Foto di matteo renzi
Frasi di Matteo Renzi
La scheda di Matteo Renzi
Politico
Nascita: Firenze il 11/1/1975+ Età e Segno
Da giovane frequenta il mondo scout per svariati anni, si avvicina alla politica solo in seguito mentre frequenta la facoltà di Giurisprudenza, iscrivendosi al partito popolare. Dopo un esperienza lavorativa da dirigente nell’azienda di famiglia, diviene segretario del partito popolare e presidente della provincia di Firenze (2004). Nel giugno 2009 vince le primarie cittadine del PD e viene eletto sindaco di Firenze. Questa esperienza gli servirà come trampolino di lancio per la scalata al panorama politico nazionale, realizzata coniando, fra l'altro, il famoso slogan della "rottamazione". L'obiettivo viene raggiunto nel dicembre 2013 vincendo le primarie e diventando segretario nazionale del partito. Diviene Presidente del Consiglio il 22 febbraio 2014.
Condividi su Facebook
La più letta di “Matteo renzi”
Per me il lavoro non è un diritto ma è molto di più, è un dovere. Questa è ancora più forte come affermazione. Quando una persona perde il posto di lavoro è una sconfitta per tutti. Dobbiamo occuparcene non solo per i soliti noti ma anche per chi il lavoro lo ha perso. Bisogna però avere il coraggio di ragionare di chi, in questi anni, non ha mai sentito vicina la politica: i precari, le mamme che non avevano i diritti, il cassintegrato di 55 anni che viene buttato fuori.
Matteo Renzi  

L'idea è che in Italia si è pagato troppo, le tasse le devono pagare tutti, ma l'idea che le tasse sono bellissime è forse nei Paesi dove sono basse.
Matteo Renzi   Inserita: 08/09/2015 Tratta da: Conferenza stampa del 08/09/2015

L'Italia onora e ricorda la giornata della memoria 70 anni dopo la liberazione di Auschwitz. Mai più. (Messaggio scritto su Twitter in occasione della Giornata della Memoria)
Matteo Renzi   Inserita: 27/01/2015

L'articolo 18 è una regola degli anni Settanta che la sinistra allora non aveva nemmeno votato, siamo nel 2014, ed è come prendere un iPhone e dire dove metto il gettone? Come prendere una macchina fotografica digitale e provare a metterci il rullino. E' finita l'Italia del rullino.
Matteo Renzi   Inserita: 27/10/2014

È il giorno del ricordo delle vittime e della gratitudine agli abitanti del Giglio e a tutte le forze di polizia e di volontariato. Non è il giorno della conclusione di questa storia, ma è un nuovo inizio. Questa non è una passerella, ma la conclusione di una storia con tanti morti che nessuno di noi può dimenticare.
(Matteo Renzi a Genova per l'arrivo in porto della Costa Concordia - 27/07/2014)
Matteo Renzi   Inserita: 28/07/2014

Un risultato storico. Commosso e determinato adesso al lavoro per un’Italia che cambi l’Europa.
(Tweet dopo le prime proiezioni sui risultati delle elezioni europee 2014)
Matteo Renzi   Inserita: 26/05/2014

Se perderemo la sfida la colpa è mia. Deve finire il tempo in cui nei palazzi dei poteri si trova una scusa.
Matteo Renzi   Inserita: 25/02/2014 Tratta da: Discorso al Senato - 24/02/2014

Oggi faceva freddo a Prato, dove sono morti sette cinesi in fabbrica. A Olbia, dove mancano i fondi dopo l’emergenza maltempo, a Taranto distrutta dall’Ilva, nella Terra dei Fuochi e a Lampedusa. Noi vogliamo essere riformisti e non noiosi: vogliamo mettere insieme il buon senso con le passioni e le utopie. Riuscire ad appassionare con queste cose, significa che non siamo di fronte alla fine della sinistra, ma alla fine di un gruppo dirigente della sinistra. Stiamo cambiando i giocatori che hanno dato il meglio di loro stessi, ma adesso hanno bisogno della sostituzione. (Discorso di insediamento a segretario del PD)
Matteo Renzi   Inserita: 09/12/2013

Tocca a noi, quelli cresciuti con la caduta del muro di Berlino, la morte di Falcone e Borsellino, la strage in Rwanda, la vergogna di Srebrenica. Quelli che sono cresciuti in un mondo dove fare politica era una brutta cosa. (Discorso di insediamento a segretario del PD)
Matteo Renzi   Inserita: 09/12/2013

Non serve avere una tessera di partito per avere buona idea. Non dobbiamo più vedere respingere chi sta fuori. In un paese civile non può bastare l’iscrizione al sindacato per fare carriera. Il sindacato deve cambiare con noi
Matteo Renzi   

Io sto dalla parte di Marchionne della Fiat, dalla parte di chi sta investendo sul futuro delle aziende, quando tutte le aziende chiudono, è un momento in cui bisogna cercare di tenere aperte le fabbriche
Matteo Renzi   Tratta da: Intervista al TG di La7 del 11/01/2011 

Provate a immaginare che guazzabuglio di emozioni si possa provare guidando una città di cui mezzo mondo è innamorata. Una responsabilità struggente e straordinaria. La stanza da lavoro del sindaco è intitolata a Papa Clemente VII. I personaggi degli affreschi del Vasari sembrano prenderti le misure. Stanno lassù, sui muri, quasi imbronciati o annoiati; del resto in questa sala ne hanno viste di tutti i colori. Ti copre le spalle, quasi a proteggerti, la solenne rappresentazione dell'assedio della città voluto dalle truppe di Carlo V: battaglia storica, finita male. Per fortuna i fiorentini fecero in tempo a inventare il calcio, in piazza Santa Croce. E a salvare l'onore. Sulla destra la battaglia di Gavinana ricorda l'episodio in cui perse la vita Francesco Ferrucci, per mano di Maramaldo, il vigliacco per eccellenza. Quasi un'esortazione ad agire sempre con coraggio. Anche dal pavimento salgono messaggi subliminali, come il simbolo della tartaruga con la vela, voluto da Cosimo: ti invita ad essere veloce, ma saggio. Deciso, ma prudente. Quando la sera clicchi sull'interruttore per andartene e le finestre lasciano intravvedere la penombra della sala, ti rendi conto di essere davvero un nano sulle spalle di giganti.
Matteo Renzi   

Ero all'ultimo anno di mandato come presidente della Provincia di Firenze. Appena qualche mese e si sarebbe tornati al voto. Tutti i dirigenti locali del centrosinistra fiorentino erano favorevoli alla possibilità che io proseguissi il lavoro in Provincia, con il secondo mandato. Contenti per come avevo amministrato? Forse, ma a dir la verità non ci avrei giurato. Qualcuno, infatti, voleva solo evitare la mia candidatura alle elezioni comunali che si sarebbero svolte contestualmente.
Matteo Renzi   

Ve lo ricordate, il governo dell'Unione di Prodi? Dai, il governo più litigioso della storia repubblicana. Quello in cui un ministro presentava un'idea e il giorno dopo un altro ministro diceva l'opposto, magari scendendo in piazza con i contestatori. Perché loro erano l'Unione. Si erano chiamati così apposta, si vede... Pensandoci bene, verrebbe da domandarsi: ma chi glieli sceglie i nomi ai partiti politici?
Matteo Renzi   

 14 frasi di 'matteo renzi' su 14 in archivio  (Licenza foto: Buy Tourism Online - CC BY 2.0)


Matteo
Salvini
Mario
Monti

Ricerca
Parola, Autore, Film..

AUTORI per Tipo

Cinema (370)
Letteratura (190)
Musica (104)
Spettacolo (103)
Politica (86)
Sport (79)
Filosofia (69)
Religione (52)
Economia (52)
Arte (50)
Giornalismo (48)
Scienze (48)
Storia (40)
Varie (17)

+ Elenco Autori
+ Elenco Attori
+ Elenco Argomenti
+ Tutte le frasi

Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Barzellette | Webmaster frasi | Cont@tti
Frasi su Facebook