Frasi sulla sera
Sera
Frasi sulla sera
Pagina 1/3
Se accendono le stelle, vuol dire che qualcuno ne ha bisogno?
Vuol dire che è indispensabile che ogni sera al di sopra dei tetti risplenda almeno una stella?
Vladimir Majakovskij   Inserita: 11/03/2021

Inno alla bellezza
Vieni dal cielo profondo o esci dall’abisso,
Bellezza? Il tuo sguardo, divino e infernale,
dispensa alla rinfusa il sollievo e il crimine,
ed in questo puoi essere paragonata al vino.
Racchiudi nel tuo occhio il tramonto e l’aurora;
profumi l’aria come una sera tempestosa;
i tuoi baci sono un filtro e la tua bocca un’anfora
che fanno vile l’eroe e il bimbo coraggioso.
Esci dal nero baratro o discendi dagli astri?
Il Destino irretito segue la tua gonna
come un cane; semini a caso gioia e disastri,
e governi ogni cosa e di nulla rispondi.
Cammini sui cadaveri, o Bellezza, schernendoli,
dei tuoi gioielli l’Orrore non è il meno attraente,
l’Assassinio, in mezzo ai tuoi più cari ciondoli
sul tuo ventre orgoglioso danza amorosamente.
Verso di te, candela, la falena abbagliata
crepita e arde dicendo: Benedetta la fiamma!
L’innamorato ansante piegato sull’amata
pare un moribondo che accarezza la tomba.
Che tu venga dal cielo o dall’inferno, che importa,
Bellezza! Mostro enorme, spaventoso, ingenuo!
Se i tuoi occhi, il sorriso, il piede m’aprono la porta
di un Infinito che amo e che non ho mai conosciuto?
Da Satana o da Dio, che importa? Angelo o Sirena,
tu ci rendi -fata dagli occhi di velluto,
ritmo, profumo, luce, mia unica regina!
L’universo meno odioso, meno pesante il minuto?
Charles Baudelaire   Inserita: 06/03/2021

Accada quel che accada, anche il sole del giorno peggiore tramonta.
Proverbio cinese   Inserita: 24/11/2020

Vorrei che tu venissi da me in una sera d'inverno e, stretti insieme dietro i vetri, guardando la solitudine delle strade buie e gelate, ricordassimo gli inverni delle favole, dove si visse insieme senza saperlo.
Dino Buzzati   Inserita: 02/06/2020

Nel 2009 un virus letale distrusse la nostra civiltà e spinse il genere umano sull'orlo dell'estinzione. Il dottor Robert Neville dedicò la sua vita alla ricerca di una cura e alla ricostruzione dell'umanità. Il 9 settembre del 2012, alle 8: 49 di sera scoprì quella cura e alle 8: 52 donò la sua vita per difenderla. Noi siamo il suo lascito. Lui è leggenda. Illumina l'oscurità.
Io sono leggenda  Alice Braga   Inserita: 04/04/2020

Il tramonto non mi pesa, sono sempre stata una persona che ha guardato avanti. Innamorata del futuro, anche quando il futuro non riservava niente di buono.
Giulia Maria Crespi   Inserita: 01/04/2020 Tratta da: Intervista a Repubblica del 02/2015

Nicoletta Romanoff nel ruolo di...
Margherita: "Hai già qualcuno con cui festeggiare stasera?"
Pierfrancesco Favino nel ruolo di...
Giulio: "Sì, veramente sì...però la sera lavora..."
Gli anni più belli  Pierfrancesco Favino   Inserita: 09/03/2020

Sera di febbraio
Sera di febbraio
Spunta la luna.
Nel viale è ancora
giorno, una sera che rapida cala.
Indifferente gioventù s’allaccia;
sbanda a povere mete.
Ed è il pensiero
della morte che, infine, aiuta a vivere.
Umberto Saba   Inserita: 02/01/2020

Poi la sera la sorpresa a casa, al mio ritorno, ti ritrovo senza permesso nel soggiorno.
Ma mia moglie non è spaventata, anzi, sembra molto rilassata. E ritrovo quel suo sguardo malandrino..
Tolo Tolo  Checco Zalone   Inserita: 22/12/2019

Una sera mi ha dedicato una canzone e io ho capito che l'amavo...
Tutto il mio folle amore  Valeria Golino   Inserita: 01/11/2019

Ogni giorno è diverso dall'altro, ogni alba porta con sé il suo speciale miracolo, il suo istante magico, in cui si distruggono gli universi passati e nascono nuove stelle. I Navajo, infatti, insegnano ai loro bambini che ogni mattina il sole che sorge è un sole nuovo. Nasce ogni giorno, vive solo per quel giorno, muore alla sera e non ritornerà più. Dicono ai loro piccoli: il sole ha solo questo giorno, un giorno. Vivi bene la tua vita in modo che il sole non abbia sprecato il suo tempo prezioso.
Paulo Coelho   Inserita: 16/09/2019

 Sintonia

Matteo Pirro   Inserita: 23/04/2019

Sono quasi sempre rotondo e con 4 occhi, me ne sto tutto il giorno alla finestra e la sera passo dall'altra parte. Chi sono?
Inserita: 08/11/2018
Si trova nei vestiti
Il bottone

Ti conosco da poco, non so neanche il tuo cognome, ma riconosco i tratti del tuo viso e da quella sera al parco non riesco a levarti dalla mia mente.
Prima o poi mi sposo  Jennifer Lopez   Inserita: 27/09/2017

La sera cala anche sul giorno più luminoso...
Sveva Casati Modignani   Inserita: 04/09/2017

L'amicizia vuol dire essere molto intraprendenti, non lasciare scampo MAI a qualcuno, spiarlo continuamente, entrare in un supermercato, in un qualunque altro posto improbabile, per gente come Me che viene quasi sempre immaginata lontana dalla vita, lontana dalla gente, lontana dal mondo, da guai, dai... casini! E, invece, l'amicizia è proprio questo : uscire di casa molto spesso perché a casa ci si rattrista... La casa va bene quando la sera si è combinato qualcosa di buono e si ritorna per ingraziare del cibo, nel nostro letto, di quella stanchezza formidabile che ci riporta a casa, ma io a casa non ci sto perché devo venire a scovarvi dovunque siete, sempre! Perché sono malato di voi, perché ho bisogno di vedervi, di sapere che ci siete!
Renato Zero   Inserita: 14/07/2017

Quando dico "lavoro" non penso ad una fatica, ad un supplizio che uno deve sopportare dalla mattina alla sera per rendersi indipendente dal punto di vista economico, ma ad una opportunità che Dio ci ha offerto per dare più senso alla nostra esistenza. Ricordatevi quello che vi dico: una cosa è "fare" il tabaccaio, e una cosa è "essere" tabaccaio.
Luciano De Crescenzo   Inserita: 30/04/2017

Sapete, è geniale questa cosa che i giorni finiscono. E’ un sistema geniale. I giorni e poi le notti. E di nuovo i giorni. Sembra scontato, ma c’è del genio. E là dove la natura decide di collocare i propri limiti, esplode lo spettacolo. I tramonti.
Alessandro Baricco   Inserita: 09/01/2017

Mio marito di solito mi diceva quello che avevo fatto la sera prima ed ho imparato che quando ti svegli in quel modo dici solo “Mi dispiace”. Dici che tu dispiace per quello che hai fatto, che ti dispiace essere così e che non lo farai più...però lo fai, lo fai ancora.
La ragazza del treno  Emily Blunt   Inserita: 12/11/2016

Arrivano la sera senza essere chiamate, scompaiono la mattina senza esser state cacciate via. Che cosa sono?
Inserita: 17/10/2016
Si trovano in cielo...
Le stelle.

Da sempre la tournée teatrale è un impegno fisico e psichico rilevante, perché sei in continuo spostamento. Io a volte non so neanche in quale città sono, ci devo riflettere, perché quando hai una serie di debutti nell'arco di una settimana, cambiare luogo diventa una fatica notevole. Poi arrivi a teatro la sera e diventa un esame, come diceva il buon Eduardo. Lo spettacolo non è mai lo stesso, perché cambia il pubblico, che dà una risposta particolare all'attore. Il pubblico della Puglia è diverso dal pubblico della Lombardia o da quello della Toscana.
Marco Columbro   Inserita: 02/08/2016

Il maggiordomo di Sir Thomas e Sir Paul è molto bravo nell'eseguire i calcoli e così una sera lasciano un biglietto al maggiordomo, in quel momento assente, sul tavolo della cucina per avvisarlo che cenano fuori. Nel biglietto scrivono:
20 – 4 = 11
87 – 15 = 33
Quando il maggiordomo torna e legge il messaggio, chiude la cucina e va a dormire. Come ha fatto a capire il messaggio?
Inserita: 04/06/2016
Si tratta di un gioco di parole...e numeri!
Ha capito che i conti non tornano...

Sara acquista una collana e la paga 20 euro, la sera la rivende ad un' amica a 25 euro, ma, dispiaciuta di non averla mai indossata, la ricompra dalla sua amica per 30 euro. Sara porta per qualche tempo la collana e alla fine se ne disfa definitivamente rivendendola per 40 euro. Qual è il suo guadagno finale?
Inserita: 26/04/2016
Qualche sottrazione e via...
Sara guadagna 15 euro.
(25 - 20) = 5
(40 - 30) = 10
10 + 5 = 15

Ieri ho vissuto un istante di felicità inattesa, immotivata. È venuta verso di me attraverso la pioggia e la nebbia, sorrideva, fluttuava al di sopra degli alberi, mi danzava davanti, mi cirdondava.
Io l'ho riconosciuta.
Era la felicità di un tempo remoto, quando il bambino e io eravamo tutt'uno. Io ero lui, avevo solo sei anni e la sera nel giardino sognavo guardando la luna...
Agota Kristof   Inserita: 22/01/2016

Venerdì sera avete tolto la vita a un essere eccezionale, l’amore della mia vita, la madre di mio figlio, ma non avrete il mio odio.
Io non so chi siete e non lo voglio sapere, siete anime morte. Se il Dio per il quale uccidete ciecamente, ci ha fatti a sua immagine, ogni proiettile nel corpo di mia moglie è stata una ferita al suo cuore, perciò non vi farò il regalo di odiarvi. Sarebbe cedere alla stessa ignoranza che ha fatto di voi quello che siete.
Voi vorreste che io avessi paura, che guardassi i miei concittadini con diffidenza, che sacrificassi la mia libertà per la sicurezza. Ma la vostra è una battaglia persa.
Siamo più forti di tutti gli eserciti del mondo. Per tutta la sua vita questo piccolo vi farà l'affronto di essere libero e felice. Perché no, non avrete mai neanche il suo odio
(Lettera di un uomo che ha perso la moglie dopo gli attentati a Parigi del 13/11/2015)
Antoine Leiris   Inserita: 17/11/2015

La morte degli amanti
Avremo letti intrisi di sentori
tenui, divani oscuri come avelli,
sulle mensole nuovi e strani fiori,
nati per noi sotto i cieli più belli.
consumandosi a gara, i nostri cuori
come due grandi torce due ruscelli
verseranno di vampe e di fulgori
nei nostri spiriti, specchi gemelli.
Una sera di rosa e azzurro mistico,
un lampo solo ci vedrà commisti,
lungo singhiozzo carico d'addio.
Un Angelo, schiudendo indi le porte,
a ravvivar verrà, gaudioso e pio,
gli specchi opachi e le due fiamme morte.
Charles Baudelaire   Inserita: 04/08/2015

Giulia Michelini nel ruolo di...
Giulia: "Tu che prendi?"

Raoul Bova nel ruolo di...
Marco: "Salmone, ma scommetto che tu prendi la carne perché il salmone non ti piace"

Giulia: "E' vero! Come fai a saperlo"

Marco: "Beh, so tante cose di te!"

Giulia: "E allora dai, sentiamo un po'...per esempio?"

Marco: "Beh, per esempio che ti piace Madonna! E vai matta per i tortellini in brodo. Il tuo segno zodiacale è il Cancro perché sei nata il 28 giugno"

Giulia: "Ma è pazzesco, è vero! E' tutto giusto!"

Marco: "Il tuo colore preferito è il rosso, sei allergica al polline e quando andiamo a letto la sera mi cerchi perché hai sempre i piedi freddi"

Giulia: "Che stai dicendo, ma sei matto? Io a te a letto insieme? No!"

Marco: "No è vero, scherzavo!"

Giulia: "Guarda che comunque sei un bel tipo, prima dici che ti dà fastidio, poi non vuoi che ti vengo dietro e poi invece scopro che sai tutto di me. Sei unico, veramente!"

Marco: "Anche tu sei unica!"
Torno indietro e cambio vita  Giulia Michelini   Inserita: 05/07/2015

Forse un partigiano sarebbe stato come lui ritto sull'ultima collina, guardando la città e pensando lo stesso di lui e della sua notizia, la sera del giorno della sua morte.
Beppe Fenoglio   Inserita: 01/03/2015 Tratta da: Il partigiano Johnny - Einaudi

La sera del dì di festa
Dolce e chiara è la notte e senza vento,
E queta sovra i tetti e in mezzo agli orti
Posa la luna, e di lontan rivela
Serena ogni montagna. O donna mia,
Già tace ogni sentiero, e pei balconi
Rara traluce la notturna lampa:
Tu dormi, che t'accolse agevol sonno
Nelle tue chete stanze; e non ti morde
Cura nessuna; e già non sai nè pensi
Quanta piaga m'apristi in mezzo al petto.
Tu dormi: io questo ciel, che sì benigno
Appare in vista, a salutar m'affaccio,
E l'antica natura onnipossente,
Che mi fece all'affanno. A te la speme
Nego, mi disse, anche la speme; e d'altro
Non brillin gli occhi tuoi se non di pianto.
Questo dì fu solenne: or da' trastulli
Prendi riposo; e forse ti rimembra
In sogno a quanti oggi piacesti, e quanti
Piacquero a te: non io, non già, ch'io speri,
Al pensier ti ricorro. Intanto io chieggo
Quanto a viver mi resti, e qui per terra
Mi getto, e grido, e fremo. Oh giorni orrendi
In così verde etate! Ahi, per la via
Odo non lunge il solitario canto
Dell'artigian, che riede a tarda notte,
Dopo i sollazzi, al suo povero ostello;
E fieramente mi si stringe il core,
A pensar come tutto al mondo passa,
E quasi orma non lascia. Ecco è fuggito
Il dì festivo, ed al festivo il giorno
Volgar succede, e se ne porta il tempo
Ogni umano accidente. Or dov'è il suono
Di que' popoli antichi? or dov'è il grido
De' nostri avi famosi, e il grande impero
Di quella Roma, e l'armi, e il fragorio
Che n'andò per la terra e l'oceano?
Tutto è pace e silenzio, e tutto posa
Il mondo, e più di lor non si ragiona.
Nella mia prima età, quando s'aspetta
Bramosamente il dì festivo, or poscia
Ch'egli era spento, io doloroso, in veglia,
Premea le piume; ed alla tarda notte
Un canto che s'udia per li sentieri
Lontanando morire a poco a poco,
Già similmente mi stringeva il core.
Giacomo Leopardi   Inserita: 25/10/2014

Il babbo arrivava a casa alle otto di sera e alle otto e tre minuti si cenava.
Se alle otto non era arrivato e non aveva telefonato per avvisare del ritardo, la mamma prima smaniava per dieci minuti, poi mi infilava sulla Cinquecento e uscivamo di casa per cercarlo nella nebbia della pianura padana. Questa faccenda era così stressante che a cinque anni imparai a mettere indietro di dieci minuti le lancette dell'orologio di casa per avere un po' di respiro prima che lei si mettesse a smaniare.
La mamma era molto, molto ansiosa.
Daria Bignardi   Inserita: 23/05/2014 Tratta da: Non vi lascerò orfani - Mondadori

Con la brezza della sera che ti accarezza il volto, ascolta il mio sussurro che ti augura dei sogni sereni.
La Redazione   Inserita: 22/04/2014

La fede dovrebbe unirsi con la luce dell'alba e del tramonto, con la nuvola che vola sulle ali del vento, con l'uccello che canta, e il profumo dei fiori.
Ralph Waldo Emerson   Inserita: 25/03/2014

Il sole tramonta comunque. Sia sul giorno migliore, sia sul giorno peggiore.
Jeffery Deaver   Inserita: 18/02/2014

Una giornata d'amore è in quella linea dell'orizzonte che divide le tue labbra in alba e tramonto!
Alessandro Siani   Inserita: 13/02/2014

Avevamo deciso di trovarci, noi italiani, ogni domenica sera in un angolo del Lager; ma abbiamo subito smesso, perché era troppo triste contarci, e trovarci ogni volta più pochi, e più deformi, più squallidi. Ed era così faticoso fare quei pochi passi: e poi, a ritrovarsi, accadeva di ricordare e di pensare, ed era meglio non farlo.
Primo Levi   Inserita: 27/01/2014

Ti dono questi versi
Ti dono questi versi, perché se un giorno
il mio nome approderà felicemente
alle epoche lontane e farà sognare
qualche sera i cervelli degli uomini,
vascello assecondato da un gran vento,
il ricordo di te, pari alle vaghe favole,
affatichi il lettore come un timpano,
e resti appeso come un fraterno
e mistico anello alle mie rime altere;
essere maledetto cui, dagli abissi profondi
sino al più alto dei cieli, nulla all'infuori
di me risponde! O tu, che come un'ombra
dall'effimera orma,
calpesti con piede leggero e sguardo
sereno gli stupidi mortali che t'hanno
giudicato amara, statua dagli occhi
metallici, grande angelo dalla bronzea fronte!
Charles Baudelaire   Inserita: 19/12/2013

Quando eravamo fidanzati mi dicevi che adoravi il modo di corteggiarti... Per festeggiare, questa sera voglio portarti con me e dimostrarti che anche dopo venticinque anni di matrimonio il mio romanticismo non si è mai spento!
Inserita: 12/11/2013

"Buona sera, buona sera. Ha il Corriere della Sera di ieri sera?"
"No, non ho il Corriere della Sera di ieri sera, ma ho il Corriere della Sera di stasera!".
Inserita: 29/10/2013

Il successo è poter coricarsi ogni sera con l’anima in pace.
Paulo Coelho   Inserita: 12/10/2013

Quella sera mi sono sentito incredibilmente vicino a ogni cosa nell’universo, ma anche straordinariamente solo. Per la prima volta in vita mia mi sono chiesto se la vita valeva tutta la fatica che serve per vivere. Perché, esattamente, valeva la pena di vivere? Che c’è di così orrendo nell’essere morti per sempre e non provare niente, non sognare nemmeno? Che c’è di così fantastico nel provare sensazioni e fare sogni?
Molto forte incredibilmente vicino  Thomas Horn   Inserita: 30/07/2013

La sera è il momento in cui tutte le mancanze tornano a farsi sentire...
Anonimo   Inserita: 11/05/2013

La sera si diventa più accorti per il giorno che è passato, ma mai abbastanza per il giorno che viene.
Friedrich Ruckert   Inserita: 16/02/2013

Fra molti anni un uomo verrà certamente da me, in una calma sera d'estate, a chiedermi come si può vivere una vita straordinaria. Io gli risponderò con queste parole: rendendo abituali le azioni e le sensazioni straordinarie e facendo rare le sensazioni e le azioni ordinarie.
Giovanni Papini   Inserita: 07/11/2012

Non giudicare la giornata in funzione del raccolto della sera ma in funzione dei semi che hai piantato.
Robert Louis Stevenson   Inserita: 14/09/2012

Di sera vengono senza essere mai chiamate, al mattino scompaiono senza essere rubate.
Inserita: 24/08/2012
Sono in alto ed irraggiungibili...
Le stelle.

La buonanotte di questa sera ha un sapore particolare, il gusto di chi ha ritrovato tutto in un attimo, dopo aver pensato di averlo perso...
Inserita: 26/07/2012

Ninna nanna questa sera te la mando dolce e vera, se sul viso senti una leggera brezza, stai pur certa è la mia carezza. Attraversa il cielo e incontra una stella che ti regala la notte più bella.
Inserita: 24/01/2012

Ogni sera prima di addormentarmi rivedo i momenti passati insieme, i baci, le carezze, gli sguardi...e mi perdo in un viaggio senza più ritorno.
Inserita: 09/11/2011

Sono sicuro che il nostro incontro di ieri sera possa dare una svolta alla mia vita.
Inserita: 28/02/2011

Era bello guardare il cielo, sentire il profumo dell’estate e pensare a quella bambina con la quale avevi giocato sul prato, saltando i mucchi di fieno allineati nel tramonto del sole che allungava le ombre. Erano davvero belle le sere di luglio.
Mario Rigoni Stern   Tratta da: Stagioni - Einaudi 

 Frasi dalla n° 1 al n° 50 di 'Sera' su 115 Totali



Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Per Webmaster