L'importante, diceva, abituarsi a una faccia: non la bellezza ma l'abitudine. La bellezza in fondo che cosa , una stupida questione geometrica, solo un incastro fortunato nel campionario di bocche, nasi e orecchie disponibili. Ma se una faccia hai imparato a conoscerla, e l'hai vista quando ha sonno, quando ha il raffreddore, quando distrutta da una giornata nera, se ti sei abituato a quella faccia, hai superato la questione della bellezza, non sei d'accordo?
 Paolo Cognetti  
VOTA questa poesia
1
100%
0
0%
Condividi su Facebook
Informazioni sulla poesia
Questa poesia stata visualizzata 3041 volte.
E' stata votata 1 volta.
E' stata pubblicata in data 11/03/13.
E' lunga 468 caratteri.

La scheda dell'autore: Paolo Cognetti
Paolo Cognetti, Scrittore
Nascita: Milano il 27/1/1978+ Et e Segno

Paolo Cognetti uno scrittore italiano. Ha vinto il Premio Strega 2017 col romanzo Le otto montagne. Leggi le frasi

Altre frasi di Paolo Cognetti     Altre frasi Poesie (Licenza foto: Vincenza Inchingolo - Pubblico dominio)

Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Per Webmaster