Poesia di Giovanni Pascoli
Il tuono
E nella notte nera come il nulla,
a un tratto, col fragor d'arduo dirupo
che frana, il tuono rimbombò di schianto:
rimbombò, rimbalzò, rotolò cupo,
e tacque, e poi rimareggiò rinfranto,
e poi vanì. Soave allora un canto
s'udì di madre, e il moto di una culla.
 Giovanni Pascoli  
VOTA questa poesia
1
100%
0
0%
Condividi su Facebook
Informazioni sulla poesia
Questa poesia è stata visualizzata 2543 volte.
E' stata votata 1 volta.
E' stata pubblicata in data 26/12/13.
E' lunga 303 caratteri.

La scheda dell'autore: Giovanni Pascoli
Giovanni Pascoli, Scrittore italiano
Nascita: San Mauro di Romagna (Forlì Cesena) il 31/12/1855data morte il 6/4/1912

Giovanni Pascoli è stato un poeta, accademico e critico letterario italiano, figura emblematica della letteratura italiana di fine Ottocento, considerato insieme a Gabriele D'Annunzio, il maggior poeta decadente .. Continua »

Altre frasi di Giovanni Pascoli     Altre frasi Poesie (Licenza foto: Pubblico dominio)

Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Per Webmaster | Privacy | Cont@tti
Trovaci su Facebook