Poesia di Nazim Hikmet
I giorni sono sempre più brevi
I giorni sono sempre più brevi
le piogge cominceranno.
La mia porta, spalancata, ti ha atteso.
Perché hai tardato tanto?
Sul mio tavolo, dei peperoni verdi, del sale, del pane.
Il vino che avevo conservato nella brocca
l'ho bevuto a metà, da solo, aspettando.
Perché hai tardato tanto?
Ma ecco sui rami, maturi, profondi
dei frutti carichi di miele.
Stavano per cadere senza essere colti
se tu avessi tardato ancora un poco.
 Nazim Hikmet  

VOTA questa poesia
2
100%
0
0%
Condividi su Facebook
Informazioni sulla poesia
Questa poesia è stata visualizzata 1709 volte.
E' stata votata 2 volte.
E' stata pubblicata in data 08/01/16.
E' lunga 510 caratteri.

La scheda dell'autore: Nazim Hikmet
Nazim Hikmet, Poeta, scrittore e drammaturgo
Nascita: Salonicco (Grecia) il 20/11/1901data morte il 3/6/1963

Nazim Hikmet è stato un poeta, drammaturgo e scrittore turco naturalizzato polacco. Definito "comunista romantico" o "rivoluzionario romantico", è considerato uno dei più importanti poeti turchi dell'epoca moderna. (Fonte: Wikipedia) Leggi le frasi »

Altre frasi di Nazim Hikmet     Altre frasi Poesie (Licenza foto: Sturm e Horst - CC BY-SA 3.0 DE)

Commenta questa poesia con Facebook
Ricerca
Parola, Autore, Film..

Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio - All rights reserved
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Barzellette | Webmaster frasi | Cont@tti
Frasi su Facebook

-->