Come si forma un'onda anomala?
Ti trovi in » Scienze

Onda anomala Golfo di Biscaglia, tra Spagna e Francia
Un onda anomala, conosciuta anche come onda assassina, si forma nelle acque del mare e dà luogo ad un'onda superiore di 2,2 volte rispetto all'altezza delle onde da cui ha avuto origine.
A differenza del maremoto, che si forma in corrispondenza delle coste ed è causato da terremoti sottomarini, eruzioni vulcaniche sottomarine o altri eventi, l'onda anomala può formarsi anche nel bel mezzo dell'oceano o comunque in acque profonde e, come lascia intendere il suo nome, non si hanno certezze sulle cause e le sue origini, tutt'oggi oggetto di ricerca.
Si tratta di onde imprevedibili che, generalmente, provengono da direzioni differenti rispetto a quelle del vento o del tipico modo ondoso. Data la loro imprevedibilità è difficile studiarne la formazione, tanto che gli studi sulle onde anomale sono effettuati per lo più da satelliti ad alta risoluzione.
Le cause di un onda anomala possono essere molteplici e hanno a che fare con le correnti e l'azione dei venti, tuttavia queste variabili non riescono a fornire una dettagliata spiegazione su come l'onda anomala abbia realmente origine.
Tali onde raggiungono altezze di 20-25 metri di altezza e si possono formare anche in acque dove apparentemente non sono presenti elementi scatenanti. Onde anomale si sono formate anche nel Mediterraneo, nei Grandi Laghi del nord America e persino nei mari chiusi il rischio di formazione è presente.

Fenomeno della diffrazione
Tra le varie formazioni studiate quelle di maggiore importanza sono: la diffrazione (deviazione di traiettoria di propagazione), correnti, movimenti non lineari, incontro casuale di due treni di onde. Questi fenomeni possono dare origine a tre categorie principali di onde anomale: una singola onda gigante, tre gruppi di onde, e muri d'acqua.
Le cause della scomparsa di centinaia di imbarcazioni di grande stazza nell'ultimo ventennio sono da attribuire a questo tipo di fenomeno, dato che tali navi riescono a resistere a onde alte fino a 15 metri. Nel 1934, dalla petroliera “UUS rampo” in navigazione nel Pacifico, fu possibile misurare la più grande onda anomala mai registrata, ben 34 metri di altezza per una velocità di oltre 20 m/s e un estensione di 342 metri.

3
75%
1
25%
Condividi su Facebook
Tag: Onde  Mare  


Licenza foto #1 : Malene Thyssen - CC BY-SA 3.0 foto modificata
Licenza foto #2 Onda anomala Golfo di Biscaglia, tra ...: Pubblico dominio
Domande o ricerche su Genio
Digita domanda o argomento: aerei, fiumi etc..
oppure: Come / Chi / Cosa ...


GENIO PaginaInizio.com

© Genio Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005) - P.IVA 01889490502
Home Genio | Cont@tti | Segnala abusi
Genio su Facebook