ôLa fine degli anni Sessanta era un periodo straordinario, carico di tensione, di voglia, al di lÓ degli avvenimenti politici e non, che conosciamo, e fare televisione era diventato dequalificante. Mi nauseava un po' una certa formula, mi stavano strette le sue limitazioni di censura, di linguaggio, di espressivitÓ, e allora mi dissi: "D'accordo, ho fatto questo lavoro e ho avuto successo, ma ora a questo successo vorrei porre delle condizioni." Mi sembr˛ che l'attivitÓ teatrale riacquistasse un senso alla luce del mio rifiuto di un certo narcisismo.ö
 Giorgio Gaber  
VOTA questa frase
1
100%
0
0%
Condividi su Facebook
Informazioni sulla frase
Questa frase Ŕ stata visualizzata 1102 volte.
E' stata votata 1 volta.
E' lunga 555 caratteri.

La scheda dell'autore: Giorgio Gaber
Giorgio Gaber, Cantautore, commediografo e regista di teatro
Nascita: Milano il 25/1/1939data morte il 1/1/2003

Conosciuto come Il Signor G, Giorgio Gaber Ŕ stato un uomo che ha dedicato tutta la sua esistenza alle sue pi¨ grandi passioni: la musica ed il teatro. Ha esordito con Luigi Tenco ancora giovanissimo ed in poco tempo ha ottenuto grandi successi, tanto Ŕ vero che ancora oggi viene ricordato con trasporto ed affetto. Infatti, Ŕ uno tra gli artisti con il maggior numero .. Continua

Altre frasi di Giorgio Gaber     Altre frasi Spettacolo (Licenza foto: Pubblico Dominio)

Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Per Webmaster