×
Ultime Frasi
Frasi di Film
Frasi Celebri
Aforismi
Frasi Amore
Frasi Belle
Frasi Poster
Film Poster
Indovinelli
Rompicapo
Poesie
Proverbi
Modi di dire
Palindromi
Scioglilingua
Auguri Feste
Argomenti
Top mese
INDICI ED ELENCHI
+ Elenco Autori + Elenco Attori + Film A-Z + Film per Anno
NETWORK PaginaInizio
⚒ Servizi e strumenti ⇐  Chiudi menù
© Adv Solutions SRL (2005-2022)
Arte Poetica
La musica prima di tutto
e dunque scegli il metro dispari
più vago e più lieve,
niente in lui di maestoso e greve.
Occorre inoltre che tu scelga
le parole con qualche imprecisione:
nulla di più amato del canto ambiguo
dove all'esatto si unisce l'incerto.
Son gli occhi belli dietro alle velette,
l'immenso dì che vibra a mezzogiorno,
e per un cielo d'autunno intepidito
l'azzurro opaco delle chiare stelle!
Perché ancora bramiamo sfumature,
sfumatura soltanto, non colore!
Oh! lo sfumato soltanto accompagna
il sogno al sogno e il corno al flauto!
Fuggi più che puoi il Frizzo assassino,
il crudele Motteggio e il Riso impuro
che fanno lacrimare l'occhio dell'Azzurro,
e tutto quest'aglio di bassa cucina!
Paul Verlaine

VOTA questa poesia
1
100%
0
0%


INFORMAZIONI SULLA POESIA
E' stata visualizzata 2342 volte.
E' stata votata 1 volta.
E' lunga 885 caratteri.
L'autore è Paul Verlaine: Poeta francese
Nascita: Metz (Francia) il 30/03/1844data morte il 08/02/1896
Figura di spicco nella letteratura francese, Verlaine è considerato il maestro della poesia tra i giovani scrittori del tempo. Le tematiche che affronta nella sua arte poetica sono spesso intrise di malinconia, tanto che definì se stesso 'poeta maledetto', ossia un genio incompreso che rifiuta i valori della società. E' proprio in 'Poemi .. Continua »
  Link sponsorizzati

PaginaInizio.com
© Adv Solutions SRL (2005-2022)