Foto di franco basaglia
Frasi di Franco Basaglia
La scheda di Franco Basaglia
Psichiatra e neurologo
Nascita: Venezia (Veneto) il 11/3/1924data morte il 29/8/1980
Nasce in una famiglia facoltosa e si iscrive al corso universitario di medicina a Padova, dove inizia a frequentare un gruppo di antifascisti a causa dei quali trascorre qualche mese in prigione. Si laurea nel '49 e poi nel '53 – stesso anno in cui sposa la psicologa Franca Ongaro – ottiene la specializzazione in neuropsichiatria. Le sue concezioni progressiste lo allontanano dal mondo accademico; lascia così la cattedra in psichiatria per dirigere l'ospedale di Gorizia, entrando sempre più a contatto con le metodologie psichiatriche di impostazione esistenzialista. Dal '62 dà forma alle sue teorie rivoluzionarie trasformando completamente le cure offerte dall'istituto, concentrate principalmente sull'importanza della socialità nel recupero del paziente. Da queste iniziative, nel '68 nasce il testo “L'istituzione negata. Rapporto da un ospedale psichiatrico”, dopo cui assume la direzione dell'ospedale parmense di Colorno e dell'istituto di Trieste, in cui allestisce laboratori creativi e attività lavorative destinate a ridurre l'ingiustificata emarginazione dei pazienti. Il '73 è l'anno di fondazione di “Psichiatria Democratica”, movimento nato sull'onda dell'anti-psichiatria inglese e grossa spinta in direzione dell'omonima “Legge Barsaglia”, approvata dal Parlamento italiano nel '78, che decreta la chiusura dei manicomi e la nascita di istituti di sanità mentale territoriali pubblici. Nel '79 inizia a coordinare quello del Lazio, ma un tumore al cervello diagnosticato l'anno seguente lo conduce alla morte nel giro di pochi mesi.
Condividi su Facebook
La più letta di “Franco basaglia”
La follia è una condizione umana.
Franco Basaglia  

Visto da vicino nessuno è normale.
Franco Basaglia   Inserita: 16/11/2014

Non so che cosa sia la follia. Può essere tutto o niente.
Franco Basaglia   

In medicina, l'incontro tra medico e paziente si attua nel corpo stesso del malato. Questo corpo che si offre al medico per essere curato, non corrisponde al "corpo vissuto", al "corpo proprio", con tutte le modalità e le implicazioni soggettive ad esso inerenti, ma viene considerato dal medico nella sua nuda materialità ed oggettualità.
Franco Basaglia   

Che significato può avere costruire una nuova ideologia scientifica in campo psichiatrico se, esaminando la malattia, si continua a cozzare contro il carattere classista della scienza che dovrebbe studiarla e guarirla?
Franco Basaglia   

Per poter veramente affrontare la "malattia", dovremmo poterla incontrare fuori dalle istituzioni, intendendo con ciò non soltanto fuori dall'istituzione psichiatrica, ma fuori da ogni altra istituzione la cui funzione è quella di etichettare, codificare e fissare in ruoli congelati coloro che vi appartengono. Ma esiste veramente un fuori sul quale e dal quale si possa agire prima che le istituzioni ci distruggano?
Franco Basaglia   

Il malato, che già soffre di una perdita di libertà quale può essere interpretata la malattia, si trova costretto ad aderire ad un nuovo corpo che è quello dell'istituzione, negando ogni desiderio, ogni azione, ogni aspirazione autonoma che lo farebbero sentire ancora vivo e ancora se stesso. Egli diventa un corpo vissuto nell'istituzione, per l'istituzione, tanto da essere considerato come parte integrante delle sue stesse strutture fisiche.
Franco Basaglia   

Ci sono sempre falsi profeti. Ma nel caso della psichiatria è la profezia stessa ad essere falsa, nel suo impedire, con lo schema delle definizioni e classificazioni dei comportamenti e con la violenza con cui li reprime, la comprensione della sofferenza, delle sue origini, del suo rapporto con la realtà della vita e con la possibilità di espressione che l'uomo in essa trova o non trova.
Franco Basaglia   

Quando entrai per la prima volta in una prigione, ero studente in medicina. Lottavo contro il fascismo e fui incarcerato. Mi ricordo della situazione allucinante che mi trovai a vivere. Era l'ora in cui venivano portati fuori i buglioli dalle varie celle. Vi era un odore terribile, un odore di morte. Mi ricordo di aver avuto la sensazione di essere in una sala di anatomia dove si dissezionano i cadaveri. Quattro o cinque anni dopo la laurea, divenni direttore di un manicomio e, quando entrai là per la prima volta, sentii quella medesima sensazione. Non vi era l'odore di escrementi, ma vi era un odore simbolico di escrementi. Mi trovai in una situazione analoga, una intenzione ferma di distruggere quella istituzione. Non era un problema personale, era la certezza che l'istituzione era completamente assurda, che serviva solamente allo psichiatra che lì lavorava per percepire lo stipendio alla fine del mese.
Franco Basaglia   

Il manicomio ha la sua ragione di essere, perché fa diventare razionale l'irrazionale.
Franco Basaglia   

L'irrecuperabilità del malato è spesso implicita nella natura del luogo che lo ospita.
Franco Basaglia   

Voce confusa con la miseria, l'indigenza e la delinquenza, parola resa muta dal linguaggio razionale della malattia, messaggio stroncato dall'internamento e reso indecifrabile dalla definizione di pericolosità e dalla necessità sociale dell'invalidazione, la follia non viene mai ascoltata per ciò che dice o che vorrebbe dire.
Franco Basaglia   

Quando qualcuno è folle ed entra in un manicomio, smette di essere folle per trasformarsi in malato. Diventa razionale in quanto malato.
Franco Basaglia   

Noi desideriamo che il nostro corpo sia rispettato; tracciamo dei limiti che corrispondono alle nostre esigenze, costruiamo un'abitazione al nostro corpo.
Franco Basaglia   

In noi la follia esiste ed è presente come lo è la ragione. Il problema è che la società, per dirsi civile, dovrebbe accettare tanto la ragione quanto la follia, invece incarica una scienza, la psichiatria, di tradurre la follia in malattia allo scopo di eliminarla. Il manicomio ha qui la sua ragion d'essere.
Franco Basaglia   

Aprire l'Istituzione non è aprire una porta, ma la nostra testa di fronte a "questo" malato.
Franco Basaglia   

 16 frasi di 'franco basaglia' su 16 in archivio  (Licenza foto: Haraldbischoff - CC BY-SA 3.0 foto modificata)


Galileo
Galilei
Erno
Rubik

AUTORI per Tipo

Cinema (470)
Letteratura (229)
Musica (120)
Spettacolo (119)
Politica (94)
Sport (86)
Filosofia (71)
Giornalismo (65)
Economia (56)
Religione (53)
Arte (52)
Scienze (51)
Storia (41)
Varie (20)

+ Elenco Autori
+ Elenco Attori
+ Elenco Argomenti
+ Tutte le frasi

Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Per Webmaster
Privacy e informazioni
Privacy e Cookies
Contatti e info