulo di grasso corporeo, è divenuto un problema di salute che colpisce le popolazioni dei paesi industrializzati anche a causa del crescente benessere e della ampia disponibilità di cibi e dolciumi, in quantità superiori al dovuto.
L’obesità può causare effetti negativi sulla salute e determinare una riduzione dell’aspettativa di vita, tanto che la letteratura medica la cataloga come principale causa di mortalità dopo il fumo.
Secondo la letteratura medica e l’OMS, il rischio di contrarre alcune malattie come diabete, malattie cardiovascolari, infarto, infarto, artrite ed alcune forme di tumore, cresce sensibilmente con l’aumento del peso e con l’obesità. Fortunatamente ridurre anche solo del 10% il peso in eccesso permette di ridurre in modo significativo il rischio di insorgenza di molte patologie.
La tendenza a divenire obesi si determina in modo graduale, talvolta partendo proprio dall’età materna o adolescenziale, questo accade per genetica e familiarità, oppure perchè si accumulano calorie e grassi in eccesso, oltre al fatto di condurre una vita spesso sedentaria.
Il modo più semplice per classificare e definire in modo certo l’obesità è quello adottato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), basato sul BMI (o IMC).
Per definire l’obesità, il BMI (IMC, indice di massa corporea) è usato con maggiore frequenza rispetto ad altri indici come, ad esempio, la percentuale di massa grassa.

Il BMI è calcolato con questa formula: BMI = (peso / altezza²) x 10000

In sostanza l’indice di massa corporea IMC o BMI non è una misura della quantità di grasso corporeo ma ne è strettamente correlato. Con l'IMC si ottiene in modo rapido ed efficace una stima generale del peso di un soggetto ed è un buon strumento di screening.
Tuttavia a livello diagnostico deve essere integrato da altri fattori di rischio come la dieta alimentare, l’attività fisica, la familiarità per alcune patologie etc..
Avvertenze e note
Si precisa che le informazioni contenute in questa area hanno carattere puramente informativo, valgono per i soli adulti, non sono applicabili alle donne in gravidanza e non devono essere utilizzate in sostituzione del parere di un medico di fiducia, di un dietologo o del farmacista. © www.PaginaInizio.com

Portale PaginaInizio.com

Home page | Mappa del Sito | Cont@tti
© PaginaInizio è online dal 2005
PaginaInizio su Facebook
Visita le altre sezioni di PaginaInizio