×
Ultime Frasi
Frasi di Film
Frasi Celebri
Aforismi
Frasi Amore
Frasi Belle
Frasi Poster
Film Poster
Le Poesie
Gli Indovinelli
Rompicapo
I Proverbi
Modi di dire
Palindromi
Scioglilingua
Auguri Feste
Argomenti
Top mese
INDICI ED ELENCHI
+ Elenco Autori + Elenco Attori + Film A-Z + Film per Anno
NETWORK PaginaInizio
⚒ Servizi e strumenti ⇐  Chiudi menù
© Adv Solutions SRL (2005-2024)
A Zacinto
Né più mai toccherò le sacre sponde
ove il mio corpo fanciulletto giacque,
Zacinto mia, che te specchi nell'onde
del greco mar da cui vergine nacque

Venere, e fea quelle isole feconde
col suo primo sorriso, onde non tacque
le tue limpide nubi e le tue fronde
l'inclito verso di colui che l'acque

cantò fatali, ed il diverso esiglio
per cui bello di fama e di sventura
baciò la sua petrosa Itaca Ulisse.

Tu non altro che il canto avrai del figlio,
o materna mia terra; a noi prescrisse
il fato illacrimata sepoltura.

Ugo Foscolo

VOTA questa poesia
1
100%
0
0%


INFORMAZIONI SULLA POESIA
E' stata visualizzata 137 volte.
E' stata votata 1 volta.
Pubblicata in data 07/04/23.
E' lunga 603 caratteri.
L'autore è Ugo Foscolo: Poeta e scrittore
Nascita: Zante (Grecia) il 06/02/1778data morte il 10/09/1827
Niccolò Ugo Foscolo, che sin da ragazzo sceglie di farsi chiamare semplicemente Ugo, discende da una modesta famiglia di medici e compie i primi studi nel seminario arcivescovile della cittadina croata di Spalato. Alla morte del padre, nel 1788, torna a Zante dove prosegue gli studi classici, si interessa agli autori del '600 e accresce la passione .. Continua »

www.PaginaInizio.com
© Adv Solutions SRL (2005-2024)