Frasi sui ragazzi
Ragazzi
Frasi sui ragazzi
Pagina 1/5
Avere un figlio calciatore era il sogno di mio padre. Tutti i ragazzi dovrebbero tentare di inseguire il proprio sogno, non solo nello sport. Vengo da un paese piccolo, nel quale grandi squadre come la Juventus sembrano irraggiungibili. Invece papà ci ha creduto. E io ce l'ho fatta.
Paulo Dybala   Inserita: 12/01/2021

La mia giovinezza è il periodo che ricordo più spesso, anche se non è stato facile, ma pieno di parole che si confondevano con il teatro.
Monica Vitti   Inserita: 31/12/2020

La spinta creativa, comunque si esprima, equivale alla ricerca del nuovo ed è perciò un indice di gioventù mentale.
Donatella Versace   Inserita: 29/12/2020

Le ragazze e i ragazzi hanno una grande voglia di vestirsi, si impegnano nella ricerca di un loro stile personale che non prescinde però dai suggerimenti della moda. Hanno adottato quello che chiamo uno stile individualista, che significa che ciascuno prende dalle proposte di ogni stilista ciò che più gli aggrada, mescolando il tutto.
Donatella Versace   Inserita: 29/12/2020

Adesso viene il bello! Una seconda giovinezza e tanto tempo libero. La pensione non è un traguardo, ma la linea magica di un orizzonte dove poter rallentare per raccogliere tutti i sogni di una vita…
Auguri!
La Redazione   Inserita: 23/11/2020

La giovinezza e la maturità sono età allo sbaraglio. Tutto può succedere. La vecchiaia no, si può programmare.
Franca Valeri   Inserita: 20/08/2020

L'unico incoraggiamento che posso dare ai giovani, e che regolarmente gli do, è questo: "Battetevi sempre per le cose in cui credete. Perderete, come le ho perse io, tutte le battaglie. Una sola potete vincerne: quella che s'ingaggia ogni mattina, quando ci si fa la barba, davanti allo specchio. Se vi ci potete guardare senza arrossire, contentatevi."
Indro Montanelli   Inserita: 29/06/2020 Tratta da: Corriere della Sera - 20/02/1996

Ho sempre avuto un'impressione positiva sui talent show, perché i ragazzi si impegnano in qualcosa anziché stare a contatto con un mondo a volte pericoloso, si impegnano e fanno danza, ballo, entrano in contatto con la macchina da presa, con le luci ed il mondo dello spettacolo. A volte escono fuori dei talenti, ed il mondo ha bisogno di talenti.
Albano   Inserita: 20/06/2020

Matt Damon nel ruolo di...
Carroll Shelby: Questa cavolo di portiera non si chiude! (Fermo ai Box)
Meccanico: E' un problema di telaio
Carroll Shelby: Ha ma davvero, non mi dire !!
Meccanico: Ragazzi tiratevi in dietro (Prendendo un grosso martello e colpendola)
Le Mans 66 La grande sfida   Inserita: 02/04/2020

E’ molto importante seguire i ragazzi per sapere cosa pensano e soprattutto se veramente pensano a qualcosa
Gigi Proietti   Inserita: 01/04/2020

Ai giovani dico di scegliere di fare quello che vi piace e vi gratifica. Non per i soldi. Oggi tutti vogliono diventare famosi. E la tv propone modelli di “fighi”. Ma sono falsi, costruiti. Uno su centomila ce la fa. Bisogna essere naturali. Poi, se capita, il successo arriva.
Mauro Corona   Inserita: 15/01/2020

A come anni che passano, U come urrà è il tuo compleanno, G come grande tirata d’orecchie, U come un grande giorno, R come ragazzi come sei cresciuto, I come infiniti auguri.
La redazione   Inserita: 23/09/2018

Non il giovane è felice, ma il vecchio che ha vissuto una vita bella. Infatti il giovane nel fiore della età è sempre in balia della sorte; il vecchio invece è approdato alla vecchiaia come a un porto tranquillo e di tutti i beni che prima aveva con dubbio sperato ora ha sicuro possesso nella tranquilla gioia del ricordo.
Epicuro   Inserita: 25/05/2018

Oggi non mi vergogno più di niente, ho iniziato giovane e ho imparato dalla strada. Ne ho ribaltati di tavoli e lo farò ancora.
Isabella Ferrari   Inserita: 24/11/2017

Paradossalmente oggi tutte le donne sono molto più giovani di un tempo. È come se tutte le donne fossero ringiovanite di vent'anni. Le attrici di quarant'anni ne dimostrano venticinque, quelle di cinquanta, trenta. In realtà più le attrici europee di quelle americane, ora che ci penso.
Isabelle Adjani   Inserita: 20/11/2017 Tratta da: Intervista "Espresso" del 30 Dicembre 2016

Ero giovane e scapestrata. Insomma una contestatrice, ma con dei valori. La mia è stata una scelta consapevole, legata a un momento di ribellione con la società. Sapevo che l'avrei pagata molto duramente nella vita. Poi però sono cambiata come donna e non sono stata più in grado di continuare.
Selen   Inserita: 22/09/2017

Io vengo pagato per fare cose per cui la maggior parte dei ragazzi riceve invece una punizione.
Jerry Lewis   Inserita: 20/08/2017

Nuova luce è un pezzo dal punto di vista del concetto rivoluzionario, ha delle immagini molto precise però modernissime, spiazzanti, un linguaggio molto contemporaneo. La difficoltà è stata appoggiare il mio canto su un tipo di scrittura come questo. Poi se lo ascolti ti rendi conto che questo canto è molto più vicino alle cose che facevo 30 anni fa coi Timoria, quando lo spirito era quello di questa canzone. È un pezzo che racconta in maniera positiva un disagio generazionale, quello di un paio dopo la mia, dei ventenni, quando hai tutte le porte aperte ma non sai dove andare, e hai bisogno di fiducia e prospettiva, di una nuova luce. [In riferimento all'ultimo singolo uscito]
Francesco Renga   Inserita: 28/04/2017

Il bruco (Dai 6 anni)
Come giocare: Si formano almeno 2 squadre che impersonano ognuna un bruco in cui i ragazzi si dispongono in fila indiana a distanza ravvicinata, ma senza toccarsi. Chi impersona la testa del bruco ne guida i movimenti: può camminare, correre, arretrare e inventarsi l'andatura che preferisce. Lo scopo di ogni squadra è di tagliare il bruco avversario in una parte del corpo, di solito quella in cui i giocatori si distanziano troppo tra di loro, insinuandosi poi nello spazio libero,che si è formato, se ne ingloberà la parte finale (la coda) aumentando così la lunghezza. Vince la file del bruco che, allo scadere del tempo prestabilito, risulterà essere più lunga.
Gioco delle belle statuine
Inserita: 02/03/2017

Quando vado in tv o parlo al telegiornale dico sempre che sono contenta così, che la malattia non mi ha sconfitta, eccetera. Però, quando accade un trauma del genere, non accade solo a te. Accade ai tuoi genitori, alla tua famiglia. E hai il dovere di evitare che accada. Se a casa non avessimo dato retta all'Asl, che ci diceva "tanto c’è tempo", e se dopo la vaccinazione contro la meningite A avessi fatto anche quella contro la C, non mi sarei ammalata. Qui in Veneto ad esempio le vaccinazioni non sono obbligatorie; ed è sbagliato, infatti ci sono dei focolai. Non tutti hanno un paese che ti sostiene come ha fatto Mogliano con me, non tutti hanno una famiglia forte come la mia. Altri genitori non reggono al colpo: spesso uno dei due se ne va. Quasi sempre l'uomo, il padre. I ragazzi della nostra associazione, che consente agli amputati di fare sport, sono quasi tutti figli di genitori separati. La madre è quella che resta.
Beatrice Vio   Inserita: 25/02/2017 Tratta da: Corriere - 16/10/2016

Guardie e ladri (Dai 7 anni)
Come giocare: I ragazzi si dividono in due squadre in numero uguale. Il campo di gioco è delimitato da una linea tracciata a terra, alle cui spalle si trova la "prigione". Le "guardie" si trovano in un angolo del campo, mentre i "ladri" sono sparsi ovunque. Al segnale, le guardie si lanciano all'inseguimento dei ladri cercando di prenderne il maggiore numero possibile. Ogni ladro che viene toccato o fermato da una guardia viene portato in prigione. Il ladro prigioniero resta confinato oltre la linea della prigione, e tende la mano verso i giocatori. Se un altro ladro, senza farsi prendere, riesce a toccare la mano del prigioniero, questo ritorna libero. Quando vi sono più prigionieri essi formano una catena ed è sufficiente che un ladro libero tocchi il primo prigioniero, affinché tutti quelli che sono in contatto con lui siano liberati immediatamente.
Gioco delle belle statuine
Inserita: 05/02/2017

Palla prigioniera (Da 8 anni)
Come giocare: Si dividono i ragazzi in 2 squadre composte da almeno quattro giocatori ciascuna e si affrontano su un campo di gioco rettangolare di circa 15x8 metri, diviso in quattro fasce di grandezza diversa, due più piccole ai confini e due più grandi al centro; in queste ultime si posizionano alternati i componenti delle due squadre a inizio partita. Si nominano due capitani, e con un sorteggio questi dovranno disputarsi il diritto di scegliere i componenti della squadra e di giocare per primi. A turno, uno dei componenti di una squadra dovrà cercare di colpire un avversario o più, lanciando una palla con le mani, senza superare con i piedi o con le braccia il confine che divide i due campi. Il tiro viene convalidato solo se il pallone non urta né una parete né il terreno prima di colpire un avversario. Quando un avversario viene colpito dal pallone viene "fatto prigioniero", e si deve spostare nella fascia più piccola, dietro ai giocatori della squadra che ha messo a segno il colpo. Se un ragazzo prigioniero prende la palla, può cercare di colpire direttamente gli avversari e tornare libero. Se dopo un tiro la palla viene presa al volo da un giocatore della squadra avversaria, sarà colui che ha tirato la palla ad andare nella zona riservata ai prigionieri.
Gioco delle belle statuine
Inserita: 01/01/2017

Per me era importante che questi bambini speciali fossero principalmente bambini con tutte le loro emozioni, il loro disagio, i propri sogni e paure. Mi piaceva raccontare questi bambini con tutte le dinamiche della loro età. Essere diversi oggi è forse ancora più difficile perché chiunque può dire quello che vuole contro di te: esiste un bullismo senza nome e senza faccia che mi disturba moltissimo. La tecnologia da un lato ha liberato il cinema, dall'altro però ci ha limitato la possibilità di apprezzare quello che viviamo. Oggi andiamo ad un concerto e invece di seguirlo stiamo tutti lì a filmarlo col cellulare, non godiamo il presente perché lo viviamo mutuato da un telefono. I ragazzi di oggi valutano se stessi dal numero di like che ottengono su Facebook e questo è triste e allarmante. [In riferimento al film "Miss Peregrine, la casa dei ragazzi speciali]
Tim Burton   Inserita: 14/12/2016

Luke Grimes nel ruolo di...
Marc: “Lavorare casa per casa è il lavoro più rischioso, chi credi di essere, un supereroe?”
Bradley Cooper nel ruolo di...
Chris: “Io voglio beccare il nemico, ma se non lo vedo non gli posso sparare.”
Marc: “Senti, questi ragazzi sanno chi sei e si sentono invincibili con te lì sopra.”
Chris: “Non lo sono.”
Marc: “Invece sì se ci credono.”
American sniper  Luke Grimes   Inserita: 10/01/2015

Alle volte uno si crede incompleto ed è soltanto giovane.
Italo Calvino   Inserita: 05/01/2015 Tratta da: Il visconte dimezzato - Einaudi

Il Futurismo fu l’ultima avanguardia artistica e culturale di uomini e donne prodotta in Italia. Oggi sentirsi futuristi e’ essere protagonisti del proprio tempo, essere cioe’ capaci di lasciare la propria impronta interpretando il tempo che si vive, lasciarne testimonianza futura alle giovani generazioni.
Giorgia Meloni   Inserita: 03/01/2015

Si dice che i genitori rimangono giovani nei figli, ed è questo uno dei più preziosi vantaggi psicologici ch'essi ricavano da loro.
Sigmund Freud   Inserita: 04/09/2014

Rose Byrne nel ruolo di...
Kelly: “I ragazzi della confraternita ci hanno rubato tutti gli airbag dalla macchina!”
Seth Rogen nel ruolo di...
Mac: “Gli airbag?! Che cosa strana! Non manca nient'altro?”
Kelly: “No...perché rubarci gli airbag? E' una cosa senza senso!”
Mac: “Non lo so!”
Cattivi vicini  Rose Byrne   Inserita: 20/08/2014

Abbiamo cominciato questo progetto dieci anni fa con Klinsmann e questo è il risultato del duro lavoro. Abbiamo fatto progressi costanti nel corso del tempo, le prestazioni sono sempre migliorate e ora è arrivato l’ultimo passo. Se c’è una squadra che merita questo successo è la nostra: abbiamo ragazzi che sono nel gruppo da tantissimi anni come Mertesacker, Podolski, Schweinsteiger, Lahm e Klose. Anche oggi la chiave della vittoria è stata uno spirito di squadra incredibile. Tutti hanno dato tutto. Questi giocatori hanno una volontà incredibile. Prima della partita avevo detto alla squadra che avrebbero dovuto dare più di quanto avessero mai dato per riuscire in quello in cui non eravamo mai riusciti prima: alzare la Coppa. Siamo la prima europea a vincere in Sudamerica e questo ci rende orgogliosi. (Dopo la vittoria della Germania ai mondiali di calcio)
Joachim Loew   Inserita: 14/07/2014

Il compito più duro che affrontano oggi i ragazzi è di imparare le buone maniere senza vederne affatto.
Fred Astaire   Inserita: 03/07/2014

Benedetto XVI non dimentica mai, in nessuna occasione, di rivolgere il suo pensiero benevolo ai ragazzi. Lo ringrazio perché ancora oggi ha voluto trasfonderci tutta la sua forza con un messaggio, improntato alla visione di un avvenire migliore, che sarà tale se le giovani generazioni sapranno riscoprire gli eterni valori del rispetto del prossimo e della collaborazione tra tutte le componenti della società.
Giorgia Meloni   Inserita: 05/06/2014

Non mai annoiare né obbligare i giovanetti alla frequenza dei santi sacramenti, ma porgere loro la comodità di approfittarne.
Giovanni Bosco   Inserita: 03/06/2014

La giovinezza è felice perché ha la capacità di vedere la bellezza. Chiunque sia in grado di mantenere la capacità di vedere la bellezza non diventerà mai vecchio.
Franz Kafka   Inserita: 16/05/2014

Ai miei collaboratori, al gruppo di ragazzi che sta rilanciando la Fiat, raccomando sempre di non seguire linee prevedibili, perché al traguardo della prevedibilità arriveranno prevedibilmente anche i concorrenti. E magari arriveranno prima di noi.
Sergio Marchionne   Inserita: 16/05/2014

I giovani credono che i vecchi siano sciocchi, ma i vecchi sanno che i giovani sono sciocchi.
Agatha Christie   Inserita: 25/04/2014

Spesso i ragazzi mi chiedono come si fa a diventare una star. E io rispondo che è un mestiere, un lavoro duro, è una cosa diversa.
Alexia Aquilani   Inserita: 02/04/2014 Tratta da: televideo.rai.it

George Clooney nel ruolo di...
Frank Stokes: : “Il cuore come va?”
Matt Damon nel ruolo di...
James: “Batte ancora...”
Frank Stokes: “Vuoi entrare in guerra?”
James: “Monuments men”
Frank Stokes: “Firmato da Roosevelt! Devo mettere insieme una squadra per proteggere ciò che è rimasto e trovare ciò che manca”
James: “Non sei un po' troppo vecchio?”
Frank Stokes: “Si...”
James: “Vuoi entrare in una zona di guerra e dire ai nostri ragazzi quello che possono e non possono far esplodere.”
Frank Stokes: “Questa è l'idea!”
James: “Va bene, quanti uomini?”
Frank Stokes: “Per ora sei.”
James: “Ma dai...”
Frank Stokes: “Con te fanno sette!”
Monuments men  George Clooney   Inserita: 15/02/2014

Steve W.: “Me ne vado Steve...”
Steve: “Okay...”
Steve W.: “No, no Steve: me ne vado dalla Apple...per sempre. Veramente l'ho già fatto, solo che ho pensato che fosse giusto venire qui a dirtelo.”
Steve J.: “Perchè?”
Steve W.: “Era inevitabile e lo sapevamo entrambi: non riesco nemmeno a ricordare l'ultima volta che abbiamo parlato...”
Steve J.: “Che cosa vuoi da me allora?”
Steve W.: “Non tutti hanno un secondo fine Steve”
Steve J.: “Certo...”
Steve W.: “Sai...ricordo ancora quando eravamo dei ragazzi nel garage di tuo padre e volevamo soltanto creare supergiocattoli per gente come noi, te lo ricordi? Adesso a te non importa più della gente, no, conta solo il prodotto. Peggio ancora: conti solo tu. Tu sei l'inizio e la fine di tutto il tuo mondo Steve ed è così piccolo...”
Jobs  Josh Gad   Inserita: 02/12/2013

"E' meglio se ti sposi presto...cominci a sembrare vecchia!" Mio padre me lo dice da quando avevo 15 anni perchè le brave ragazze greche devono fare 3 cose nella vita: sposare ragazzi greci, fare figli greci e cucinare per tutti fino al giorno della loro morte.
Il mio grosso grasso matrimonio greco  Nia Vardalos   Inserita: 29/11/2013

Perchè il problema nostro qual è stato? Che l'Italia è sempre stata governata da una classe politica non all'altezza: clientelare, corrotta...Daniele non mi fraintendere, io son sempre stato un uomo di sinistra, ma è chiaro che in questa Italia miserabile, Berlusconi è arrivato al momento giusto, diciamocelo! E' un uomo nuovo, che non ha niente a che fare con la politica, estraneo ai partiti, un imprenditore di successo, ricco, capace, che sa parlare a tutti con un linguaggio nuovo, finalmente comprensibile, diciamocelo! E diciamoci pure questo: se uno ha fatto bene con le proprie aziende, farà bene anche con le aziende d'Italia, no? E' semplice, anche per voi ragazzi e per le donne...
L'ultima ruota del carro  Ricky Memphis   Inserita: 25/11/2013

I ragazzi che si amano
I ragazzi che si amano si baciano in piedi
Contro le porte della notte
E i passanti che passano li segnano a dito
Ma i ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
Ed è la loro ombra soltanto che trema nella notte
Stimolando la rabbia dei passanti
La loro rabbia il loro disprezzo le risa la loro invidia
I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
Essi sono altrove molto più lontano della notte
Molto più in alto del giorno
Nell'abbagliante splendore del loro primo amore.
Jacques Prevert   Inserita: 05/05/2012

E i passanti che camminano li segnano al dito. Ma i ragazzi che si amano non ci sono per nessuno. Ed è solo la loro ombra che trema nella notte. Stimolano la rabbia dei passanti, il loro disprezzo le risa, l'invidia.
I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno. Essi sono altrove, molto più lontano della notte e più in alto del giorno...in quella brillante luce del loro primo amore.
Jacques Prevert   Inserita: 28/02/2012

Se lasci avvicinare qualcuno perdi i tuoi segreti, Può essere doloroso farsi trovare dagli altri nei posti bui e contorti che hai dentro, ma devi sperare che lo facciano perché è in quel momento che comincia tutto. Lasciare che Maya mi ami per come sono adesso sarebbe come contagiarla con una malattia, lei non merita di essere amata da un ragazzo che non riesce a vedere il mondo per com'è, e io vorrei tanto tenermi i miei segreti finché c'è li ho.
Quello che tu non vedi  Charlie Plummer   

Il rap in Italia è stato sdoganato dai centri sociali, era un fenomeno politico. Oggi è tutt’altro. Però ha aggiunto qualcosa al nostro dibattito musicale. È più libero dagli schemi. E ha scardinato i vecchi meccanismi della promozione, attraverso il web, i social, YouTube. I ragazzi hanno un sistema operativo aggiornato.
Caparezza   Tratta da: Intervista a "Ondarock" 

Avere il coraggio di dire ai giovani che essi sono tutti sovrani, per cui l'obbedienza non è ormai più una virtù, ma la più subdola delle tentazioni, che non credano di potersene far scudo né davanti agli uomini né davanti a Dio, che bisogna che si sentano ognuno l'unico responsabile di tutto.
Lorenzo Milani   

Ecco, questo sarebbe un sogno, l’avere una scuola in Italia che possa crescere i ragazzi a 360° anche potendo lavorare nel basket non solo come atleti.
Kobe Bryant   Tratta da: Intervista a BaskeTime 

Siamo una delle Nazionali più giovani quindi un anno in più d’esperienza farà migliorare il bagaglio di ognuno, sia tecnico che atletico. Sarà una tappa importante per me e per noi.
Roberto Mancini   Tratta da: intervista a Sport Mediaset 

In passato i ragazzi vestivano copiando i loro padri. Poi c' è stata la ribellione dei primi anni Settanta, hanno cominciato a vestirsi in modo autonomo, ma hanno adottato le divise, che servivano a inviare messaggi politici. C' erano leader carismatici, persone che davano la linea politica ma anche lo stile di vita e di conseguenza un certo tipo di abbigliamento. Era comunque un modo di vestire che implicava una ricerca, un' attenzione a quello che si indossava. In quel momento la moda era importante.
Donatella Versace   

Due ragazzi a cinquecento metri dopo le acque internazionali hanno costruito un'isola e si sono dichiarati indipendenti.
L'isola delle rose  Fabrizio Bentivoglio   

Quando ho iniziato a giocare, come tutti, avevo delle ambizioni: sognavo di diventare qualcuno che vedevo in tv, come i ragazzi di oggi guardano Messi o Ronaldo. Il mio mito all'epoca era Kurt Hamrin, uno svedese che giocava ala destra nella Fiorentina. E infatti ho iniziato a giocare ala destra, e ho giocato lì fino a 20 anni. Per me Hamrin era un punto di riferimento: mi piaceva il suo modo di giocare, di fare gol. Non dico che avevo quelle caratteristiche ma in qualcosa gli assomigliavo.
Paolo Rossi   

 Frasi dalla n° 1 al n° 50 di 'Ragazzi' su 216 Totali



Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Per Webmaster