Frasi sulla guerra
Guerra
Frasi sulla guerra
Pagina 9/11
Ci vogliono 15.000 vittime per formare un grande generale.
Ferdinand Foch   

Gli aerei sono giocattoli interessanti, ma di nessun valore militare.
Ferdinand Foch   

Il mio centro sta cedendo il passo, il mio diritto è in ritirata; situazione eccellente. Io attacco.
Ferdinand Foch   

Una battaglia vinta è una battaglia dove non ci si confessa di essere stati battuti.
Ferdinand Foch   

La vittoria è la volontà.
Ferdinand Foch   

L'Italia sta aumentando la sua attenzione verso la Somalia. In fondo i somali si sono fidati dell'Italia, anche se si trattava di uno dei paese sconfitti durante la seconda guerra mondiale. All'epoca avremmo potuto cercare il sostegno dei vincitori, e invece abbiamo deciso di fidarci dell'Italia per costruire lo stato somalo.
Hassan Sheikh Mohamud   

La Somalia ha perso due generazioni di ragazzi, quelli che avevano 5 anni nel 1990 e oggi hanno 28 anni. Non possiedono gli strumenti per vivere, tutto quello che sanno fare è come usare una pistola, nient'altro. Questo rende vulnerabili i nostri giovani che vengono facilmente reclutati dagli estremisti di Al-Shabaab o dalla pirateria.
Hassan Sheikh Mohamud   

La pirateria nasce sulla terraferma, e non nel mare. Si tratta di persone che si sono imbarcate ed ora stanno
ritornando a terra. In questo momento la pirateria in mare è quasi nulla, ci sono ancora dei piccoli incidenti, ma è quasi debellata. Il vero problema è che questi ragazzi sono tornati a terra e questi sono gli effetti di una guerra civile così prolungata.
Hassan Sheikh Mohamud   

A causa della guerra civile, abbiamo perso tutti i documenti, anche gli archivi nazionali…tutto e solo l'Italia ha oggi copia di certa documentazione, consultabile da voi in Italia. Per noi è fondamentale per permettere ai somali di sapere da dove vengono.
Hassan Sheikh Mohamud   

Venni, vidi, vinsi.
Giulio Cesare   

L'uomo guerriero in tempo di pace combatte sé stesso.
Giulio Cesare   

Stando qui inizia la mia rovina. Venendo là inizia quella degli altri. (Pronunciata sul fiume Rubicone)
Giulio Cesare   

Il dato è tratto.
Giulio Cesare   

I nemici avrebbero avuto la vittoria se avessero avuto chi sa vincere.
Giulio Cesare   

Sono venuta qui, in una città del re, a parlare con Robert de Baudricourt, perché voglia condurmi o farmi condurre dal re. Non si preoccupi di me, o di quello che dico; tuttavia prima di metà quaresima bisogna che sia davanti al re, dovessi consumarmi le gambe fino alle ginocchia. Perché nessuno al mondo, né re, né duchi, né figlia del re di Scozia, nessuno, può riconquistare il regno di Francia; non c'è per lui soccorso se non da parte mia; anche se preferirei rimanere a filare a fianco di mia madre, povera donna, perché tutto questo non è nella mia condizione; ma bisogna che vada, che agisca così, perché il mio Signore lo vuole.
Giovanna d'Arco   

Per noi che ne eravamo fuggiti le notizie che arrivavano dall'Europa erano sconvolgenti. Ricordo i cinegiornali che mostravano le prime truppe naziste scendere lungo gli Champs Elysees... Serena era incinta. Nascondevo i giornali perché non li vedesse.
Franco Modigliani   Tratta da: archiviostorico.corriere.it - 20/04/1998 

Tornammo a Roma, dove l'aria ormai si era fatta pesantissima, solo perché dovevo discutere la tesi. Ormai non avevo piu' nessuno, li'. Solo mio fratello. Mio padre era morto. Mia madre si era rifugiata in Israele. I genitori di Serena erano molto preoccupati. Temevano che restassimo bloccati.
Franco Modigliani   Tratta da: archiviostorico.corriere.it - 20/04/1998 

Con l'Europa non si afferma un’idea di pace, ma di guerra: paesi l'un contro l'altro armati. Io non ce l'ho con la Germania: difende i suoi interessi. Dovremmo farlo tutti.
Marine Le Pen   

Non possiamo ignorare una qualsiasi parte del mondo con la scusa che è troppo lontana dai nostri interessi per dovercene occupare. L'inizio degli anni ottanta ci ha ricordato questa lezione con gli avvenimenti dell'Afghanistan: fatto che ha anche presentato il suo lato ironico, in quanto per molti anni i cronisti americani hanno denigrato le analisi di ciò che accadeva nelle terre lontane definendolo afghanistanismo (...).
Richard Nixon   

A perdere, se così si può dire, sono stati i nostri padri che hanno fatto la guerra, si sono svegliati in un mondo completamente diverso da quello che avevano conosciuto e che hanno stentato a capire fino alla fine dei loro giorni. Noi, a conti fatti, siamo stati fortunati: abbiamo vissuto la stagione della ricostruzione e del boom, poi, nel ’68, molte cose sono cambiate, un po’ per i tempi e un po’ perché anche noi abbiamo forzato il corso degli eventi. No, la nostra generazione non ha perso.
Francesco Guccini   Tratta da: glialtrionline.it - 17/03/2013 

 Frasi dalla n° 161 al n° 180 di 'Guerra' su 216 Totali


Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Per Webmaster | Privacy | Cont@tti
Trovaci su Facebook