Frasi sullo sport
Sport
Frasi sullo sport
Pagina 1/2
Frasi, citazioni e aforismi sullo sport, attività fisica di vario genere che comprende diverse discipline, e riguarda non solo gli atleti ma anche i tifosi.
Condividi su Facebook
La vita è come il caffè: puoi metterci tutto lo zucchero che vuoi, ma se lo vuoi addolcire devi girare il cucchiaino. A stare fermi non succede niente.
Alex Zanardi   Inserita: 20/06/2020

L'amicizia può servire all'interno del percorso sportivo per strutturarsi come persone. E' utile nello spogliatoio ma anche fuori. Ma si deve anche crescere come sani rivali dove l'amicizia vera crea il rispetto del compagno e quindi dell'avversario.
Andrea Lucchetta   Inserita: 04/05/2020

Io vivo lo sport come modo di vivere. Ognuno di noi prima o poi avverte il bisogno di rimettere a posto la propria vita, io l'ho fatto attraverso lo sport che è inserito in un percorso più ampio, quasi in uno studio di me stessa a livello psicologico. Io sono sempre alla ricerca di una Martina più consapevole, più matura, più responsabile. Nessuno si conosce davvero, serve un lungo percorso per mettere insieme i vari pezzi: il corpo, le emozioni, la testa e l'anima.
Martina Colombari   Inserita: 22/02/2019 Tratta da: Gazzetta - 24/08/2018

Io urlo, ogni tanto alzo la voce anche con i compagni. Non è stata la fascia a cambiarmi, io sono così, fedele alle mie scelte e con degli obiettivi molto chiari. Di me parlo pochissimo, sono rare le interviste e le mie cose non si sanno. Pubblico qualche foto sui social, non aggiungo parole, considerazioni, la porta d’ingresso alla mia intimità è sempre chiusa.
Mauro Icardi   Inserita: 07/01/2019

Se si vuole fare sport ad un certo livello anche l’attenzione all'alimentazione è importante così come la cura del proprio corpo per cercare di stare bene e praticare al meglio l’attività fisica. Questo vale se si vuole arrivare ai vertici. Se l’intento è solamente quello di divertirsi tutto è molto più semplice!
Jury Chechi   Inserita: 25/06/2018

Non sto a sindacare ciò che ha visto l’arbitro. Era sicuramente un’azione dubbia. E un’azione dubbia al 93′, dopo che all’andata non ci è stato dato un rigore sacrosanto al 95′, non puoi avere il cinismo per distruggere una squadra che ha messo tutto in campo“ ha detto Buffon a fine gara “Ti ergi a protagonista per un tuo vezzo o perché non hai la personalità adatta. Un essere umano non può fischiare un’uscita di scena di una squadra dopo un episodio stradubbio: al posto del cuore hai un bidone della spazzatura. (Intervista dopo il rigore concesso in Real Madrid-Juve al 93° minuto)
Gigi Buffon   Inserita: 16/04/2018

Se fossi ad un matrimonio con un elegante vestito bianco, e mi arrivasse un pallone sporco, non esiterei a stopparlo di petto.
Diego Armando Maradona   Inserita: 09/04/2018

Per me arrampicare era qualcosa di più che un'attività sportiva. Il pericolo e le difficoltà facevano parte del quadro, così come il rischio e l'avventura. Scalare una grande parete significava mettersi in gioco completamente, attratti da un mistero e costretti per qualche giorno a poter contare solo su se stessi.
Reinhold Messner   Inserita: 10/09/2017

Chi fa sport capisce prima di altri cosa sia il senso di appartenenza.
Dino Meneghin   Inserita: 23/11/2016

Una volta lo sport era diverso e noi non eravamo solo gli ingranaggi di una macchina di immensi interessi economici, politici, industriali, di immagini.
Diego Armando Maradona   Inserita: 28/04/2016

Se vuoi avere tutto dallo sport devi prima dargli tutto.
Filippo Magnini   Inserita: 03/04/2016

Quando ti capita di arrivare a casa da perdente devi cercare di trovare una nuova opportunità, per capire che ce la puoi fare. Avevo due possibilità: rinunciare o cercare di appassionarmi a un nuovo progetto. Ho scelto la seconda, perché nello sport avevo capito che la cosa più bella è lavorare al progetto più che raggiungerlo. Oggi sono una persona molto felice, talmente felice da dire che l’incidente è stata la cosa più bella che mi potesse capitare.
Alex Zanardi   

Lo sport per me è soprattutto avere una possibilità di socializzazione. Il divertirsi, l'essere in strada tra amici, tra compagni, il condividere con gli altri dei momenti di divertimento sono elementi essenziali.
Andrea Lucchetta   

E' la pallavolo che ha scelto me. Da ragazzo io praticavo diversi sport, dal nuoto al tennis in cui ero qualificato e l'obiettivo in assenza di social, smartphone e corbellerie elettroniche varie era quello di divertirsi in gruppo facendo attività fisica. Poi a scuola, mentre il tennis prendeva piede sempre di più grazie ad una borsa di studio, iniziai ad avvicinarmi alla pallavolo che mi intrippava sempre di più e pian pianino lasciai uno sport individuale come il tennis dedicandomi anima e corpo ad uno sport dove l'elemento collettivo era preponderante. Nel giro di due anni ero già nel giro che contava, nazionale militare e Panini Modena con la quale sono diventato un atleta professionista.
Andrea Lucchetta   

Sicuramente nel nostro Dna c'erano i geni giusti, ma il resto è frutto di lavoro, dedizione e passione per questo sport. Senza queste motivazioni non si va da nessuna parte e la storia dei troppi stranieri e a mio avviso una scusa, anche quando giocavo io gli stranieri erano forti ma il problema è un altro: oggi i giovani italiani fanno fatica a percepire quello spirito di sacrificio che fa la differenza, questo li rende pronti per un campionato italiano in cui sono numericamente esigui, ma non all'altezza a livello internazionale. Se a questo aggiungiamo i costi elevati dei vivai rispetto allo straniero usa e getta spinto dal procuratore il discorso diventa ancora più complesso. La ricetta? Rimboccarsi le maniche, lavorare duro e sodo in palestra e farsi trovare pronti quando si è in campo. Oggi non ci sono più garanzie e a mio avviso è giusto così. Forse si potrebbe ridurre la Superlega a dieci club e ampliare il bacino della serie A2 a più squadre in cui gli italiani hanno più chance, ma al momento questa è la realtà e bisogna conviverci. [Riferendosi alla generazione di pallavolisti degli anni '80/90]
Andrea Lucchetta   

La cosa importante è adeguarsi al linguaggio dei tempi e al tipo di interlocutore che si ha davanti, per farlo cerco di esprimermi ad altezza di bambino per rendere la pallavolo fruibile e semplice, questo è quello che ho sempre cercato di fare rendendo le mie telecronache divertenti e cadenzate per mantenere vivo l'interesse. Ho sempre cercato dopo il mio ritiro di esprimermi in modo coinvolgente avendo come target di riferimento una platea più ampia possibile, con un occhio inclusivo e rivolto alle famiglie.
Andrea Lucchetta   

Nello sport la donna sta emergendo prepotentemente, sia come sportiva che come conduttrice. Forse deve studiare di più degli uomini, ma chi se ne importa. Personalmente, credo che in Tv un uomo non sarà mai affascinante quanto una donna. Non parlo di bellezza fisica, di vestito o di manicure. Parlo di fascino, di potenza in video. Una donna forte, con una buona conduzione, riempie un programma molto più di un uomo.
Diletta Leotta   

Per me è una ferita ancora aperta. Quel sabato 14 febbraio 2004 avevo vinto, a Marignane, la penultima tappa del Giro del Mediterraneo. Stavo festeggiando dopo la cena con Scirea e i compagni della Domina Vacanze quando è arrivata la notizia. In pochi momenti sono rimasto così male. Con Marco c'era un rapporto particolare mediato dall'amicizia comune con Fabrizio Borra, il fisioterapista che Marco mi aveva mandato per aiutarmi a rimettermi in sesto, dopo una mia rovinosa caduta alla Valenciana del 2003. In quel periodo stavamo per diventare compagni di squadra. [Parla di Marco Pantani]
Mario Cipollini   

È facile confondere il valore di un obiettivo con la visibilità che ne deriva, è una cosa che succede, e secondo me succede soprattutto agli sportivi, ancor più se diventano campioni.
Alex Zanardi   Tratta da: Volevo solo pedalare - Rizzoli 

lo sport mi aiuta sul lavoro, nella vita privata, nel rapporto con gli altri. Ho un personal trainer da 14 anni. Ogni settimana faccio quattro sedute di allenamento classico in palestra, dividendo i gruppi muscolari (due alla volta) e sollecitando in modo differente la parte alta (meno ripetizioni e più pesi) e la parte bassa (più ripetizioni e meno pesi). Il mercoledì faccio pilates a corpo libero. Nel week-end mi dedico all'allenamento aerobico: corsa o magari corpo libero all'aria aperta. Quando ho cominciato ad allenarmi con continuità, il primo step è stata la respirazione: fondamentale. E poi una cosa che mi aiuta moltissimo è la meditazione, che per quanto mi riguarda significa diventare più consapevoli. Noi spesso siamo in uno stato di sonno-veglia e solo raramente siamo coscienti di ciò che facciamo. Puoi essere produttivo sul lavoro senza esserne cosciente. Più in generale credo che tutti dobbiamo trovare il nostro percorso, prenderci più cura di noi stessi. Perché migliorando noi stessi, miglioriamo anche per gli altri.
Martina Colombari   Tratta da: Gazzetta - 24/08/2018 

 Frasi dalla n° 1 al n° 20 di 'Sport' su 31 Totali


Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Per Webmaster | Privacy | Cont@tti
Trovaci su Facebook