Era così povera che quando si mangiava le unghie apparecchiava la tavola. .. (Giobbe Covatta)
Era così povera che quando si mangiava le unghie apparecchiava la tavola. Spesso prendeva qualcosa di caldo: la febbre. Era sorda, calva, con la forfora, i brufoli e un diploma di ragioneria.
Tratta da: Pancreas. Trapianto del libro Cuore - Mondadori Giobbe Covatta  
VOTA questa frase
1
100%
0
0%
Informazioni sulla frase
Questa frase è stata visualizzata 1321 volte.
E' stata votata 1 volta.
E' lunga 191 caratteri.

La scheda dell'autore: Giobbe Covatta
Giobbe Covatta, Comico, attore e scrittore
Nascita: Taranto (Puglia) il 11/6/1956+ Età e Segno

Trascorre la giovinezza a Napoli lavorando come animatore e poi dall'87 Gianni Maria Covatta fa il suo debutto in televisione con il programma “Una notte all'Odeon” per continuare la carriera di comico su Rai 2 partecipando a “Tiramisù”, “Chi c'è c'è” e“Fate il vostro gioco”. La popolarità lo investe all'inizio degli anni '90 quando .. Continua »

Altre frasi di Giobbe Covatta     Altre frasi Varie (Licenza foto: RanZag - CC BY-SA 2.0 foto modificata)

Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Per Webmaster | Privacy | Cont@tti
Trovaci su Facebook