Frasi sulla guerra
Guerra
Frasi sulla guerra
Pagina 7/10
Nella classe politica precedente c’erano un senso della cosa pubblica e dello Stato più forti, forse perché alcuni leader venivano dalla guerra e da situazioni di forte disagio.
Diego Della Valle   

La storia dell'Europa ci insegna che le dittature nascono nei paesi dove c'è stata in precedenza una grande guerra o una crisi economica, quando la classe politica non è più credibile e dove ci sono contrasti sociali tra coloro che si ritengono poveri e coloro che sono maggiormente agiati.
Giampaolo Pansa   

Quando scoppia una guerra, la prima vittima è la verità. Dopo la verità, la seconda vittima è la donna.
Giampaolo Pansa   

Marxista è soltanto colui che estende il riconoscimento della lotta delle classi sino al riconoscimento della dittatura del proletariato.
Lenin   

Chi teme d'essere conquistato è prossimo alla sconfitta.
Napoleone Bonaparte   

Il crescere della democrazia ha dato vigore al sentimento di eguaglianza tra i due sessi; ma è probabile che maggiormente ha operato il non esservi più state guerre; poiché è in queste che principalmente appare la superiorità dell'uomo.
Vilfredo Pareto   

Don Pasquino Borghi eroico sacerdote nato in una famiglia contadina che in tutta la sua vita non rinnegò mai la sua origine e si trovò sempre bene fra i poveri e la gente semplice del lavoro. Aiutò con coraggio i partigiani andati in montagna e la sua canonica divenne rifugio per i combattenti, per i soldati che cercavano di sfuggire ai tedeschi.
Nilde Iotti   

La promiscuità fra maschi e femmine nell'organizzazione della Resistenza era un fatto vissuto con serenità e gli uomini, anzi, avevano molto rispetto per le donne perché la loro azione era importante e perché si viveva in una situazione di urgenza e di emergenza.
Nilde Iotti   

Quanto più largamente penetrerà nel popolo la convinzione che aggressione contro altri paesi significa rovina e morte per il proprio, significa rovina e morte per ogni cittadino individualmente preso, tanto meglio sarà per l'avvenire d'Italia.
Palmiro Togliatti   

L'avanzata del fascismo verso la distruzione di ogni forma di democrazia e verso una nuova guerra, erano opera dei gruppi più reazionari e sciovinisti della borghesia capitalistica. Essa colpiva i diritti, gli interessi, le aspirazioni non degli operai soltanto, ma della grande maggioranza delle popolazioni, di tutti i movimenti politici non reazionari, di tutti coloro che amavano la civiltà o la pace. La iniziativa di una collaborazione di tutte queste forze per salvare, con un'azione comune, la pace e la democrazia, poteva però essere presa, come i fatti stessi dimostrarono, soltanto dalla classe operaia, che delle forze borghesi reazionarie è l'antagonista storico oggettivo.
Palmiro Togliatti   

Non c'è dubbio che il popolo italiano è stato avvelenato dall'ideologia imperialista e brigantesca del fascismo. Non nella stessa misura che il popolo tedesco, ma in misura considerevole. Il veleno è penetrato tra i contadini, gli operai, non parliamo della piccola borghesia e degli intellettuali, è penetrato nel popolo insomma. Il fatto che per migliaia e migliaia di famiglie la guerra di Mussolini, e soprattutto la spedizione contro la Russia, si concludano con una tragedia, con un lutto personale, è il migliore, è il più efficace degli antidoti.
Palmiro Togliatti   

La social-democrazia è semplicemente l'incorporamento della moderna lotta della classe proletaria, una lotta che è guidata da una coscienza delle proprie storiche conseguenze.
Rosa Luxemburg   

È necessario qui ripetere che noi non resistiamo agli israeliani perché sono ebrei. Come questione di principio, non abbiamo pregiudizi con gli ebrei o i cristiani, ma abbiamo un problema con chi ci attacca e ci opprime. Per molti secoli, cristiani, ebrei e musulmani hanno convissuto in pace in questa parte del mondo. La nostra società non fu mai testimone del genere di razzismo e del genocidio contro "l'altro" che l'Europa ha conosciuto fino a poco tempo fa. Questi problemi sono iniziati in Europa. Il colonialismo fu imposto in questa regione dall'Europa, e Israele fu il prodotto dell'oppressione degli ebrei in Europa e non di un qualche problema esistente in terra musulmana.
Khaled Mesh'al   

Sin dalla sua creazione, 22 anni fa, Hamas ha limitato il suo campo di operazioni militari alla Palestina occupata.
Khaled Mesh'al   Tratta da: resistenze.org - 17/09/2009 

Ho vissuto a Silwad per 11 anni fino alla guerra del 1967, quando fui costretto insieme alla mia famiglia, come centinaia di migliaia di palestinesi, ad abbandonare le nostre case e a trasferirci in Giordania. Questa è stata un'esperienza sconvolgente che non dimenticherò mai.
Khaled Mesh'al   

Il nostro obiettivo è quello di porre fine all'occupazione senza uccidere la gente. Se il mondo è in grado di essere onesto con noi e ci ridà indietro la nostra terra e i nostri diritti, non avremo più bisogno di combattimento e resistenza.
Khaled Mesh'al   

Finché siamo sotto occupazione la resistenza è un nostro diritto.
Khaled Mesh'al   

Penso che dovremmo restare concentrati sul vero problema del Medio Oriente. Non è Israele. Sono queste dittature che stanno sviluppando armi nucleari con l'obiettivo specifico di spazzare via Israele.
Benjamin Netanyahu   

Non credo che Israele possa accettare una base terroristica iraniana accanto alle sue grandi città, più di quanto gli Stati Uniti potrebbero accettare una base di al Qaeda vicino a New York City.
Benjamin Netanyahu   

La verità è che se Israele dovesse mettere giù le armi non ci sarebbe più Israele. Se erano gli arabi a deporre le armi, non ci sarebbe più la guerra.
Benjamin Netanyahu   

 Frasi dalla n° 121 al n° 140 di 'Guerra' su 198 Totali


Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Barzellette | Per Webmaster | Cont@tti
Trovaci su Facebook