Frasi di Arrigo Levi
La scheda di Arrigo Levi
Giornalista, scrittore, conduttore
Nascita: Modena il 17/7/1926data morte il 24/8/2020
Levi apparteneva a una famiglia della Comunità ebraica di Modena, nel 1942 fu costretto a trasferirsi con i genitori in Argentina per sfuggire alle persecuzioni razziali, nel paese sudamericano si avvicina al giornalismo. Tornato in Italia con la famiglia, subito dopo la guerra, si laurea in Filosofia. In seguito si trasferisce in Israele dove si arruola volontario nelle brigate del Negev e partecipato alla prima guerra arabo-israeliana, scrivendo corrispondenze dal conflitto per i quotidiani Libertà e Gazzetta di Modena. Di nuovo in Europa lavora per il programma “Radio Londra” presso la BBC. Nel 1960 si trasferito a Mosca e fino al 1962 è il corrispondente del Corriere della Sera. Negli anni ottanta avvia numerose conduzioni televisive soprattutto in RAI; nel 1988 diviene anche consigliere per le relazioni esterne del Quirinale, prima con Carlo Azeglio Ciampi e poi con Giorgio Napolitano.
Condividi su Facebook
La più letta di “Arrigo levi”
Tutti coloro che dimenticano il loro passato sono condannati a riviverlo.
Arrigo Levi  

Non esistono problemi che non possano essere risolti attorno ad un tavolo, purché ci sia volontà buona e fiducia reciproca; o anche paura reciproca.
Arrigo Levi   Inserita: 02/05/2020

Andai a combattere per Israele perché avevo la sensazione che i seicentomila ebrei che avevano fondato Israele rischiassero la vita. E vi era poi un sottile senso di colpa per essere scampato alla Shoah andando in America Latina. Anche se non sono mai stato sionista – si poteva essere ebrei senza bisogno di andare in Israele – una volta rientrato in Italia, nel 1949, pensavo poi di fare ritorno in Israele. Ma 150 sterline regalatemi da un parente per andare tre mesi a Londra mi fecero cambiare idea. Mi attirava molto l’esperienza del Welfare State laburista. Ero di simpatie socialisteggianti allora.
Arrigo Levi   

Ciò che più importa è l'essere disponibili a riconoscere il seme di verità che si esprime anche nella fede altrui, e l'essere disposti a riesaminare con animo aperto le proprie convinzioni e a rileggere criticamente anche la storia passata dell'istituzione o della fede in cui ci si riconosce.
Arrigo Levi   

Non so, e non mi interessa sapere, se nel mio profondo si annidi un assassino, ma so che vittima incolpevole sono stato ed assassino no; so che gli assassini sono esistiti, non solo in Germania, e ancora esistono, e che confonderli con le loro vittime è una malattia morale o un vezzo estetico o un sinistro segnale di complicità; soprattutto, è un prezioso servigio reso (volutamente o no) ai negatori della verità. Rimane vero che, in Lager e fuori, esistono persone grigie, ambigue, pronte al compromesso. La tensione estrema del Lager tende ad accrescerne la schiera.
Arrigo Levi   

Devo dire che l'esperienza di Auschwitz è stata tale per me da spazzare qualsiasi resto di educazione religiosa che pure ho avuto. C'è Auschwitz, quindi non può esserci Dio. Non trovo una soluzione al dilemma. La cerco, ma non la trovo.
Arrigo Levi   

Io sono convinto che Israele va difeso, credo nella dolorosa necessità di un esercito efficiente. Ma sono convinto che anche al governo israeliano faccia bene confrontarsi con un nostro appoggio sempre condizionato.
Arrigo Levi   

 7 frasi di 'arrigo levi' su 7 in archivio 


Beppe
Severgnini
Antonio
Padellaro

AUTORI per Tipo

Cinema (468)
Letteratura (229)
Musica (119)
Spettacolo (119)
Politica (93)
Sport (86)
Filosofia (70)
Giornalismo (65)
Economia (56)
Religione (53)
Scienze (51)
Arte (51)
Storia (41)
Varie (20)

+ Elenco Autori
+ Elenco Attori
+ Elenco Argomenti
+ Tutte le frasi

Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Per Webmaster | Privacy | Cont@tti
Trovaci su Facebook