Foto di pier paolo pasolini
Frasi di Pier Paolo Pasolini
La scheda di Pier Paolo Pasolini
Poeta, scrittore, giornalista, sceneggiatore e attore
Nascita: Bologna il 5/3/1922data morte il 2/11/1975
La sua straordinaria versatilità artistica e la fermezza con cui era solito esprimere le proprie idee, spesso in contrasto con quelle della società borghese, lo hanno reso una delle maggiori menti del ventesimo secolo. Pier Paolo Pasolini ottiene la maturità con un anno di anticipo e frequenta la Facoltà di Lettere a Bologna. Ammaliato dalla potenza espressiva del dialetto friulano, dopo aver scritto "Poesie a Casarsa" ed essere fuggito alla deportazione, fonda l'Academiuta di lenga furlana. Terminata la guerra si dedica alla scrittura di romanzi e poesie come "Pagine involontarie" e "La meglio gioventù" che iniziano ad attirare su di sé l'attenzione dei benpensanti. Nel '47 scrive sul quotidiano udinese Libertà e otto anni più tardi pubblica il romanzo "Ragazzi di Vita" e l'antologia "Canzoniere italiano". Si avvicina alla cinepresa collaborando con Bolognini e Fellini alle pellicole di "Marisa la civetta", di cui è autore, e "Notti di Cabiria". L'attività di Pasolini, in continuo divenire, passa anche dalla musica e dal teatro, con la produzione di brani come “Il soldato di Napoleone” e “Che cosa sono le nuvole”, e la critica ai palcoscenici italiani espressa nel saggio “Manifesto per un nuovo teatro”. Nel '72 scrive Petrolio e un anno più tardi collabora con il Corriere della Sera. Nel 1975 Pasolini muore molto poco poeticamente sul lido di Ostia, con una carriera straordinariamente poliedrica e prolifica alla spalle.
Condividi su Facebook
La più letta di “Pier paolo pasolini”
La mia indipendenza, che è la mia forza, implica la solitudine, che è la mia debolezza.
Pier Paolo Pasolini  

Noi siamo un paese senza memoria. Il che equivale a dire senza storia. L'Italia rimuove il suo passato prossimo, lo perde nell'oblio dell’etere televisivo, ne tiene solo i ricordi, i frammenti che potrebbero farle comodo per le sue contorsioni, per le sue conversioni. Ma l'Italia è un paese circolare, gattopardesco, in cui tutto cambia per restare com'è. In cui tutto scorre per non passare davvero. Se l'Italia avesse cura della sua storia, della sua memoria, si accorgerebbe che i regimi non nascono dal nulla, sono il portato di veleni antichi, di metastasi invincibili, imparerebbe che questo Paese speciale nel vivere alla grande, ma con le pezze al sedere, che i suoi vizi sono ciclici, si ripetono incarnati da uomini diversi con lo stesso cinismo, la medesima indifferenza per l'etica, con l'identica allergia alla coerenza, a una tensione morale.
Pier Paolo Pasolini   Inserita: 04/01/2017

Tu sei come una pietra preziosa, che viene violentemente frantumata in mille schegge per poter essere ricostruita di un materiale più duraturo di quello della vita, il materiale della poesia.
Pier Paolo Pasolini   Inserita: 07/12/2015

Chi non ha pretese, non ha neanche dispiaceri.
Pier Paolo Pasolini   Inserita: 11/09/2015

Io avevo voglia di stare da solo, perché soltanto solo, sperduto, muto, a piedi, riesco a riconoscere le cose.
Pier Paolo Pasolini   Inserita: 14/06/2015

Siamo stanchi di diventare giovani seri o contenti per forza, o criminali, o nevrotici: vogliamo ridere, essere innocenti, aspettare qualcosa dalla vita, chiedere, ignorare. Non vogliamo essere subito già così, senza sogni.
Pier Paolo Pasolini   Inserita: 23/05/2015

Il problema è avere gli occhi e non saper vedere, non guardare le cose che accadono. Occhi chiusi. Occhi che non vedono più. Che non sono più curiosi. Che non si aspettano che accada più niente. Forse perché non credono che la bellezza esista. Ma sul deserto delle nostre strade Lei passa, rompendo il finito limite e riempiendo i nostri occhi di infinito desiderio.
Pier Paolo Pasolini   Inserita: 11/01/2015

I vari casi di criminalità che riempiono apocalitticamente la cronaca dei giornali e la nostra coscienza abbastanza atterrita, non sono casi: sono, evidentemente, casi estremi di un modo di essere criminale diffuso e profondo: di massa.
Pier Paolo Pasolini   Inserita: 08/02/2014 Tratta da: Letture luterane - Mondadori

Il calcio è l'ultima rappresentazione sacra del nostro tempo. È rito nel fondo, anche se è evasione. Mentre altre rappresentazioni sacre, persino la messa, sono in declino, il calcio è l'unica rimastaci. Il calcio è lo spettacolo che ha sostituito il teatro.
Pier Paolo Pasolini   Inserita: 05/02/2014

Chi si scandalizza è sempre banale: ma, aggiungo, è anche sempre male informato.
Pier Paolo Pasolini   Tratta da: Letture luterane - Mondadori 

Non ha importanza dove si è nati, quando come e dove si sono avuti i primi approcci con il calcio, per diventare un appassionato, un tifoso. Il tifo è una malattia giovanile che dura tutta la vita. Io abitavo a Bologna. Soffrivo allora per questa squadra del cuore, soffro atrocemente anche adesso, sempre.
Pier Paolo Pasolini   

Ma io sono un uomo che preferisce perdere piuttosto che vincere con modi sleali e spietati. Grave colpa da parte mia, lo so! E il bello è che ho la sfacciataggine di difendere tale colpa, di considerarla quasi una virtù…
Pier Paolo Pasolini   

La serietà! Dio mio la serietà! Ma la serietà è la qualità di coloro che non ne hanno altre: è uno dei canoni di condotta, anzi, il primo canone, della piccola borghesia! Come ci si può vantare della propria serietà? Seri bisogna esserlo, non dirlo, e magari neanche sembrarlo! Seri si è o non si è: quando la serietà viene enunciata diventa ricatto e terrorismo!
Pier Paolo Pasolini   Tratta da: Il caos - Mondadori 

Il coraggio intellettuale della verità e la pratica politica sono due cose inconciliabili in Italia.
Pier Paolo Pasolini   Tratta da: corriere della sera - 14/11/1974 

Io so questo: che chi pretende la libertà, poi non sa cosa farsene.
Pier Paolo Pasolini   Tratta da: Tempo - 26/11/1968 

Ciò che resta originario nell'operaio è ciò che non è verbale: per esempio la sua fisicità, la sua voce, il suo corpo. Il corpo: ecco una terra non ancora colonizzata dal potere.
Pier Paolo Pasolini   Tratta da: Saggi sulla politica e sulla società - Mondadori 

Io sono nero di amore, né fanciullo né usignolo, tutto intero come un fiore, desidero senza desiderio.
Pier Paolo Pasolini   Tratta da: La meglio gioventù - Sansoni 

Poiché il cinema non è solo un'esperienza linguistica, ma, proprio in quanto ricerca linguistica, è un'esperienza filosofica.
Pier Paolo Pasolini   

Il successo non è niente. Il successo è l'altra faccia della persecuzione. E poi il successo è sempre una cosa brutta per un uomo.
Pier Paolo Pasolini   

Il ciclismo è lo sport più popolare perché non si paga il biglietto.
Pier Paolo Pasolini   

Bisogna essere molto forti per amare la solitudine.
Pier Paolo Pasolini   

 21 frasi di 'pier paolo pasolini' su 21 in archivio  (Licenza foto: Simonetta Di Zanutto - CC BY-SA 2.0)


Pietro
Aretino
Philip
Roth

Ricerca
Parola, Autore, Film..

AUTORI per Tipo

Cinema (382)
Letteratura (195)
Musica (107)
Spettacolo (107)
Politica (86)
Sport (81)
Filosofia (69)
Giornalismo (53)
Religione (52)
Economia (52)
Arte (50)
Scienze (48)
Storia (40)
Varie (18)

+ Elenco Autori
+ Elenco Attori
+ Elenco Argomenti
+ Tutte le frasi

Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Barzellette | Webmaster frasi | Cont@tti
Frasi su Facebook