Come allenarsi d'estate?
Ti trovi in » Sport » Corsa

Ben venga l'impegno di fare un po' di attività fisica e di decidere di correre all'aria aperta, ma è bene fare attenzione a scegliere i modi e i tempi giusti, soprattutto ora, nel periodo estivo, che in certi momenti della giornata le temperature raggiungono picchi notevoli.
Molti sono i benefici del jogging, sia a livello fisico sia a livello mentale: se infatti da una parte aiuta a mantenersi in forma e a sviluppare un discreto tono muscolare, dall'altra allontana lo stress, ma è importante seguire certe regole affinché tale attività non diventi uno sforzo troppo grande e non metta a rischio la salute.
A prescindere dalla propria preparazione fisica, vale a dire dal grado di allenamento, ciascuna persona dovrebbe quindi tenere sempre in considerazione i seguenti cinque consigli:

1) Scegliere le ore meno calde della giornata: correre comporta uno sforzo, una fatica e uno dei primi effetti è il sudore e se a questo si aggiungono le alte temperature, il corpo viene esposto ad un calore insopportabile che può comportare dei problemi. Quindi, così come d'estate vige il vademecum su come comportarsi per non soffrire il caldo per il jogging e l'allenamento all'aria aperta in generale si consiglia di preferire la mattina presto>, indicativamente dalle 6 alle 9, e il >tardo pomeriggio dopo le 18>, quando l'aria è solitamente un po' più fresca.

2) Indossare maglietta e pantaloncini: l'abbigliamento ideale per la corsa è molto semplice, bastano una t-shirt di cotone e dei pantaloncini leggeri, capi che aiutano a disperdere meglio il calore. Indossare un cappellino sulla testa è sconsigliato nelle ore di punta, fermo restando che non ci si dovrebbe allenare, perché troppo caldo potrebbe dare noia.

3) Idratarsi, bevendo molta acqua: dissetarsi durante l'allenamento aiuta a prevenire i crampi e a sentirsi meno affaticati, quindi in vista di un'attività all'aperto per non correre con una bottiglietta in mano potete valutare la soluzione di legarvi una
borraccia sulla schiena.

4) Imparare a gestire i crampi: durante i primi allenamenti o in caso di eccessiva disidratazione può capitare di avere dei crampi alle gambe, in particolar modo ai polpacci; quindi le operazioni da fare sono provare ad allungare la parte interessata e massaggiarla e altresì reintegrare i sali minerali bevendo acqua.

5) Concludere l'attività con lo stretching: se fare stretching prima dell'attività fisica è importante, farlo al termine della stessa è fondamentale perché accompagna i muscoli al momento del riposo, li allunga e li rende più flessibili, evitando strappi e indolenzimenti vari. Quindi ricordatevi sempre di eseguire almeno tre esercizi differenti di stretching e ripeterli dalle tre alle cinque volte, mantenendo ciascuna posizione 30 secondi.

1
100%
0
0%
Condividi su Facebook
Tag: Corsa  Salute  Estate  


Licenza foto #1 : Ernst Moeksis - CC BY 2.0 foto modificata
Domande o ricerche su Genio
Digita domanda o argomento: aerei, fiumi etc..
oppure: Come / Chi / Cosa ...


GENIO PaginaInizio.com

© Genio Paginainizio - Adv Solutions SRL 
(Siamo online dal 2005)

Home Genio | Segnalazioni