L'amore ch'io porto all'Italia e il vivo desiderio che tengo d'ogni suo bene, mi obbligano ad aggiungere che nulla più osta, secondo il parere mio, al risorgimento della comune patria, che le dottrine intemperate, e l'opera di quelli che le spargono e promulgano dentro e fuori della Penisola.
Tratta da: Del primato morale e civile degli italiani - Utet Vincenzo Gioberti  
VOTA questa frase
1
100%
0
0%
Condividi su Facebook
Informazioni sulla frase
Questa frase è stata visualizzata 1997 volte.
E' stata votata 1 volta.
E' lunga 293 caratteri.

La scheda dell'autore: Vincenzo Gioberti
Vincenzo Gioberti, Politico, filosofo e sacerdote
Nascita: Torino il 5/4/1801data morte il 26/10/1852

Nonostante la nomina di sacerdote, Vincenzo, nel corso della sua vita si è interessato alla politica perseguendo l'unita' d'Italia. Diviene cappellano del re Carlo Alberto di Savoia, ma è ben presto costretto all'esilio; al suo rientro in Italia, diviene Presidente della Camera dei Deputati. Alla caduta del governo, avvenuta il 16-12-1848, viene nominato Presidente .. Continua »

Altre frasi di Vincenzo Gioberti     Altre frasi Paesi (Licenza foto: Pubblico dominio)

Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Per Webmaster