Poesia di Alda Merini
Sono nata il ventuno a primavera
ma non sapevo che nascere folle,
aprire le zolle
potesse scatenar tempesta.
Così Proserpina lieve
vede piovere sulle erbe,
sui grossi frumenti gentili
e piange sempre la sera.
Forse è la sua preghiera.
 Alda Merini  
VOTA questa poesia
4
100%
0
0%
Condividi su Facebook
Informazioni sulla poesia
Questa poesia è stata visualizzata 2797 volte.
E' stata votata 4 volte.
E' stata pubblicata in data 21/03/13.
E' lunga 266 caratteri.

La scheda dell'autore: Alda Merini
Alda Merini, Scrittrice, poetessa e aforista
Nascita: Milano il 21/3/1931data morte il 1/11/2009

Esordisce come scrittrice a 15 anni, grazie a Spagnoletti che pubblicò il suo primo libro "Antologia della poesia italiana contemporanea dal 1909 al 1949". Durante la carriera, alternata da momenti di silenzio, lavora con Salvatore Quasimodo per poi dedicarsi alla scrittura di testi drammatici legati all'esperienza del manicomio, nel quale viene internata a causa .. Continua »

Altre frasi di Alda Merini     Altre frasi Poesie (Licenza foto: Giuliano Grittini - CC BY-SA 3.0)

Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Per Webmaster | Privacy | Cont@tti
Trovaci su Facebook