×
Ultime Frasi
Frasi di Film
Frasi Celebri
Aforismi
Frasi Amore
Frasi Belle
Frasi Poster
Film Poster
Le Poesie
Gli Indovinelli
Rompicapo
I Proverbi
Modi di dire
Palindromi
Scioglilingua
Auguri Feste
Argomenti
Top mese
INDICI ED ELENCHI
+ Elenco Autori + Elenco Attori + Film A-Z + Film per Anno
NETWORK PaginaInizio
⚒ Servizi e strumenti ⇐  Chiudi menù
© Adv Solutions SRL (2005-2022)
Frasi sulla rivolta [2/3]
Recenti ↓ | Più cliccate  | Meglio Votate
Izia Higelin nel ruolo di...
Manu: “Da quanto tempo è che è in Francia?”
Omar Sy nel ruolo di...
Samba: “Quasi 10 anni.”
Manu: “Ci racconti come è andata.” poi rivolta ad Alice “Alice, tu prendi appunti”
Samba: “Lavoro nel settore della ristorazione da diversi anni, per ora lavo i piatti, ma presto passerò a lavorare come cuoco.”
Manu: “Bene.”
Samba: “Il mio datore di lavoro mi ha dato una lettera di impegno all'assunzione, avevo già fatto domanda di permesso di soggiorno e pensavo che la lettera potesse servire, così sono andato in prefettura a fare la fila e là mi hanno detto che avevano già mandato una risposta per dirmi che non erano d'accordo, ma io non ho ricevuto niente, nel mio palazzo abbiamo problemi con la cassetta della posta e...vogliono espellermi.”

Un uccello chiuso in gabbia in primavera sa perfettamente che c'è qualcosa per cui egli è adatto, sa benissimo che c'è qualcosa da fare, ma che non può fare; che cosa è? non se lo ricorda bene, ha delle idee vaghe e dice a se stesso: «Gli altri fanno il nido e i loro piccoli e allevano la covata», e batte la testa contro le sbarre della gabbia. E la gabbia rimane chiusa, e lui è pazzo di dolore. «Ecco un e fannullone» dice altro uccello che passa di là, « quello é come uno che vive di rendita.» Intanto il prigioniero continua a un vivere e non muore, nulla traspare di quello che prova, sta bene e il raggio di sole riesce a rallegrarlo. Ma arriva il tempo della migrazione. Accessi di malinconia- ma i ragazzi che lo curano nella sua gabbia si dicono che ha tutto ciò che può desiderare- però lui sta a guardare fuori il cielo turgido, carico di tempesta, e sente in sé la rivolta contro la propria fatalità. «lo sono in gabbia, sono in prigione, e non mi manca dunque niente, imbecilli? Ho tutto ciò che mi serve! Ah, di grazia, la libertà, essere un uccello come tutti gli altri!»
Quel tipo di fannullone è come quell'uccello fannullone.
E gli uomini si trovano spesso nell'impossibilità di fare qualcosa, prigionieri di non so quale gabbia orribile, orribile, spaventosamente orribile.
Lo so che c'è anche la liberazione, la liberazione tardiva. Una reputazione rovinata a torto o a ragione, la timidezza, la fatalità delle circostanze, la disgrazia, ecco tutto quello che rende gli uomini dei prigionieri.



www.PaginaInizio.com
© Adv Solutions SRL (2005-2022)