Frasi sui virus
Virus
Frasi sui virus
Raccolta di citazioni e opinioni sui virus e sui batteri, sulla loro portata e pericolosità. La minaccia periodica di virus e batteri pone grandi interrogativi sulla globalizzazione e sul rischio di nuove pandemie.
Condividi su Facebook
La clausura imposta dal virus replicò l'impazzimento nella vita reale, ma con due differenze decisive: i concorrenti si conoscevano tutti benissimo, o almeno così credevano, e non era possibile sbattere fuori casa nessuno.
Massimo Gramellini   Inserita: 05/01/2021 Tratta da: C'era una volta adesso - Longanesi

È naturale che i virus emergano in una Terra dove l’uomo è andato a disturbare tutti gli ecosistemi e ha minacciato le specie naturali. Questo è uno dei tanti virus che si sono rilevati negli ultimi anni e probabilmente non sarà l’ultimo se continuiamo in questo modo.
Luca Mercalli   Inserita: 07/11/2020

La vita sulla Terra è a crescente rischio di essere spazzata via da una catastrofe, come ad esempio una improvvisa guerra nucleare globale, un virus geneticamente modificato o altri pericoli a cui non abbiamo ancora pensato.
Stephen Hawking   Inserita: 29/10/2020

La pandemia in Italia ha dimostrato che siamo tutti uguali, fino alla scomparsa del Coronavirus.
Francesco Agati   Inserita: 20/04/2020

Il virus ci ha insegnato una cosa: in un mondo che vuole innalzare muri, la natura ci ha dimostrato che i confini non esistono.
Maria Rita Gismondo   Inserita: 19/04/2020

Alla pandemia del virus vogliamo rispondere con la universalità della preghiera, della compassione, della tenerezza. Rimaniamo uniti.
Papa Francesco   Inserita: 12/04/2020

A due mesi dalla proclamazione dello stato di emergenza, il governo ancora non trova le mascherine per proteggerci, neanche per chi è in prima linea. E' come se ci avessero mandato in guerra senza munizioni.
Alessandro Sallusti   Inserita: 02/04/2020 Tratta da: Intervista a Stasera Italia (01/04/2020)

Mi accusavate di essere razzista quando chiedevo controlli su tutti coloro che tornavano dalla Cina ed eravate voi quelli che mi sbeffeggiavano con parole insolenti perché avevo cercato,indossando la mascherina, di allertare le persone sul fatto che questa non sarebbe stata una passeggiata di salute. Voi avete detto che ero la causa della perdita di credibilità del nostro Paese. (Rivolto ai giornalisti)
Attilio Fontana   Inserita: 01/04/2020 Tratta da: Intervista del 31/03/2020

La prossima guerra che ci distruggerà non sarà fatta di armi atomiche ma di batteri. Un virus sconosciuto potrebbe uccidere nei prossimi anni milioni di persone e causare una perdita finanziaria di 3.000 miliardi in tutto il mondo.
Bill Gates   Inserita: 16/03/2020 Tratta da: Intervista del maggio 2015

Renzi sta rosicando, era al centro del ring ma il Coronavirus l'ha buttato fuori.
Alessandro Sallusti   Inserita: 16/03/2020

La sofferenza è un momento, la bellezza della vita è infinita.
Buona guarigione ai malati.
La redazione   Inserita: 15/03/2020

Da quanto abbiamo potuto vedere, e in base alla nostra esperienza, per strada ci sono ancora troppe persone e comportamenti da migliorare. In base alle prime valutazioni, non tutti coloro che stiamo vedendo in strada portano le mascherine o le portano in maniera corretta. Bisogna poi aprire le finestre ed evitare assembramenti.
Liang Zongan   Inserita: 15/03/2020 Tratta da: Medici polmonari cinesi ospitati a Roma (14/03/2020)

Lo hanno deriso, il presidente Fontana, per quella mascherina goffamente indossata. Quella mascherina è stata invece il segnale incompreso, non serviva a proteggere lui, che comunque era protetto e al sicuro, ma tutti noi che ancora vagavamo scettici e incoscienti.
Alessandro Sallusti   Inserita: 14/03/2020

Stasera sono qui senza mascherina perché a Milano da 10 giorni non si trovano. Il Governo ci ha lasciato senza, ieri al mercato nero mi hanno chiesto 36 euro. Il Governo ci dia queste ca..o di mascherine a noi lombardi!
Alessandro Sallusti   Inserita: 12/03/2020

Uno sciame virale attraversa la terra. Covid è come il morbillo, aspettiamoci sorprese.
Ilaria Capua   Inserita: 02/03/2020

A noi mortali la vita "in purezza" non è data. Il tempo ci rende "sanamente impuri", in lotta continua contro la morte, e per questo fecondi e creativi nel costruire la vita. Un virus ci ha ricordato questa impurità, sgretolando le facciate di febbrili routine e mostrandoci le fondamenta su cui viviamo, perché è di fronte alla paura della morte che si vede, tra ridicolo e ferocia, chi siamo veramente. Le fondamenta di una società che si dice "progredita" appaiono incerte e siamo costretti a chiederci su cosa abbiamo costruito, in cosa abbiamo avuto fede e, magari, come ricostruire.
Alessandro D'Avenia   Inserita: 02/03/2020 Tratta da: Corriere - 02/03/2020

Ci sono i virologi, quelli che dovrebbero tranquillizzare tutti che litigano! Burioni e la Gismondo sono d’accordo solo su una cosa: “Bisogna lavarsi le mani”. Siamo nel 2020, spendiamo milioni di euro in ricerca, mandiamo sonde su Marte e ci danno gli stessi consigli che davano già nella peste del Manzoni? Però guardiamo anche il virus mezzo pieno: è anche la prima volta che siamo leader in Europa per qualcosa. Ci temono tutti, abbiamo l’arma segreta: “Mani in alto, questo è un milanese col raffreddore”.
Maurizio Crozza   Inserita: 29/02/2020

Cari ragazzi, niente di nuovo sotto il sole, mi verrebbe da dire, eppure la scuola chiusa mi impone di parlare. Quello che voglio però dirvi è di mantenere il sangue freddo, di non lasciarvi trascinare dal delirio collettivo, di continuare – con le dovute precauzioni – a fare una vita normale. Approfittate di queste giornate per fare delle passeggiate, per leggere un buon libro, non c’è alcun motivo – se state bene – di restare chiusi in casa. Non c’è alcun motivo per prendere d’assalto i supermercati e le farmacie, le mascherine lasciatele a chi è malato, servono solo a loro. La velocità con cui una malattia può spostarsi da un capo all’altro del mondo è figlia del nostro tempo, non esistono muri che le possano fermare, secoli fa si spostavano ugualmente, solo un po’ più lentamente. Uno dei rischi più grandi in vicende del genere, ce lo insegnano Manzoni e forse ancor più Boccaccio, è l’avvelenamento della vita sociale, dei rapporti umani, l’imbarbarimento del vivere civile. L’istinto atavico quando ci si sente minacciati da un nemico invisibile è quello di vederlo ovunque, il pericolo è quello di guardare ad ogni nostro simile come ad una minaccia, come ad un potenziale aggressore. Rispetto alle epidemie del XIV e del XVII secolo noi abbiamo dalla nostra parte la medicina moderna, non è poco credetemi, i suoi progressi, le sue certezze, usiamo il pensiero razionale di cui è figlia per preservare il bene più prezioso che possediamo, il nostro tessuto sociale, la nostra umanità. Se non riusciremo a farlo la peste avrà vinto davvero. Vi aspetto presto a scuola.
Domenico Squillace   Inserita: 27/02/2020 Tratta da: Lettera agli studenti del liceo Volta (27/02/2020)

Attenzione a chi, superficialmente, dà informazioni completamente sbagliate. Qualcuno, da tempo, ripete una scemenza di dimensioni gigantesche: la malattia causata dal Coronavirus sarebbe poco più di un'influenza. Ebbene, questo purtroppo non è vero.
Roberto Burioni   Inserita: 23/02/2020

Senza panico, senza paura o comportamenti insensati, dobbiamo fare sì che questo contagio diminuisca. Ma quello che è importante è l'isolamento dei possibili contagi. Questa è la forza che abbiamo. Questi contagi avvengono per lo più con le mani. Quindi bisogna lavarsi le mani e usare quei gel alcolici ed evitare le occasioni di contatto.
Roberto Burioni   Inserita: 23/02/2020

Il Coronavirus lo prendiamo molto sul serio perché è un virus nuovo: questo significa che nessuno di noi è immune. L'influenza invece è una malattia stagionale per la quale le persone a più rischio posso essere protette adeguatamente. Eppure fa 50mila morti ogni anno in Europa. Tuttavia il vaccino esiste e funziona, e noi lo raccomandiamo agli anziani, alle donne in gravidanza, ai malati cronici e al personale sanitario. Covid-19 è un virus nuovo e noi stiamo facendo ricerca per arrivare a una cura e per predisporre un vaccino. Che però richiederà del tempo. Dunque dobbiamo puntare su misure di salute pubblica che possono essere adottate già oggi per salvare delle vite.
Hans Kluge   Inserita: 23/02/2020

L'uomo è una creatura composta da milioni e milioni di cellule: un microbo è composto da un solo, ma nel corso dei secoli i due sono stati in continuo conflitto fra loro.
AB Christie   Inserita: 21/02/2020

Non sottostimate mai i piccoli avversari: un leone si vede, un virus no.
Anonimo   Inserita: 16/02/2020

Viviamo in competizione evolutiva con microbi, batteri e virus. Non c’è nessuna garanzia che saremo noi a sopravvivere.
Joshua Lederberg   Inserita: 15/02/2020

La fede è contagiosa. Come non si contrae contagio, sentendo solo parlare di un virus o studiandolo, ma venendone a contatto, così è con la fede.
Raniero Cantalamessa   Inserita: 11/08/2014

La vita è un percorso in salita da affrontare sempre con grinta, motivazione ,tenacia, positività, energia e fiducia. Il mio pensiero è rivolto a tutte le persone che stanno lottando contro il virus, chi in prima persona e a chi si sta adoperando per la loro guarigione e cura, ai parenti e alla loro speranza che non deve mai smettere di cessare ma anche alle persone che non ci sono più, vittime di questo periodo così crudele e alle sofferenze dei loro cari; il mio pensiero va anche a tutte le famiglie che stanno vivendo con difficoltà la gestione di ogni singolo giorno tra le mura di casa con i propri figli, grandi e piccini e per come rendere ugualmente ogni giorno meno noioso e monotono ma anche purtroppo alle difficoltà economiche che dovranno superare. Il mio pensiero è rivolto a tutte le persone che si amano e sono costrette a vivere distanti. Il mio desiderio è un augurio di guarigione, salute, pace e amore per tutta l’umanità e soprattutto che la ricerca scientifica presto possa darci il grande dono del vaccino per vincere questo virus.
Giusy Ferreri   

La guerra è un conflitto tra Stati, tra paesi che trascinano i popoli gli uni contro gli altri. C'è un nemico fisico. In questo caso l'avversario è esogeno, non lo si può combattere con le armi di distruzione della guerra. Contro il virus le armi sono cura e prevenzione, il contrario della guerra.
Fausto Bertinotti   

Se non si invertirà seriamente il trend dei contagi potrebbe essere una scelta obbligata. Noi siamo arrivati veramente allo stremo, dal punto di vista fisico e psicologico, del nostro personale medico e infermieristico, di tutti quelli che lavorano nell'unità di crisi, di chi guida le ambulanze. Dobbiamo fare in modo che il contagio rallenti. Per fortuna sono arrivati medici e infermieri da Cuba e altri sono in arrivo dalla Russia. Tanti medici in pensione hanno risposto al l’appello e si sono fatti avanti per aiutarci. Di questo sono molto contento. [Parla dei contagi da Coronavirus]
Attilio Fontana   

Forse perché era nata da poco mia figlia, ho pensato ai bambini nati con l’HIV che per sopravvivere hanno bisogno di proteine animali, e la carne di pollo è l’unica a non essere vietata da tabù religiosi o sociali.
Ilaria Capua   Tratta da: Intervista a Nature (Marzo 2016) 

Il coronavirus è più grave di un'influenza, ma molto meno grave di quanto fu la Sars. È una polmonite virale seria e pericolosa ma soprattutto per i più fragili e per chi la trascura.
Pierpaolo Sileri   

C'è un crescita dei casi, dei contagi e del numero di pazienti deceduti, quello che dico è attenzione a leggere i numeri: controllarli ogni giorno per attendere il calo è molto precoce. Quindi anche se oggi dovesse esserci un aumento o una diminuzione di 50-100 unità è presto per dire se la situazione sta migliorando o peggiorando. Attenzione, noi stiamo crescendo nel picco ed è normale durante una epidemia. Servono almeno 7-14 giorni per capire se in altre zone si svilupperanno altri focolai, solo dopo questo periodo potremmo capire quanto le misure hanno funzionato. [In merito all'epidemia in Italia del Coronavirus]
Pierpaolo Sileri   

Per me la vera arroganza è quella di persone che parlano di argomenti complicati senza aver studiato. Di virologi della domenica ce ne sono tanti anche adesso. E sono più pericolosi degli antivaccinisti.
Roberto Burioni   

Care amiche e amici, sono giornate difficili, ma l'Italia ha sempre dimostrato di essere un Paese forte, popolato da gente pronta a reagire e a risollevarsi, a non arrendersi mai. Non è il momento delle mezze misure: servono provvedimenti radicali, serve l'ascolto dei virologi e degli scienziati, servono trasparenza, verità e un'informazione corretta, servono controlli ferrei ai confini su chi entra nel nostro Paese. Già da oggi sarò in Lombardia, poi in Umbria, a Roma, in Veneto, in Trentino e ovunque ci sarà bisogno. L'Italia ce la farà, insieme ce la faremo.
Matteo Salvini   

Ogni giorno incontriamo centinaia di persone, stringiamo mani, prendiamo aerei e treni. Domani, in più di mille tra deputati, collaboratori, funzionari e giornalisti ci ritroveremo a Montecitorio, da tutta Italia. Anche dalle zone dove sono stati accertati casi di Coronavirus. Ho sempre pensato che i politici debbano dare il buon esempio, non si possono chiedere sacrifici agli italiani chiudendo scuole e attività lavorative, invitandoli a limitare la socialità e contestualmente tenere aperto un Parlamento per discutere il decreto Intercettazioni. Fateci votare i piani per contrastare le emergenze di questo delicato momento e ci veniamo anche a piedi a Roma, ma poi sospendete le attività, decurtando tutto lo stipendio fino a quando necessario.
Luca Toccalini   

Nessuno ha anticorpi, non abbiamo vaccini o farmaci. Il Coronavirus ha la brutta tendenza di scendere giù in profondità nel nostro apparato respiratorio e va a disturbare la parte delicata dei polmoni che ossigena il nostro sangue. Questa malattia ha una caratteristica che la rende insidiosa: in genere un paziente ne infetta 2,2 ma ci sono degli individui, chiamati super emettitori, che ne possono contagiare 10, 20, 30.
Roberto Burioni   

A me sembra una follia. Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale. Non è così. Guardate i numeri![In relazione al Coronavirus]
Maria Rita Gismondo   

Il riscontro diretto del virus da un secreto corporeo è fondamentale per identificare le persone che hanno l'agente patogeno in quel momento e quindi possono diffonderlo e potrebbero aver bisogno di cure. La ricerca degli anticorpi serve invece a dirci se si è già venuti in contatto con il virus.
Massimo Galli   

Da noi si è verificata la situazione più sfortunata possibile, cioè l'innescarsi di un'epidemia nel contesto di un ospedale, come accadde per la Mers a Seul nel 2015. Purtroppo, in questi casi, un ospedale si può trasformare in uno spaventoso amplificatore del contagio se la malattia viene portata da un paziente per il quale non appare un rischio correlato: il contatto con altri pazienti con la medesima patologia oppure la provenienza da un Paese significativamente interessato dall'infezione. Chi è andato all'ospedale di Codogno non era stato in Cina e, fra l'altro, la persona proveniente da Shanghai che a posteriori si era ipotizzato potesse averla contagiata è stato appurato non aver contratto l’infezione. Non sappiamo quindi ancora chi ha portato nell'area di Codogno il coronavirus, però il primo caso clinicamente impegnativo di Covid-19 è stato trattato senza le precauzioni del caso perché interpretato come altra patologia.
Massimo Galli   

 Frasi dalla n° 1 al n° 38 di 'Virus' su 38 Totali



Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Per Webmaster