Frasi sui figli
Figli
Frasi sui figli
Pagina 2/5
La primavera è tornata, il sole ha abbracciato la terra...Presto vedremo i figli del loro amore...Ogni seme, ogni animale si è svegliato...Anche noi siamo stati generati da questa grande forza...Per questo crediamo che anche gli altri uomini e i nostri fratelli animali abbiano il nostro stesso diritto a vivere su questa terra!“
Toro Seduto   Inserita: 07/10/2017

Guardate, fratelli miei, la primavera è arrivata; la terra ha ricevuto l’abbraccio del sole e noi vedremo presto i figli del loro amore! Ogni seme, ogni animale si è svegliato. È grazie a questa grande forza che noi esistiamo. Per questo crediamo che anche gli altri uomini e i nostri fratelli animali abbiano il nostro stesso diritto a vivere su questa terra.
Toro Seduto   Inserita: 30/09/2017

Questi pochi dollari che state perdendo oggi, qui, vi stanno procurando una storia da raccontare ai vostri figli e ai vostri nipoti. Questo potrebbe anche essere uno dei migliori momenti della vostra vita: non fate in modo che sia l'ultimo!
John Dillinger   Inserita: 29/09/2017

Io sono solo una delle molte mamme che diranno una preghiera in più, ogni notte, per i nostri figli e per le nostre figlie che sono in pericolo.
Sarah Palin   Inserita: 25/09/2017

Non è vero che un buon genitore gioca con i figli
Raffaele Morelli   Inserita: 23/09/2017 Tratta da: Crescere senza educarli- Mondadori

Una regina, morendo, si fa promettere dal re che egli non si risposerà se non con una donna più bella di lei. Ma l'unica persona in grado di rivaleggiare con lei quanto a bellezza era solo la sua stessa figlia, ed è a lei che il re chiede di sposarlo. Per sfuggire a questa unione incestuosa, la fanciulla, su consiglio della sua madrina, richiede al padre per la sua dote degli abiti irrealizzabili (uno color della luna, uno color del sole, uno color del tempo), ma il re riesce sempre a procurarglieli. Allora la principessa chiede al padre la pelle dell'asino magico la cui lettiera, anziché essere coperta di sterco, è coperta ogni giorno di nuove monete d'oro; ella è sicura che i padre non acconsentirà mai. Invece la pelle dell'asino magico le viene recapitata senza indugio. La principessa fugge allora dal castello, rivestita solo della pelle d'asino, mentre un baule con i suoi tre vestiti la segue viaggiando sottoterra. La principessa viene presa a servizio come guardiana di pecore e polli in una fattoria in un altro reame. È così sporca e ripugnante che tutti i servi si prendono gioco di lei chiamandola, appunto, Pelle d'Asino, ma è altrettanto brava e diligente, così la padrona le si affeziona e la protegge. La principessa continua a rimanere nascosta, ma decide di lavarsi e di indossare i suoi magnifici vestiti per ogni occasione di festa. Un giorno il principe ereditario, venendo da una battuta di caccia, si ferma alla fattoria per pranzare. Mentre passeggia nei dintorni, sbircia nel tugurio isolato dove vive Pelle d'Asino e vede la principessa bellissima e magnificamente abbigliata. Intimidito, si ritira, ma non riesce a non pensare alla visione, tanto che cade ammalato. Davanti alle suppliche della madre e del padre perché dica la causa della sua malattia, il principe chiede una focaccia fatta da Pelle d'Asino. Perplessi, ma desiderosi di far guarire il figlio, i sovrani ordinano a Pelle d'Asino di cucinare una focaccia e lei - per caso, o forse perché anche lei ha visto il principe e si è innamorata? - lascia cadere un anello nell'impasto. Il principe mangia voracemente, e trova l'anello, cadendo più ammalato di prima. Timoroso di rivelare ai propri genitori l'amore per Pelle d'Asino, chiede che venga indetto un bando (analogo a quello di Cenerentola), in base al quale egli sposerà solo la fanciulla alla quale calzerà l'anello. Dopo aver passato in rassegna tutte le ragazze del regno, viene chiamata anche Pelle d'Asino. La comparsa della sua mano bianca e affusolata al di sotto della sudicia pelle lascia tutti di stucco, e ancora di più la rivelazione di una splendida fanciulla abbigliata regalmente. Immediatamente, il principe la chiede in moglie e re e regina sono ansiosi di favorire le nozze, ma la principessa pone come condizione il consenso del padre. Il padre, ormai guarito dalla sua folle ossessione e risposato, viene invitato alle nozze e acconsente di buon grado.
Charles Perrault   Inserita: 10/08/2017 Tratta da: Fiaba Pelle d'asino

Una regina ebbe un figlio brutto e malfatto, per consolarla una fata le promise che suo figlio sarebbe stato pieno di spirito e di intelligenza e avrebbe avuto il potere di dare altrettanto spirito e intelligenza alla persona che avrebbe maggiormente amata. Il bambino venne chiamato Enrichetto dal ciuffo, perché era nato con un solo ciuffo di capelli. Anni dopo, la regina di un regno vicino ebbe due figlie: la prima bella ma molto sciocca, la seconda bruttissima ma molto intelligente e spiritosa. La stessa fata diede alla primogenita la facoltà di rendere bella la persona che avrebbe amato di più. Un giorno la maggiore delle due principesse, andata in un bosco a piangere sulla sua disgrazia, incontra il principe Enrichetto, che avendo visto il ritratto di lei, si era subito innamorato della principessa. Il principe vedendo che la fanciulla era triste e malinconica per via della sua stupidità, le rivelò il suo potere di renderla intelligente e le propose di sposarla alla fine dell'anno. La principessa proprio per il suo poco spirito, pensò che la fine dell'anno non sarebbe mai venuta e accettò la proposta. Da quel momento la principessa divenne tanto intelligente che il re prese a consultarla per i suoi affari di Stato. L'anno a venire la principessa sposò il principe che doveva divenire il più bello del mondo, ma la metamorfosi non fu dovuta in realtà al potere delle fate ma solo alla forza dell'amore. Infatti la principessa, avendo riflettuto sulla perseveranza del suo innamorato e su tutte le buone qualità del suo animo, non vide più né la deformità del suo corpo, né la bruttezza del suo viso.
Charles Perrault   Inserita: 03/08/2017 Tratta da: Fiaba Enrichetto dal ciuffo

C'era una volta uno spaccalegna e una spaccalegna, che avevano sette bimbi, tutti maschietti. Il maggiore aveva solo dieci anni e il più piccolo sette. Come mai, direte, tanti figli in così poco tempo?
E' che la moglie andava di buon passo e non ne faceva meno di due alla volta.
Charles Perrault   Inserita: 01/08/2017 Tratta da: Fiaba Pollicino

Cera una volta un gentiluomo il quale in seconde nozze si pigliò una moglie che la più superba non s’era mai vista. Aveva costei due figlie che in tutto e per tutto la somigliavano. Dal canto suo, il marito aveva una ragazza, ma così dolce e buona che non si può dire: doveva queste qualità alla mamma, che era stata la più brava donna di questo mondo.
Charles Perrault   Inserita: 13/07/2017 Tratta da: Fiaba Cenerentola

Nulla può davvero prepararvi all'esperienza sconvolgente di diventare madri: investite da emozioni complesse, che passano dalla gioia alla stanchezza, dall'amore alla preoccupazione.
Catherine Middleton   Inserita: 26/05/2017

 Auguri a tutte le mamme

William Shakespeare   Inserita: 14/05/2017

Non riesco a considerare nessuna necessità nell'infanzia tanto forte come la necessità di protezione del padre.
Sigmund Freud   Inserita: 18/03/2017

Adoro essere mamma. Sono meno critica rispetto a quando non ero madre. Ciò che maggiormente riguarda la genitorialità è che essa è un'esperienza completamente diversa per ogni persona. Tutto è fantastico, non ci sono regole.
Natalie Portman   Inserita: 09/01/2017

Nello star-system come in ogni altro ambiente si ambisce sempre a qualche premio, poi quando questo arriva ci si accorge che è tutta un'illusione, che sono altre le cose importanti. Mi sono sentita veramente felice solo quando ho avuto i miei figli, ma grazie all'Oscar ho potuto fare le mie scelte in piena libertà.
Gwyneth Paltrow   Inserita: 21/09/2016

Secondo me una donna può sentirsi realizzata anche senza un figlio, ci sono molte donne che non possono averne o semplicemente non ne vogliono. Ma senza un uomo, non possiamo essere felici. Stare in equilibrio da sole è difficile, innaturale. Ci tengo a dire che mi sentivo donna anche senza un bambino. Ma non mi sentivo tale, quando non avevo accanto l’uomo giusto.
Caterina Balivo   Inserita: 07/09/2016

Matrimonio e figli per me sono due cose separate. Non escludo di sposarmi un giorno, ma non ho una motivazione religiosa che mi spinga a farlo. Ora come ora, non ne sento la necessità. E ho la fortuna che Silvia la pensi esattamente come me.
Pier Silvio Berlusconi   Inserita: 22/07/2016 Tratta da: Vanityfair 11/2008

Mi sento di sostenere l'adozione, non solo per le coppie, ma per chiunque possa dare una casa e una buona educazione ad un bambino che ne ha bisogno.
Costantino della Gherardesca   Inserita: 10/07/2016 Tratta da: gqitalia.it 08/04/2015

Per mantenere un matrimonio si fatica, anche se ti vogliono rappresentare come la famiglia del Mulino bianco, il mulino non esiste. Ci sono le batoste professionali, i calci in faccia, le perdite, se non hai la forza di supportare l'altro, salta tutto. Oggi al primo raffreddore arrivederci e grazie. Invece ho sempre pensato che la promessa abbia un senso vero e i figli sono un collante meraviglioso, quando li cresci ti ritrovi un patrimonio.
Lorella Cuccarini   Inserita: 28/06/2016 Tratta da: repubblica.it - 03/07/2015

Le donne sono il più grande serbatoio inutilizzato di talenti del mondo. È giunta l’ora che prendano il posto che spetta loro, là dove si decide il destino della loro gente, dei loro figli e nipoti.
Hillary Clinton   Inserita: 14/04/2016

Colui che genera un figlio non è ancora un padre, un padre è colui che genera un figlio e se ne rende degno.
Fëdor Dostoevskij   

 Frasi dalla n° 21 al n° 40 di 'Figli' su 87 Totali


Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Per Webmaster | Privacy | Cont@tti
Trovaci su Facebook