×
Ultime Frasi
Frasi di Film
Frasi Celebri
Aforismi
Frasi Amore
Frasi Belle
Frasi Poster
Film Poster
Le Poesie
Gli Indovinelli
Rompicapo
I Proverbi
Modi di dire
Palindromi
Scioglilingua
Auguri Feste
Argomenti
Top mese
INDICI ED ELENCHI
+ Elenco Autori + Elenco Attori + Film A-Z + Film per Anno
NETWORK PaginaInizio
⚒ Servizi e strumenti
© Adv Solutions SRL (2005-2024)
Versicoli quasi ecologici
Non uccidete il mare,
la libellula, il vento.
Non soffocate il lamento
(il canto!) del lamantino.
Il galagone, il pino:
anche di questo è fatto
l’uomo. E chi per profitto vile
fulmina un pesce, un fiume,
non fatelo cavaliere
del lavoro. L’amore
finisce dove finisce l’erba
e l’acqua muore. Dove
sparendo la foresta
e l’aria verde, chi resta
sospira nel sempre più vasto
paese guasto: Come
potrebbe tornare a essere bella,
scomparso l’uomo, la terra.

Giorgio Caproni
VOTA questa poesia
6
100%
0
0%


INFORMAZIONI SULLA POESIA
E' stata visualizzata 3047 volte.
E' stata votata 6 volte.
Pubblicata in data 21/06/17.
E' lunga 554 caratteri.
L'autore è Giorgio Caproni: Scrittore italiano
Nascita: Livorno il 07/01/1912data morte il 22/01/1990
Giorgio Caproni è stato un poeta, critico letterario, traduttore e scrittore italiano.
Leggi le frasi »

PaginaInizio Frasi
© Adv Solutions SRL (2005-2024)