Foto di antonio tabucchi
Frasi di Antonio Tabucchi
La scheda di Antonio Tabucchi
Scrittore, critico e traduttore
Nascita: Pisa il 24/9/1943data morte il 25/3/2012
Antonio Tabucchi è stato il maggior conoscitore di Fernando Pessoa, per i cui romanzi ha fatto le traduzioni in italiano. Ma la sua carriera letteraria non si è contraddistinta solo per le traduzioni, bensì anche per la scrittura e l'insegnamento. Ha avuto diverse cattedre come docente universitario di lingua e letteratura portoghese, lingua che ha conosciuto grazie alla moglie, originaria del Portogallo, paese a cui Tabucchi si legò profondamente. Ed ha firmato molteplici opere che gli sono valse prestigiosi premi, come il Campiello per il famoso "Sostiene Pereira".
Condividi su Facebook
La più letta di “Antonio tabucchi”
La notte è calda, la notte è lunga, la notte è magnifica per ascoltare storie.
Antonio Tabucchi  

Pensò ai venti della vita, perché ci sono venti che accompagnano la vita: lo zefiro soave, il vento caldo della gioventù che poi il maestrale si incarica di rinfrescare, certi libecci, lo scirocco che accascia, il vento gelido di tramontana. Aria, pensò, la vita è fatta d’aria, un soffio e via.
Antonio Tabucchi   Inserita: 21/10/2019

Ma forse mancano i viaggi più straordinari. Sono quelli che non ho mai fatto, quelli che non potrò mai fare. Restano non scritti, o chiusi in un loro segreto alfabeto sotto le palpebre, la sera. Poi arriva il sonno, e si salpa.
Antonio Tabucchi   Inserita: 15/10/2016

La vita non è in ordine alfabetico come credete voi. Appare… un po’ qua e un po’ là, come meglio crede, sono briciole, il problema è raccoglierle dopo, è un mucchietto di sabbia, e qual è il granello che sostiene l’altro? A volte quello che sta sul cocuzzolo e sembra sorretto da tutto il mucchietto, è proprio lui che tiene insieme tutti gli altri, perché quel mucchietto non ubbidisce alle leggi della fisica, togli il granello che credevi non sorreggesse niente e crolla tutto, la sabbia scivola, si appiattisce e non ti resta altro che farci ghirigori col dito, degli andirivieni, sentieri che non portano da nessuna parte, e dai e dai, stai lì a tracciare andirivieni, ma dove sarà quel benedetto granello che teneva tutto insieme...e poi un giorno il dito si ferma da sé, non ce la fa più a fare ghirigori, sulla sabbia c’è un tracciato strano, un disegno senza logica e senza costrutto, e ti viene un sospetto, che il senso di tutta quella roba lì erano i ghirigori.
Antonio Tabucchi   Inserita: 13/07/2013

Guarda le capre: sopravvivono con niente, mangiano anche i pruni e leccano perfino il sale.
Antonio Tabucchi   Tratta da: Si sta facendo sempre più tardi - Feltrinelli 

Come piacerebbe questo luogo a certi poeti che conosciamo, perché è così scabro, essenziale, fatto di pietre, montagnole brulle, spini, capre. Mi è perfino venuto da pensare che quest'isola non esista, e di averla trovata solo perché la stavo immaginando.
Antonio Tabucchi   Tratta da: Si sta facendo sempre più tardi - Feltrinelli 

Per conoscere un luogo non è sempre necessario esserci stati.
Antonio Tabucchi   

 7 frasi di 'antonio tabucchi' su 7 in archivio  (Licenza foto: Rebeca Yanke - CC BY-SA 2.0 foto modificata)


Arthur
Bloch
Antoine
de
Saint
Exupéry

AUTORI per Tipo

Cinema (410)
Letteratura (207)
Musica (111)
Spettacolo (111)
Politica (87)
Sport (82)
Filosofia (69)
Giornalismo (59)
Economia (53)
Religione (52)
Arte (50)
Scienze (48)
Storia (40)
Varie (19)

+ Elenco Autori
+ Elenco Attori
+ Elenco Argomenti
+ Tutte le frasi

Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Barzellette | Per Webmaster | Cont@tti
Trovaci su Facebook