Quando Francesco ha cominciato c’erano tanti romani nella squadra: Scarchilli, Di Biagio, Peruzzi… tra loro, Francesco era il più talentuoso, ma all'inizio, almeno per me, passava quasi inosservato in questo gruppo. Poi ho visto gli altri perdersi, cambiare squadra, fare altre scelte di carriera. Ma lui è rimasto. E’ diventato un simbolo. Avevo 16-17 anni, il che vuol dire molto presto, quando mi sono ritrovato seduto accanto a lui. Era per me metà idolo metà compagno di squadra. Rientrare nello spogliatoio e sentirlo dire “De Rossi passami la bottiglia” è stato uno choc. E c'erano anche gli altri “De Rossi, mi passi una mela?”. Ti giravi e vedevi Batistuta. Era lui a farmi più effetto d'altronde. Quando arrivava Batistuta, aveva una luce intorno… una luce meravigliosa.
Tratta da: laroma24.it - 28/02/2014 Daniele De Rossi  
VOTA questa frase
1
100%
0
0%
Condividi su Facebook
Informazioni sulla frase
Questa frase è stata visualizzata 1693 volte.
E' stata votata 1 volta.
E' lunga 780 caratteri.

La scheda dell'autore: Daniele De Rossi
Daniele De Rossi, Calciatore
Nascita: Roma il 24/7/1983+ Età e Segno

Figlio di un ex calciatore di serie C, Daniele De Rossi inizia a giocare nelle giovanili con l'associazione Ostiamare prima da terzino e poi come attaccante. Viene chiamato dalla squadra giovanile della Roma quando ha soli nove anni ma accetta di entrarvi solo a dodici, distinguendosi in attacco e a centrocampo sin dalle prime .. Continua »

Altre frasi di Daniele De Rossi     Altre frasi Sport (Licenza foto: Mess - CC BY 3.0 foto modificata)

Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Per Webmaster