Il nostro corpo ha solo cinque sensi?
Ti trovi in » Scienze » Salute

Oltre a vista, udito, gusto, tatto e olfatto i neuroscienziati ipotizzano l'esistenza di almeno 30 sensi

Oltre a vista, udito, gusto, tatto e olfatto i neuroscienziati ipotizzano l'esistenza di almeno 30 sensi

Sin da piccoli ci è stato sempre detto che i sensi sono solo 5, ovvero vista, udito, gusto, tatto e olfatto, in realtà siamo in grado di percepire molto di più, infatti i neuroscienziati sanno bene che il corpo umano è un fascio di sensi, tanto che molti di loro sostengono l'esistenza di circa 30 sensi diversi.
Aristotele fu il primo a suggerire che percepiamo il mondo grazie ai cinque sensi ma talvolta questi vengono tratti in inganno, anche perché i nostri sensi lavorano insieme e la percezione di uno può influenzare quella di un altro.
Per fare un esempio concreto, quando sentiamo prudere la pelle insieme al bisogno di grattarsi, siamo di fronte ad una sensazione sensoriale diversa dal 'tatto', e quando avvertiamo il senso di fame o sete, siamo di fronte ad un ulteriore senso rilevato dall'organismo, attraverso una sorta di meccanismo naturale.
Ma i nostri sensi che potremmo definire come meno conosciuti, sono molteplici e particolari, abbiamo infatti la equilibriocezione, la cinestesia, la propriocezione, termocezione, la cronocezione etc.

- L'equilibriocezione è il senso di equilibrio che ci aiuta a rimanere in piedi. La propriocezione, o percezione di sé, ci rende consapevoli di dove sono le parti del corpo senza doverle guardare. Grazie a questo senso, siamo in grado di digitare su una tastiera senza guardare le mani.
- La termocezione ci aiuta a percepire la temperatura intorno a noi.
- La cinestesia è la percezione del movimento.
- La nocicezione ci aiuta ad avvertire il dolore nel nostro corpo umano.
- La cronocezione ci aiuta a cogliere il passare del tempo.

Ci sono però alcuni sensi che sono presenti principalmente negli animali, ma sono sviluppati anche negli umani, sebbene in modo molto inferiore e spesso non rilevabile. Ad esempio l'elettrocezione, ovvero la capacità di percepire i campi elettrici, e la magnetorecezione ovvero la capacità di percepire i campi magnetici. A esempio molti animali riescono a orientarsi grazie alla percezione del campo magnetico terrestre.

In conclusione è possibile che ci limitiamo solo a una piccola parte di tutto ciò che possiamo realmente percepire e la nostra esperienza del mondo è plurisensoriale.

2
100%
0
0%
Condividi su Facebook
Tag: Salute  


Licenza foto #1 Oltre a vista, udito, gusto, tatto e ...: Pubblico dominio







Qual è la portaerei più grande del mondo?











Come trasformare lo smartphone in una lente di ingrandimento?








Perché il Coronavirus si è diffuso molto in Italia?




Domande o ricerche su Genio
Digita domanda o argomento: aerei, fiumi etc..
oppure: Come / Chi / Cosa ...


GENIO PaginaInizio.com

© Genio Paginainizio - Adv Solutions SRL 
(Siamo online dal 2005)

Home Genio | Segnalazioni