Io penso che ogni uomo d'intelletto possa, oggi come sempre, nella vita creare la propria favola bella. Bisogna guardare al turbinio confuso della vita con quello stesso spirito fantastico con cui i discepoli del Vinci erano dal maestro consigliati di guardare nelle macchie dei muri, nella cenere del fuoco, nei nuvoli, nei fanghi e in altri simili luoghi per trovarvi invenzioni mirabilissime e infinite cose.
 Gabriele D'annunzio  
VOTA questa frase
1
100%
0
0%
Condividi su Facebook
Informazioni sulla frase
Questa frase è stata visualizzata 1559 volte.
E' stata votata 1 volta.
E' stata pubblicata in data 13/11/18.
E' lunga 411 caratteri.

La scheda dell'autore: Gabriele D'Annunzio
Gabriele D'Annunzio, Scrittore, poeta, drammaturgo, giornalista e politico
Nascita: Pescara il 12/3/1863data morte il 1/3/1938

A soli sedici anni, mentre frequenta un rinomato liceo di Prato, pubblica “Primo vere”, sua prima raccolta di poesie. Sfacciato e disinibito si da giovane, si sposta a Roma per proseguire gli studi mai terminati in Lettere; qui lavora per un decennio come giornalista e sposa la duchessa Maria Hardouin da cui ha tre figli. E' in .. Continua »

Altre frasi di Gabriele D'annunzio     Altre frasi Vita (Licenza foto: Pubblico dominio)

Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Per Webmaster