Calcolo dell'apporto calorico dei principali alimenti

In questa area è possibile calcolare rapidamente l'apporto calorico di un gran numero di prodotti alimentari.
Per calcolare il contenuto calorico di una certa quantità di un alimento, procedi nel seguente modo:
- Seleziona l'alimento in questione dalla casella
- Digita la quantità in grammi
- Clicca sul pulsante "Calcola".

Alimento:
Grammi:
 
Kilocalorie
Avvertenze
Si precisa che le informazioni contenute in questa area hanno carattere puramente informativo, valgono per i soli adulti, non sono applicabili alle donne in gravidanza e non devono essere utilizzate in sostituzione del parere di un medico di fiducia, di un dietologo o del farmacista. © www.PaginaInizio.com


Cosa sono le calorie e come si misurano
A livello scientifico, la caloria è definita come un’unità di misura che definisce la quantità di energia necessaria per innalzare di 1°C la temperatura di 1 g di acqua distillata, ad una pressione standard di un'atmosfera, la kilocaloria misura invece la solita energia nelle medesime condizioni riferita tuttavia ad 1 Kg di acqua distillata.

Tipicamente il valore che viene sempre rilevato è quello delle kilo calorie, e si effettua attraverso uno strumento, la cosiddetta 'bomba calorimetrica' e si basa sul primo principio della termodinamica.
Secondo questa legge della fisica, l’energia non si crea e non si distrugge, ma si trasforma in una forma energetica differente. Con questo strumento, gli alimenti vengono inseriti al suo interno insieme ad una quantità di acqua e poi bruciati per combustione, si riesce così a misurare la quantità di energia liberata dall’alimento, ovvero le kilocalorie.

Come misurare le calorie senza la bilancia
Capita spesso di trovarsi fuori casa da amici o di mangiare al ristorante e di non avere quindi la bilancia a portata di mano per poter pesare i singoli alimenti e calcolare il loro peso calorico complessivo.
In questi casi niente panico, con alcuni consigli è possibile rispettare comunque i parametri imposti nelle diete.

Ad esempio è stato dimostrato che utilizzando un cucchiaio per versare l’olio, se né consuma molto meno che utilizzando un’oliera. Allo stesso modo versando prima il sale su un cucchiaio potremo controllare e contenere la quantità versata e magari rimettere quelle in eccesso nella saliera.

Per pasta, riso o farro è bene organizzarsi preventivamente mettendole in una scodella in modo da valutarne il volume che è servito per riempirla, così in futuro conoscerete già le dosi.

La verdura in generale apporta poche calorie e può essere consumata in quantità maggiore anche oltre la porzione prevista, facendo tuttavia attenzione a non eccedere nei condimenti.

Per quanto riguarda il pane il discorso è più complesso e il consiglio è di non eccedere, infatti a seconda del processo di levitazione adottato il peso del pane (soprattutto quello della mollica) può cambiare sensibilmente a parità di volume e dimensioni.

Infine una porzione più abbondante di pesce o carne magra (come il pollo o il tacchino) non incide poi molto sull'apporto calorico giornaliero e quindi è possibile prendersi maggiore libertà.
Quali cibi fanno ingrassare maggiormente?
In molti casi, per mantenere il controllo del proprio peso, non servono complessi calcoli e diete rigide ma basta fare maggiore attenzione ai cibi che fanno aumentare rapidamente di peso, facendo anche regolare attività fisica. Ecco dunque gli alimenti che andrebbero ridotti come quantità e frequenza nella propria dieta personale:
- Dolciumi e bibite.
- Le patatine in sacchetto.
- Salumi e insaccati
- Carni rosse e grasse e scarti di carne lavorata.
- Pasta, pane, riso, pizza, patate e altri carboidrati.

🏠 Home PaginaInizio

Home page | Normativa Privacy | Contatti
© PaginaInizio è online dal 2005
🌐 Mappa intero Sito
Strumenti e servizi gratis