Frasi sui giornalisti
Giornalisti
Frasi sui giornalisti
Pagina 1/2
Raccolta di frasi inerenti la categoria professionale dei giornalisti, con opinioni e riflessioni circa il loro lavoro e come viene svolto
Condividi su Facebook
Un elemento della nostra professione è il costante approfondimento delle nostre conoscenze.
Ryszard Kapuscinski   Inserita: 08/08/2021

Il problema delle televisioni, in generale di tutti i media, è che sono così grandi, influenti e importanti che hanno cominciato a creare un mondo tutto loro. Un mondo che ha poco a che fare con la realtà.
Ryszard Kapuscinski   Inserita: 04/08/2021

Mi sintonizzo su una radio locale che trasmette solo canzoni, pubblicità della birra e, per tutta notizia dal mondo, la nascita in India di due gemelli siamesi. So con certezza che quella radio lavora al servizio del silenzio.
Ryszard Kapuscinski   Inserita: 15/07/2021

Ero il giornalista che faceva domande. Solo ora capisco che dei giornalisti sono veramente stupidi e ti fanno domande perché non sanno che ti annoieranno, ma perché tentano di romperti le palle. Non sapevo qual era la mia intenzione, ma li annoiai da morire!
Marilyn Manson   Inserita: 10/01/2021 Tratta da: intervista a Q-Magazine

Sacchismo o Sarrismo sono solo etichette, date dai giornalisti sportivi.
Maurizio Sarri   Inserita: 03/07/2020

Quando scatta la caccia alle streghe, io preferisco ascoltare prima le streghe.
Indro Montanelli   Inserita: 15/06/2020

Quando la RAI si accorse di me?
Allora ero il direttore di Radio Venezia, in viaggio verso Roma, si fermò a Rimini per riposarsi al caffè Forcellini. Quella domenica ero alle prese con il derby Ravenna-Rimini. Terminata la cronaca, il direttore segnalò a Roma uno studente che raccontava il calcio con una tonalità, a suo dire, inedita. Parlava allo straordinario capo delle Radiocronache, Vittorio Veltroni, padre di Walter. La Rai, non disposta a cedere alla richiesta di aumentare il compenso del celebre Nicolò Carosio, mi chiese se ero disposto a trasmettere, sperimentalmente, Bologna-Genova. Il mercoledì un telegramma mi invitava a Roma, via Asiago 10, “per comunicazioni”. La domenica raccontavo, in diretta, Roma-Fiorentina. Poco dopo, Veltroni mi segnalò a Cesare Zavattini, suggerendogli di ascoltarmi
Sergio Zavoli   Inserita: 01/06/2020

Mi accusavate di essere razzista quando chiedevo controlli su tutti coloro che tornavano dalla Cina ed eravate voi quelli che mi sbeffeggiavano con parole insolenti perché avevo cercato,indossando la mascherina, di allertare le persone sul fatto che questa non sarebbe stata una passeggiata di salute. Voi avete detto che ero la causa della perdita di credibilità del nostro Paese. (Rivolto ai giornalisti)
Attilio Fontana   Inserita: 01/04/2020 Tratta da: Intervista del 31/03/2020

Un direttore che svela chi si cela dietro uno pseudonimo, anche se lo fa per salvarsi, non avrà più la fiducia e la stima della redazione.
Alessandro Sallusti   Inserita: 15/03/2020

Oggi ho una sessantina di procedimenti aperti, più o meno 50 per la solita questione dell’omesso controllo, che è un fallo inevitabile e un’assurdità. Va cambiata la legge sull’omesso controllo, che è una legge del ’38, quando i giornali avevano poche pagine e si scriveva una manciata di articoli. Oggi un direttore può dover chiudere ottanta pagine al giorno in 40 minuti alle nove di sera, ditemi voi come fa a controllare tutto.
Alessandro Sallusti   Inserita: 02/03/2020

Ho avuto una grande fortuna nella vita, fare il mestiere che sognavo fin da bambino. Di solito a quell’età si desidera diventare un astronauta, un calciatore, un attore. Io sognavo di fare il giornalista. E, per tutta una serie di fortuite coincidenze, ci sono riuscito. Conosco invece molte persone, amici, che nella vita hanno avuto successo, ben più di me, eppure quasi tutti sono tormentati dal pensiero di non aver fatto esattamente ciò che avrebbero voluto. Io, al contrario, ho avuto questo privilegio
Alessandro Sallusti   Inserita: 22/02/2020 Tratta da: Intervista a Linkiesta (07/2018)

Sono un tipo chiuso e noioso, quando sono in TV mi pesa dover apparire brillante.
Alessandro Sallusti   Inserita: 06/02/2020

Ordine stabilito in cui siamo accomodati: come se volessimo sentirci raccontare soltanto quello che ci piace, quello che non sconvolge l'ordinato svilupparsi delle vicende che abbiamo deciso per noi stessi.
Giampaolo Pansa   Inserita: 13/01/2020

Non mi ritengo un giornalista. Mi sono trovato in situazioni in cui la notizia si imponeva, ad esempio quando a Mosca mi passò davanti una sfilata militare coi missili che nessuno in Occidente aveva ancora visto. Ma solo perché ero già lì. Fotografare è soprattutto essere lì. Non amo essere messo in una categoria.
Elliott Erwitt   Inserita: 08/11/2018

Vogliamo crescere, migliorare le nostre inchieste e i nostri reportage. Vogliamo diventare ancora più grandi, vogliamo sbagliare meno e essere più precisi, ma ci servono altri investimenti.
Peter Gomez   Inserita: 28/07/2018 Tratta da: Fatto Quotidiano del 01/01/2017

Quale governo sarà fra M5S e Lega ce lo racconteranno solo i fatti. Non gli strali dei giornali o le cassandre pronte già adesso a dire che tutto andrà male. La strada, certo, è in salita. Le attese di molti cittadini sono altissime, l’avversione e la paura di altri è massima, mentre i soldi in cassa sono decisamente pochi.
Peter Gomez   Inserita: 28/07/2018

Julian Assange non è un "giornalista" più di quanto il "direttore" di al-Qaeda della nuova rivista in lingua inglese "Inspire" sia un "giornalista". E' un anti-americano operativo, con le mani sporche di sangue.
Sarah Palin   Inserita: 26/09/2017

So per certo che la mia testa l’hanno chiesta, nell’ordine: Gianfranco Fini, che la pose tra le condizioni per non uscire dal Pdl, Sarkozy, e più di recente Mario Monti, l’uomo che dovrebbe essere il custode del liberismo e della libertà
Alessandro Sallusti   Inserita: 06/02/2016 Tratta da: Intervista a Vanity Fair (12/10/2003)

Il giornalista è colui che distingue il vero dal falso... e pubblica il falso.
Mark Twain   

L'errore è stato forse quello di essermi fidato troppo delle persone sbagliate, di aver accettato la parola data per parola buona. Ho 44 anni, mi è stato offerto prima Matrix, poi il programma della domenica in diretta di Canale 5, sono delle sfide che qualsiasi giornalista vorrebbe avere.
Alessio Vinci   

La moltitudine dei giornali è la letteratura e la tirannide degli ignoranti.
Vincenzo Gioberti   

In questo paese ministri e imprenditori parlano solo con i giornalisti amici. Eppure usano spesso la parola libertà. Ma se ti prendi la libertà di critica, ti trascinano in tribunale.
Milena Gabanelli   

La stampa è una bocca costretta ad essere sempre aperta e sempre a parlare. Di conseguenza dice mille volte che non ha niente da dire.
Alfred de Vigny   

La fine è molto vicina, ormai ho deciso, voglio ritirarmi. Gioco al pallone da quindici anni e voglio una vita più tranquilla. Sono stanco di lottare, solo, contro tutti, i giornalisti, i dirigenti. Voglio tornare a godermi l’Argentina. (04/12/1990)
Diego Armando Maradona   

Nessuno ti aiuta veramente a uscire dalla droga. Avevo bisogno di comprensione, non di repressione. Ma c’era già pronta per me la condanna assoluta. Sei nella trappola dei giornalisti, dei giudici, della polizia. Tutti sono come la polizia che ti dice non drogarti e ti dà un pugno in bocca. La mia famiglia mi ha aiutato a non finire peggio.
Diego Armando Maradona   

 Frasi dalla n° 1 al n° 25 di 'Giornalisti' su 48 Totali



Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Per Webmaster