Frasi sui genitori
Genitori
Frasi sui genitori
Pagina 4/15
I miei genitori non appartenevano propriamente a una tribù stanziale. Si erano trasferiti molte volte da un posto all'altro, fino a quando si fermarono per un periodo più lungo vicino a una scuola di provincia, lontani da qualsiasi strada che potesse definirsi tale e dalla stazione ferroviaria. Il solo uscire e superare la strada sterrata per andare in paese costituiva già un viaggio. Poi c'erano la spesa, le faccende burocratiche egli uffici comunali, il parrucchiere in piazza vicino al municipio, sempre con lo stesso grembiule lavato e candeggiato senza risultato, perché la tinta per capelli delle clienti gli aveva impresso macchie che sembravano ideogrammi cinesi. La mamma si tingeva i capelli e il papà l'aspettava nel bar Nowa, seduto a uno dei tavolini all'esterno, leggendo il giornale locale sul quale la rubrica più interessante era quella di cronaca nera, con notizie su scantinati depredati di marmellate di prugne e cetriolini.
Olga Tokarczuk   Tratta da: I vagabondi - Bompiani 

Ho imparato che i figli sono di chi li cresce.
Rudy Zerbi   

Sono cresciuto solo con mia madre, che ha cinque sorelle e un fratello. Non ho avuto un padre, che abbandonò mia madre quando sono nato. Vorrei che ognuno stesse bene nel suo nucleo familiare, ma la famiglia potrebbe essere di 3 donne, 8 uomini, 15 mamme, 4 padri, l’importante è che ci sia affetto e dedizione.
Tommaso Paradiso   

Mia madre, modella delle Antille francesi con origini africane e indiane, mi ha avuta da mio padre, italiano e musicista di strada, giovanissima: non era pronta, e mi è mancata. Severità assente del tutto, al suo posto friabilità da cristalleria. Perse se stessa, a un certo punto. Verniciava dal niente pareti di azzurro. Scompariva, non si faceva trovare. Aveva come un mostro invisibile dentro che le faceva fare cose che mai avrebbe voluto, e stava male, e non riusciva a scacciarlo via. Ho provato a starle vicino, a rincorrerla nei suoi abissi, in quelle stranezze euforiche e complicate da cui non mi ha mai protetta
Elodie   Tratta da: Vanity Fair - 19/10/2018 

Se sento di essere meticcia? Uuuhh. Mio padre Roberto è italiano, mamma, creola, viene da un’isola dei Caraibi. Lo senti che sei un mix. Come i cani. Se ci fate caso, quello di razza è delicato, il bastardino è sprint. Non si ammala mai. Ha proprio un altro piglio. E comunque l'incontro tra diversità non può che fare bene. Quando sono nata io, 28 anni fa, un uomo bianco e una donna nera erano guardati in modo strano. Da piccola sono capitate anche a me situazioni sgradevoli — ora non lo percepisco più — ma non è certo il momento dell’incontro. Peccato.
Elodie   Tratta da: Corriere - 22/11/2018 

Tante volte quando diventi allenatore capisci che problemi hai causato quando eri dall'altra parte. Molte volte si dice ai propri figli "lo capirai il giorno che diventerai papà". Ai giocatori si dice, invece, "lo capirai il giorno che diventerai allenatore".
Carlo Ancelotti   

Fin da piccoli siamo affascinati dall'insolito, dal bizzarro, dal mostruoso che non solo spaventa e raggela, ma comunica qualcosa di liberatorio, sconvolgente ma innegabile prova che cose e persone possono essere diverse da come ce le hanno raccontate e imposte genitori e maestri.
Federico Fellini   

Sapeva bene che cosa succede dentro di te quando tua madre non ti tiene stretta, non ti ripete che sei la cosa migliore che abbia mai avuto, non si accorge nemmeno della tua presenza quando sei in casa: una piccola parte di te si chiude ermeticamente. Non hai bisogno di lei. Non hai bisogno di nessuno. E senza neppure rendertene conto, ti metti ad aspettare. Aspetti che chi ti sta vicino veda in te qualcosa che non gli piace o che inizialmente non aveva visto, aspetti che si allontani o si dissolva come una foschia marina. Perché dev'esserci qualcosa di sbagliato in te – non è vero? – se perfino tua madre non ti ha mai amato veramente.
Jojo Moyes   Tratta da: Una più uno - Mondadori 

Max è sempre stato molto impegnato, io sono stata bene o male, mio malgrado, il loro punto di riferimento più importante solo perché maggiormente presente. I bambini si sono abituati all'assenza del padre e forse questo li ha anche agevolati nella nostra separazione proprio perché non vivevano la classica famiglia tradizionale dove il papà è quello che alza la voce quando serve e la sera c'è sempre. Detto questo, i bimbi hanno un papà che fa il suo dovere nel miglior modo possibile. [Max intende l'ex marito Max Biaggi]
Eleonora Pedron   

Da bambina, ho vissuto tre anni in Germania, nella regione della Foresta Nera. Credo che il video di "Guardian" traduca perfettamente in immagini quello che dice la canzone, di come i ruoli di genitore e angelo custode possano coincidere, quando si guida la persona che ami nelle scelte importanti. Non sto parlando solo di un figlio, ma anche dell’attenzione che puoi rivolgere a un amico o a un compagno. Proteggere qualcuno è uno stato di grazia
Alanis Morissette   

Mio padre se n'è andato quando avevo 6 anni. Sono cresciuto con mia madre, i vicini di casa erano mia zia, i miei cugini: mia mamma ha dodici fratelli, siamo una grande famiglia. Da bambino ero abbastanza tranquillo, leggevo molto, lo facevo più da piccolo che ora.
Mahmood   

Se tuo padre e tua madre non ti hanno mai detto un no da quando sei nato, il primo no che ti dice un esterno non lo accetti. L'educazione è una fatica che nessuno è più disposto a fare: coinvolge i genitori, i nonni, gli educatori, anche quelli fuori scuola a incominciare dall'ambito sportivo. Tutto questo ha una ricaduta drammatica: è una generazione che non conosce più i sogni perché non sono state insegnate le passioni. A forza di dire di sì tutto diventa grigio, si perdono i colori. Tutto è anticipato rispetto a ieri.
Paolo Crepet   Tratta da: Il Gazzettino - 26/02/2018 

Padri e madri che hanno abdicato al loro ruolo di educatori, generando nel corso degli ultimi trent'anni non una gioventù matura e con la testa sulle spalle, ma al contrario fatta in gran parte di bamboccioni incapaci di costruirsi un futuro. E di conseguenza anche una nuova classe dirigente totalmente inadeguata, addirittura rea con i propri slogan di distruggere l’élite, cioè la fetta migliore della società.
Paolo Crepet   Tratta da: La Nuova Sardegna - 24/08/2018 

Una madre, chiunque essa sia, sa inginocchiarsi, umiliarsi e morire di dolore per il proprio figlio.
Sara Rattaro   Tratta da: Sulla sedia sbagliata - Garzanti 

Oltre a essere stato maresciallo dei carabinieri, mio padre era partigiano e l'8 settembre ha combattuto sul fronte per liberare il Paese dal nazifascismo. Quindi la mia era una famiglia abbastanza strutturata dal punto di vista etico; non sulla legalità con le virgolette, ma sulla legalità, col punto esclamativo! Certo, di questi tempi in cui tutti parlano di legalità, il mio è un altro punto di vista, un po' "archeologico" se vogliamo, ma secondo me è quello che dovrebbe avere questo Paese, che in questi ultimi tempi con l'etica sembra abbia avuto qualche problema.
Ennio Fantastichini   

Lorenzo è nato da una relazione con una signora che non era mia moglie (sono contrario al matrimonio) con cui ho combattuto una guerra feroce. È una storia violenta. Io che sono un giustizialista nato, in questa vicenda ho dovuto ingoiare così tanti rospi per impedire a mio figlio di ingoiare una balena. Ma cosa deve fare un padre per avere riconosciuti i propri diritti? Perché in questo mondo i mariti hanno qualche diritto e i padri nessuno?
Ennio Fantastichini   

Io sono una persona che vuole sempre fare tutto all’estremo. Ora voglio essere anche un buon marito e un buon padre, all’estremo.
Robbie Williams   

Come il padre e la madre che amano i figli più di se stessi, l'amicizia coltivata da molto tempo, quella che nonostante tutto e tutti c'è sempre, ha lo stesso sapore indistruttibile.
Andrea Calcagnile   

La mamma italiana sta cambiando: non è più come una volta. Si è emancipata, anche se il fatto di dover lavorare fuori casa non ha fatto altro che aumentare la mole di lavoro per lei: perché si deve fare tutto doppio.
In Svezia il legame famigliare è meno forte, si è più liberi, mentre in Italia il senso della famiglia è fortissimo.
Filippa Lagerback   

C’è una persona che sta con noi da quando Stella era piccolissima, ma sono io che per prima mi prendo cura di lei: l’ho allattata fino ai suoi 7 mesi, sono stata a casa. Con la tata ora, in pratica, ci dividiamo i compiti: lei fa quello che io non riuscirei a fare da sola e se c’è da andare a prendere la bambina a scuola perché io non ci sono, ci va lei.
Filippa Lagerback   

 Frasi dalla n° 61 al n° 80 di 'Genitori' su 297 Totali


Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Barzellette | Per Webmaster | Cont@tti
Trovaci su Facebook