Foto di william jennings bryan
Frasi di William Jennings Bryan
La scheda di William Jennings Bryan
Politico statunitense
Nascita: Salem (Usa) il 19/3/1860data morte il 6/6/1925
William Jennings Bryan è stato un politico statunitense esponente del Partito Democratico. Fu il candidato del suo partito per ben tre volte alle elezioni presidenziali: a quelle del 1896, a quelle del 1900 e a quelle del 1908, ma fu sempre sconfitto, da William McKinley le prime due volte e da William Howard Taft la terza. Fu un forte sostenitore del proibizionismo e un grande nemico dell'evoluzionismo darwiniano, contro il quale si distinse nel 1925 nel processo contro John Scopes, reo di aver insegnato la teoria della evoluzione in una scuola del Tennessee, di cui parlarono molto giornali e radio. A partire dal 1896, emerse come personalità dominante nel Partito Democratico. Prima delle tre candidature alla presidenza, era stato deputato alla Camera dei rappresentanti; successivamente fu segretario di Stato con il presidente Woodrow Wilson. Aveva una grande fiducia nella saggezza della gente comune, per cui era spesso chiamato "The Great Commoner".Nato e cresciuto nell'Illinois, Bryan si trasferì nel Nebraska negli anni 1880. Vinse l'elezione alla Camera dei rappresentanti nelle elezioni del 1890, venendo rieletto per un secondo mandato, per poi candidarsi senza successo per il Senato nel 1894. Alla Convenzione nazionale democratica del 1896, Bryan pronunciò il suo famoso discorso sulla "croce d'oro", contro il sistema aureo e gli interessi economici dell'Est, e fece una crociata per politiche inflazionistiche grazie all'uso dell'argento nell'emissione di moneta. Ripudiando il presidente democratico in carica, Grover Cleveland, e i suoi conservatori Democratici "Bourbon", la Convenzione democratica nominò Bryan candidato presidente, rendendolo il più giovane candidato alla presidenza di un grande partito nella storia degli Stati Uniti. Successivamente, Bryan ottenne anche l'appoggio del Partito populista, e molti populisti alla fine avrebbero seguito Bryan nel Partito Democratico. Nelle elezioni presidenziali del 1896, intensamente combattute, il candidato repubblicano William McKinley batté Bryan. All'età di 36 anni, questi rimane la persona più giovane nella storia degli Stati Uniti a guadagnare almeno un grande elettore. Bryan guadagnò poi fama come oratore, inventandosi un giro di conferenze in tutti gli Stati Uniti nel 1896, toccando 27 Stati e un pubblico di 5 milioni di persone. Bryan mantenne il controllo del Partito Democratico e fu nuovamente candidato alle elezioni presidenziali del 1900. Dopo la guerra ispano-americana, Bryan era diventato un feroce oppositore dell'imperialismo statunitense e gran parte della sua campagna elettorale si concentrò su questo tema. Nelle elezioni, McKinley sconfisse nuovamente Bryan, vincendo diversi Stati dell'Ovest che Bryan aveva vinto nel 1896. L'influenza di Bryan nel partito si indebolì dopo le elezioni del 1900 e i Democratici nominarono il conservatore Alton B. Parker nelle elezioni presidenziali del 1904. Parker tuttavia fu clamorosamente sconfitto dal repubblicano Theodore Roosevelt, riportando in auge Bryan, anche perché gli elettori di entrambi i partiti vedevano con più simpatia le riforme progressiste da lui sostenute da tempo. Bryan vinse la nomina del suo partito alle elezioni presidenziali del 1908, ma fu sconfitto dal successore prescelto di Roosevelt, William Howard Taft. Insieme a Henry Clay, Bryan è una delle due persone che non hanno mai vinto un'elezione presidenziale nonostante abbia ottenuto grandi elettori in tre diverse elezioni presidenziali tenutesi dopo la ratifica del XII emendamento nel 1804. I Democratici persero tutte le seguenti elezioni presidenziali, fino a quelle del 1912, quando vinsero con Woodrow Wilson. Bryan fu ricompensato per il sostegno a Wilson con l'importante posizione di segretario di Stato. Bryan aiutò Wilson a far approvare dal Congresso diverse riforme progressiste, ma si scontrò con Wilson sulla neutralità degli Stati Uniti nella prima guerra mondiale. Bryan si dimise dal suo incarico nel 1915 quando Wilson inviò alla Germania una nota di protesta in risposta all'affondamento del RMS Lusitania da parte di un U-Boot tedesco. Dopo aver lasciato l'incarico, Bryan mantenne parte della sua influenza all'interno del Partito Democratico, ma si dedicò sempre più alle questioni religiose e all'attivismo anti-evoluzionista. Si oppose al darwinismo per motivi religiosi e umanitari, il più famoso fu nel 1925 il cosiddetto Scopes Monkey Trial, ossia il processo contro John Scopes, reo di aver insegnato la teoria della evoluzione in una scuola del Tennessee. Dalla sua morte nel 1925, Bryan ha suscitato reazioni contrastanti da parte di vari commentatori, ma è generalmente considerato una delle figure più influenti dell'era progressista. (Fonte: Wikipedia)
Cerca autore su Amazon
Condividi su Facebook
La più letta di “William jennings bryan”
Il destino non è una questione di fortuna, è una questione di scelta: non è una cosa da aspettare, ma una cosa da realizzare.
William Jennings Bryan  

Nessuno può guadagnare un milione di dollari onestamente.
William Jennings Bryan   

Il modo per sviluppare la fiducia in te stesso è fare le cose che temi ed avere una serie di esperienze positive alle tue spalle.
William Jennings Bryan   

Non aver mai paura di stare con la minoranza quando la minoranza ha ragione, perché la minoranza che ha ragione sarà un giorno la maggioranza.
William Jennings Bryan   

 4 frasi di 'william jennings bryan' su 4 in archivio  (Licenza foto: Pubblico Dominio)


Vladimir
Putin


AUTORI per Tipo

Cinema (511)
Letteratura (250)
Musica (126)
Spettacolo (120)
Politica (100)
Sport (90)
Filosofia (73)
Giornalismo (66)
Economia (57)
Scienze (54)
Religione (54)
Arte (52)
Storia (41)
Varie (21)

+ Elenco Autori
+ Elenco Attori
+ Elenco Argomenti
+ Tutte le frasi

Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Per Webmaster