Bisogna cambiare il televisore con il nuovo standard?
Ti trovi in » Tecnologia » Televisori

Il passaggio al nuovo Dvb-T2 avverrà gradualmente sul territorio nazionale

Il passaggio al nuovo Dvb-T2 avverrà gradualmente sul territorio nazionale

Da mesi siamo bombardati di messaggi che anticipano il passaggio del segnale digitale terrestre alla tecnologia DVB-T2 e invitano i consumatori a cambiare il televisore, magari usufruendo degli sconti e dei bonus concessi dal governo, peraltro contenuti ed in parte riservati solo ad alcune fasce della popolazione. Ma quando verrà attivato il nuovo segnale, sarà davvero necessario cambiare il televisore?

La risposta fortunatamente è No, infatti i consumatori potranno acquistare un apposito Decoder dal costo contenuto per ricevere i nuovi segnali televisivi trasmessi con la tecnologia DVB-T2, attualmente siamo intorno a 25 € per quelli più economici ma il prezzo potrebbe calare ancora in futuro. Questo è valido soprattutto per coloro che possiedono televisori ancora in buono stato e di pregio (pensiamo agli schermi da 40 pollici in su e magari con tecnologia HD, FULL-HD o anche 4K).
Chi volesse anticiparsi, evitando così di rimanere al buio per qualche giorno, può provvedere da subito all'acquisto anticipato del Decoder, considerando che quelli in vendita supportano sia lo standard attuale (DVB-T) che quello futuro (DVB-T2). Chiaramente, optando per questa scelta, avremo un ulteriore telecomando oltre a quello della TV, che andrà utilizzato per cambiare i canali del digitale terrestre.
Chiaramente l'acquisto del decoder sarà necessario solo per i televisori che non supportano la nuova tecnologia trasmissiva, inoltre in caso di acquisto si raccomanda di verificare che nelle specifiche sia indicata anche la compatibilità con lo standard HEVC 256 (High Efficiency Video Coding), oltre chiaramente alla compatibilità con lo standard trasmissivo DVB-T2.

Come verificare se sarà necessario comprare un Decoder o un televisore nuovo ?

Da subito è possibile verificare la compatibilità dei vostri televisori con il nuovo standard DVB-T2. Per farlo si consiglia di effettuare una nuova sintonizzazione dei canali dal telecomando, quindi visualizzare i canali di test 100 e 200. Se sul canale 100 compare una schermata con la scritta “Test HEVC Main10” e analogamente sul canale 200 appare la medesima scritta, il vostro televisore è compatibile con il nuovo standard di trasmissione e non sarà necessario acquistarne uno nuovo oppure un decoder.

Quando avverrà il passaggio al nuovo standard DVB T2?

Il passaggio avverrà in modo graduale e distribuito sul territorio nazionale, inizialmente dal 20 ottobre la Rai trasmetterà sul digitale terrestre i canali tematici Rai 4, Rai 5, Rai Sport + HD, Rai YoYo, Rai Storia, Rai Gulp, Rai Premium, Rai Scuola, esclusivamente con lo standard Mpeg-4 e sarà quindi necessario avere un TV o un decoder con tuner HD per riceverli.

In seguito verrà effettuata la transizione al nuovo standard DVB-T2, con la seguente road map che di fatto prevede il passaggio sul territorio nazionale (o Switch-Off) distribuito su 4 diverse aree geografiche.

- Dal 15/11/2021 al 18/12/2021: Sardegna (Area A1). Dal 3 al 10 gennaio 2022 la Rai attiverà nuove frequenze in Sardegna per i Mux Rai.

- Dal 3/01/2022 al 15/03/2022: Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, tranne la provincia di Mantova, provincia di Piacenza, provincia di Trento, provincia di Bolzano (Area 2), Veneto, provincia di Mantova, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna.

- Dal 1/04/2022 al 15/05/2022: Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Abruzzo, Molise, Marche (Area 4).

- Dal 1/05/2022 al 30/06/2022: Toscana, Liguria, Umbria, Lazio, Campania (Area 1B).

8
100%
0
0%
Condividi su Facebook
Tag: Televisori  


Domande o ricerche su Genio
Digita domanda o argomento: aerei, fiumi etc..
oppure: Come / Chi / Cosa ...


GENIO PaginaInizio.com

© Genio Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005) - P.IVA 01889490502
Home Genio | Segnala