Perché si fanno tre starnuti alla volta?
Ti trovi in » Salute » Respirazione

Nei periodi freddi, specialmente in corrispondenza di raffreddore, tosse e in generale uno stato influenzale, capita spesso di starnutire. Ma perché il più delle volte non si ha uno starnuto singolo, ma almeno tre o quattro consecutivi?Partiamo dal meccanismo con cui comincia la serie: prima di tutto scatta l'ordine ai polmoni, che fanno il pieno di aria, poi il messaggio arriva al torace e alla faringe che si contraggono, infine avviene l'espulsione, con conseguente aumento dei battiti cardiaci e chiusura degli occhi.Al suono dello starnuto “Etchiù” corrisponde un esplosione di aria che manda all'esterno una miriade di piccole goccioline di muco, le quali escono dalla bocca ad una velocità di circa 160 km/h. Questa reazione del nostro organismo ha lo scopo di eliminare rapidamente dal corpo sostanze estranee come batteri, pulviscolo, virus, polline, muffa etc., liberando la mucosa nasale.Generalmente al primo starnuto ne seguono altri due o tre in serie perché in molti casi è necessario ripetere il meccanismo affinché l'agente che blocca le vie respiratorie sia eliminato in profondità. Dunque il primo starnuto è volto ad indebolire il nemico, il secondo lo fa arrivare alla mucosa nasale e il terzo lo espelle. E' proprio per questo motivo che non è consigliabile trattenere o ancor peggio bloccare lo starnuto, magari tappando il naso o chiudendo la bocca per soffocarlo; così facendo infatti le particelle irritanti non fuoriescono all'esterno ma restano bloccate nell'organismo, con il rischio di prolificare e causare infezioni.Ma non solo, sopprimere uno starnuto può provocare anche un'altra serie di problemi più gravi, tra cui rigonfiamento intorno agli occhi, mal di testa, rottura di un vaso sanguigno nella parte bianca degli occhi, lesione all’interno dell’orecchio che provocare la rottura del timpano o una lesione interna che può portare a vertigini o perdita dell’udito, lesioni al diaframma o indebolimento di un vaso sanguigno del cervello che può causarne persino la rottura a causa del momentaneo aumento della pressione arteriosa.
Insomma, i motivi per evitare di trattenere lo starnuto sono tanti, dunque meglio lasciarlo uscire, avendo comunque l'accortezza di mettere davanti alla bocca una mano oppure, meglio, un fazzoletto.

3
75%
1
25%
Condividi su Google+
Tag e gruppi: Respirazione  Influenza  Corpo  

Commenta o integra questa risposta tramite Facebook

Domande o ricerche su Genio
Digita domanda o argomento: aerei, fiumi etc..
oppure: Come / Chi / Cosa ...


GENIO PaginaInizio.com

© Genio Paginainizio - Diritti riservati
Adv Solutions SRL  (Dal 2005) - P.IVA 01889490502
Home Genio | Domande nuove | Cont@tti | Segnala abusi
Genio su Facebook