Cos'è e come si prepara l'acqua di San Giovanni?
Ti trovi in » Hobby » Corpo

Per preparare l'acqua di San Giovanni bisogna raccogliere erbe e fiori con proprietà benefiche

Per preparare l'acqua di San Giovanni bisogna raccogliere erbe e fiori con proprietà benefiche

L'acqua di San Giovanni è una tradizione antica e affascinante che trova le sue radici nella cultura popolare italiana. Questa usanza è legata alla notte tra il 23 e il 24 giugno, conosciuta come la notte di San Giovanni.
La leggenda narra che durante questa notte, la rugiada abbia poteri magici e purificatori, in grado di proteggere dalle malattie e portare fortuna. Per catturare questi benefici, le persone preparano l'acqua di San Giovanni, un'infusione di erbe e fiori che viene lasciata all'aperto durante la notte per assorbire la rugiada e l'energia della natura.

L'utilizzo dell'acqua di San Giovanni

L'acqua di San Giovanni è destinata a molti usi, ma tutti loro si basano sul fatto che l'acqua stessa contenga proprietà protettive e purificanti. Al mattino presto del 24 giugno, l'acqua viene raccolta, quindi filtrata da erba e fiori e può essere usata per lavare il viso e il corpo come un mezzo di purificazione e ringiovanimento. Affermano che chi si lava con essa diventa fortunato, sano e bello. L'acqua di San Giovanni può anche essere usata per la purificazione della casa. Lavare gli angoli delle stanze, nonché gli oggetti personali, si ritiene sia uno strumento di difesa contro le energie negative e una benedizione.
Molte persone mantengono una piccola quantità di questa acqua e la usano per tutto l'anno a seconda delle circostanze; questo diventa in effetti una sorta di amuleto liquido. Puoi anche dare l'acqua di San Giovanni come concime parallelo per dare alle tue piante d'appartamento l'essenza salutare delle erbe, il che dovrebbe rendere le piante più vigorose con una migliore resistenza alle malattie.

Preparazione dell'acqua di San Giovanni

Per preparare l'acqua di San Giovanni, è necessario raccogliere una varietà di erbe e fiori con proprietà benefiche. La scelta delle piante può variare a seconda delle tradizioni locali, ma ci sono alcune erbe comuni che vengono utilizzate frequentemente. Tra queste troviamo la lavanda, il rosmarino, la menta, la salvia, il iperico (anche noto come erba di San Giovanni), il timo e il rabarbaro. I fiori utilizzati includono la rosa, il gelsomino, la camomilla e il papavero.

Il processo di preparazione inizia raccogliendo le erbe e i fiori nel tardo pomeriggio del 23 giugno. È importante che le piante siano fresche e in buone condizioni. Dopo averle raccolte, vengono lavate delicatamente per rimuovere eventuali impurità.

Successivamente, si riempie una grande bacinella di vetro o ceramica con acqua pura, preferibilmente di sorgente o distillata, e vi si immergono le erbe e i fiori raccolti. La bacinella viene poi lasciata all'aperto per tutta la notte, in un luogo dove possa ricevere la rugiada e la luce della luna.





Qual è l'origine storica dell'acqua di San Giovanni?

L'acqua di San Giovanni ha una tradizione risalente all'antichità, quando il solstizio d'estate era festeggiato dalle persone pagane. I rituali facevano parte del culto della natura e della fertilità. A misura che il Cristianesimo divenne la principale religione professata, gran parte di questi rituali furono adattati e inclusi nelle celebrazioni religiose. San Giovanni Battista, a cui cade l'onomastico il 24 giugno, era il prototipo della purificazione e del battesimo.

Perché quella notte specifica tra il 23 e 24 giugno?

La notte del 23-24 giugno è magica per la semplice ragione che è un momento molto vicino al solstizio estivo, la giornata più lunga dell'anno. La notte è simbolicamente significativa e incarna il tempo di massima potenza, massimi effetti solari e massimo splendore nella natura. L'estate stessa, che inizia questa notte, viene considerata magica e riversa le sue qualità benefiche nell'acqua e nell'erba stesse intrise di rugiada.

Quali sono le altre erbe meno conosciute che vengono usate con l'acqua

Oltre alle erbe più familiari come la lavanda, il rosmarino e la salvia, ci sono un certo numero di piante meno conosciute che possono essere usate per preparare l'acqua di San Giovanni. L'iperico, o erba di San Giovanni, è considerato il preferito, con il massimo rispetto attribuito alle sue proprietà medicinali. Altri meno conosciuti ma comunque usati sono l'achillea, creduta avere proprietà protettive, e l'elicriso, noto per le sue proprietà purgative.

La ricetta per l'acqua di San Giovanni varia da regione a regione?

Sì, ci sono molte versioni regionali dell'acqua di San Giovanni. In alcune, come la Toscana, si mettono addirittura petali di papavero e fiori di sambuco. In altre, come la Sardegna, vengono utilizzate alcune erbe locali particolari come la ferula. Ogni regione ha le sue caratteristiche e tradizioni, il che rende l'acqua di San Giovanni una pratica differente e molto radicata nella cultura locale.

In quale modo la Luna contribuisce a creare l'Acqua di San Giovanni?

La luna è un elemento chiave nella creazione dell'acqua di San Giovanni. Si pensa che la luce della luna, soprattutto della luna piena, conferisca all'acqua una qualità particolare di purificazione e rinforzo. La luce della luna è simbolica di intuizione e rinascita, e infondere potere all'acqua lasciandola fuori di notte sotto la luce della luna di San Giovanni è parte integrante del procedimento.

L'acqua di San Giovanni può essere utilizzata per la cura della pelle?

Sì, l'acqua di San Giovanni può essere usata a fini cosmetici. A causa degli ingredienti naturali che vengono utilizzati per l'infusione, può essere applicata come un tonico viso che purifica, rinfresca e illumina la pelle. È una sostanza che può essere utilizzata nei bagni anche perché si dice che calmi i nervi e rilassi i muscoli a causa delle proprietà aromatiche e calmanti delle piante utilizzate.

Ci sono interazioni negative connesse all'acqua di San Giovanni?

Se utilizzata correttamente, l'acqua di San Giovanni è completamente sicura, ma bisogna tenere a mente che si può essere allergici a una delle erbe con cui è preparata. Molte persone reagiscono con eruzioni cutanee a una o più piante, quindi è meglio fare un test in una piccola area di pelle prima di usarla su tutto il corpo. Non è nemmeno una buona idea bere l'acqua se non si è sicuri del tipo di erbe utilizzate, in quanto alcune di esse potrebbero non essere commestibili.

Come si conserva l'Acqua di San Giovanni?

L'acqua di San Giovanni deve essere conservata in una bottiglia di vetro ben chiusa e mantenuta in un luogo fresco e buio. Idealmente dovrebbe essere consumata entro alcune settimane, in modo che l'effetto delle erbe non vada perso. Se si vuole conservarla per un periodo più lungo, si può aggiungere un po' di conservante naturale come, ad esempio, alcune gocce di olio essenziale di lavanda.

2
100%
0
0%
Condividi su Facebook
Tag: Corpo  Pulizie  Giardinaggio  


Licenza foto #1 Per preparare l'acqua di San Giovanni ...: Pubblico dominio







Quali sono gli animali a rischio estinzione?











Perché il pesce martello ha la testa di quella forma?








Di cosa hanno paura i neonati?




Domande o ricerche su Genio
Digita domanda o argomento: aerei, fiumi etc..
oppure: Come / Chi / Cosa ...


Genio PaginaInizio.com

© Adv Solutions SRL 
(Online dal 2005)

Home Genio | Argomenti