Frasi sul tennis
Tennis
Frasi sul tennis
Pagina 1/2
Frasi e considerazioni sul tennis: il match e le sue regole, i giocatori e le vittorie che hanno segnato i momenti più emozionanti di questo sport.
Condividi su Facebook
Non si è dei grandi tennisti se non si vince almeno una volta in Francia.
John McEnroe   Inserita: 28/02/2018

È più facile avere nemici che avere amici, specialmente se i tuoi amici diventano anche loro tennisti professionisti e tu sei sulla strada per diventare numero uno del mondo. Potrebbe suonare come un cliché ma sei da solo quando sai al vertice, ma solo perché è un cliché non significa che sia sbagliato.
John McEnroe   Inserita: 24/02/2018

Studiare il gioco, applicarsi ma soprattutto divertirsi.
Martina Hingis   Inserita: 20/04/2014 Tratta da: tennisworlditalia.com - 04/04/2012

Il mio gioco non è così dispendioso come quello degli altri, certo, devo allenarmi, devo fare estrema attenzione a non farmi male, ed è così da 10 anni, settimana dopo settimana. Sono un professionista. Ma so anche prendermi i miei spazi, so che il tennis non è tutto nella vita, e questo mi ha aiutato a superare le varie fasi della mia esistenza. Perché sto facendo davvero un viaggio incredibile, vediamo quando finisce, speriamo non succeda subito. Ma potrebbe anche accadere. Me lo dico sempre, dopo ogni vittoria: "Potrebbe essere l'ultima, potrebbe finire tutto proprio qui".
Roger Federer   Inserita: 16/03/2014 Tratta da: Gazzetta dello Sport - 02/02/2010

Sono contento, equilibrato, realista. Non dimentichi che sono svizzero, quindi poco propenso a viaggiare con la mente verso pianeti lontani. Se devo stilare una classifica della felicità, metto tre momenti, in ordine temporale: la prima vittoria a Wimbledon, il matrimonio con Mirka e la nascita delle mie figlie, gemelle, una sensazione meravigliosa e bizzarra.
Roger Federer   Inserita: 13/03/2014 Tratta da: Repubblica - 17/05/2012

Ho scritto un libro per capire chi ero e come ero diventato. E così mi sono reso conto di quanto detestassi il tennis da giovane.
André Agassi   Inserita: 23/11/2013

E' la pallavolo che ha scelto me. Da ragazzo io praticavo diversi sport, dal nuoto al tennis in cui ero qualificato e l'obiettivo in assenza di social, smartphone e corbellerie elettroniche varie era quello di divertirsi in gruppo facendo attività fisica. Poi a scuola, mentre il tennis prendeva piede sempre di più grazie ad una borsa di studio, iniziai ad avvicinarmi alla pallavolo che mi intrippava sempre di più e pian pianino lasciai uno sport individuale come il tennis dedicandomi anima e corpo ad uno sport dove l'elemento collettivo era preponderante. Nel giro di due anni ero già nel giro che contava, nazionale militare e Panini Modena con la quale sono diventato un atleta professionista.
Andrea Lucchetta   

Ho imparato presto che la forza viene molto dal mentale. Una partita può durare da una a tre ore, ci sono tanti alti e bassi, è impossibile mantenere un livello molto alto per tanto tempo. Perciò è fondamentale come reagisci nei momenti giù, come rimani concentrata e quanto a lungo ci riesci.
Maria Sharapova   

Non mi sono mai ispirata a nessuna. Non ho mai pensato che qualcuna fosse talmente brava da voler essere come lei.
Maria Sharapova   

Giocare quando Bjorn e Jimmy Connors era numero uno e numero due e far parte del giro è stato, in un certo senso, come vivere un sogno. Non parlo del resto, il tennis era indubbiamente al massimo del suo splendore.
John McEnroe   

Purtroppo ho l'impressione che la gente venga a vedere i miei match più per vedermi arrabbiato che per il mio tennis.
John McEnroe   

Bisogna fare qualcosa perché il tennis sta perdendo pericolosamente popolarità. Becker che annuncia il suo ultimo Wimbledon è stato come un pugno allo stomaco. È stato il personaggio più importante degli ultimi dodici anni. Sa che non può più vincere un Grande Slam, ma è anche usurato. Si gioca troppo, non c'è tempo per recuperare e allenarsi, ormai il tennista ha il fisico del giocatore di football
John McEnroe   

Potrei giocare con le scarpe da calcio, oppure chiedere consigli a Chuck Norris su come rimanere in piedi. Non ho più parole per descrivere quello che penso rispetto a questa terra blu. Qualunque cosa tu faccia su questo campo, andare a rete, andare in allungo, muoversi lateralmente... qualunque movimento ti fa scivolare. Ho parlato con molti giocatori e sono tutti d'accordo con me. (...) Non ho trovato ancora un solo giocatore cui piaccia giocare su questa superficie. Penso che le opinioni dei giocatori dovrebbero essere ascoltate.
Novak Djokovic   

I tempi sono cambiati. Con tutto il rispetto per il tennis di 20 anni fa, oggi questo sport è molto più fisico e comporta un grande dispendio di energie per il nostro corpo. Non abbiamo molto tempo per recuperare.
Novak Djokovic   

Ho ancora in mente l'immagine di Pete Sampras col trofeo di Wimbledon tra le braccia. Questa è una delle immagini presenti nella mia testa che sono rimaste lì per tutto l'arco della mia carriera e che mi hanno spinto a diventare un tennista professionista.
Novak Djokovic   

Da bambino mi sentivo creativo, e sognavo di avere qualcosa di ognuno dei grandi campioni che vedevo per poi superarlo, immaginando di poterli acquisire e rielaborare a modo mio.
Novak Djokovic   

Ho imparato da Rafa e Roger a mantenere la calma e tirare i colpi migliori al momento giusto. Sono stati loro a insegnarmi come batterli, come vincere gli Slam.
Novak Djokovic   

La guerra mi ha reso anche un tennista migliore perché mi promisi di dimostrare al mondo che esistono anche dei serbi buoni.
Novak Djokovic   

La guerra mi ha reso una persona migliore perché ho imparato ad apprezzare e a non dare niente per scontato.
Novak Djokovic   

Penso che la gente si emozioni e si appassioni sempre di più solo se ci sono grandi rivalità e giocatori molto forti ad animare questo sport.
Novak Djokovic   

Quando parto favorito prima di un match, ogni mio avversario è motivato a giocare al massimo contro di me.
Novak Djokovic   

Ogni giorno ti alzi e lavori per fare qualcosa di così grande che, anche se è lontano dalla realtà, è dentro di te.
Francesca Schiavone   

Tra me e lei è tutto apposto, abbiamo un ottimo rapporto. Se non abbiamo cominciato a giocare prima in doppio è solo perché lei non mi voleva, ho dovuto convincerla io. (Riferita a Flavia Pennetta)
Francesca Schiavone   

E' un uomo affascinante e interessante, avrei un mucchio di domande da fargli. (Riferita a Roger Federer)
Francesca Schiavone   

Passo dal dolce al salato e viceversa senza problemi. Ho bisogno di parecchie energie per gli allenamenti.
Francesca Schiavone   Tratta da: Io donna - 07/05/2011 

Noi sportivi abbiamo una vita piuttosto rigida. Mi concedo al massimo una settimana di mare all’anno, perché amo il sole e il caldo. Ma i tornei di tennis sono prevalentemente d’estate, e tempo per le vacanze ne resta poco.
Francesca Schiavone   Tratta da: Io donna - 07/05/2011 

Fin da ragazzina mi ero ripromessa di conquistarla, e alla fine ce l’ho fatta. (Riferita alla coppa Roland Garros)
Francesca Schiavone   Tratta da: Io donna - 07/05/2011 

Chi vince è più forte…io devo imparare a essere più lucida. E’ anche una questione si esperienza.
Francesca Schiavone   

Dopo la vittoria di Parigi ritengo di poter sostenere meglio attenzioni e tensioni forti. Ora ho più sogni, uno di questi è proprio vincere in casa, al Foro Italico.
Francesca Schiavone   

No, la fortuna non esiste.
Francesca Schiavone   

Mia madre voleva che ce la facessi. Tutto ciò che facevo doveva essere fatto bene e non a metà.
Martina Hingis   Tratta da: ubitennis.com - 23/12/2011 

Per giocare bene, non bisogna avere sempre paura di cadere! Mi piace dare una direzione da seguire, dei consigli tattici e tecnici come mia madre faceva con me (...) adoro essere coach!
Martina Hingis   Tratta da: ubitennis.com - 23/12/2011 

Mi tengo sempre in forma con il tennis e con le uscite a cavallo e mi piacciono i concorsi di equitazione nonostante nell'ultimo periodo non sia riuscita a parteciparvi.
Martina Hingis   Tratta da: tennisworlditalia.com - 04/04/2012 

Il tennis mi ha dato tutto quello di cui posso godere oggi.
Martina Hingis   Tratta da: tennisworlditalia.com - 04/04/2012 

In campo maschile mi è piaciuta la rivalità tra Federer e Nadal, ma soprattutto sono curiosa di vedere se Djokovic riuscità a confermarsi numero uno a lungo.
Martina Hingis   Tratta da: tennisworlditalia.com - 04/04/2012 

Non ha la stessa potenza di altre giocatrici, ha più tocco e strategicamente sa cosa fare ma dire che mi somiglia mi è difficile pensarlo. Ognuna di noi è unica nei suoi aspetti di gioco. (Riferita ad Agnieszka Radwanska)
Martina Hingis   Tratta da: tennisworlditalia.com - 04/04/2012 

Credo che la fiducia abbia un suo valore ma anche il miglioramento fisico e tecnico va di pari passo.
Martina Hingis   Tratta da: tennisworlditalia.com - 04/04/2012 

Il suo gioco mi piace molto, ho avuto modo di giocarci contro in una delle mie ultime apparizioni e già allora pensai che avrebbe potuto vincere degli Slam. (Riferita a Victoria Azarenka)
Martina Hingis   Tratta da: tennisworlditalia.com - 04/04/2012 

Sono la numero uno al mondo. A meno che questo non cambi presto, ho il diritto di essere arrogante.
Martina Hingis   

Quale rivalità? Vinco sempre io. (Riferita ad Anna Kurnikova)
Martina Hingis   

Il tennis femminile è un mondo molto solo, specialmente quando sei al vertice. Non devi avere così tanti amici. C'è molta gelosia nell'ambiente.
Martina Hingis   

È sempre possibile migliorare la tecnica. Prendete il mio rovescio: ogni tanto si perde e i miei avversari ormai si concentrano su quel colpo. Per questo continuo a lavorarci sodo.
Roger Federer   Tratta da: Gazzetta dello Sport - 29/11/2011 

Da piccolo la gente diceva di me che avevo talento, ma che non c'ero con la testa, che non mi allenavo. Ero arrivato ad un bivio, dovevo scegliere se prendere la strada del talento o quella del lavoro. Ho scelto la seconda. Ora quando inizio uno Slam sono preparato, so che colpi devo giocare. Nei momenti decisivi è l'istinto che prende il sopravvento, ma non è un caso se alla fine vinco io.
Roger Federer   Tratta da: La Stampa - 12/09/2006 

Le vittorie ti dicono sempre la verità. Certificano se sei bravo o no. Sono orgoglioso di essere stato il migliore al mondo in qualche cosa, in un mestiere. La gente mi ammira, tutti ascoltano quello che ho da dire, osservano e giudicano ciò che faccio. Con gli anni ho capito che se hai preso tanto qualcosa devi restituire.
Roger Federer   Tratta da: Repubblica - 17/05/2012 

Non vado in campo per accumulare il più gran numero di vittorie possibili. Mi piace trovare soluzioni ai nuovi problemi. Rende tutto più divertente. Sarebbe triste, se ripensi ai tuoi sogni di bambino, vivere la vita del giocatore di tennis in maniera totalmente routinaria. Perché si tratta di un rimettersi in gioco ogni giorno. Ora, quando vengo ad allenarmi alle otto di mattina, sono contento. Può funzionare o no, ma almeno cerco di fare del mio meglio. Di colpo, se le cose vanno, mi sento mentalmente più forte.
Roger Federer   Tratta da: ubitennis.com - 17/10/2011 

Nadal merita rispetto. Ha avuto il suo miglior inizio di stagione, è stato fenomenale, come sempre, sulla terra, e sta giocando costantemente bene su tutte le superfici, per cui è una seria minaccia. Gran combattente, ha un bilancio favorevole con me, la sfida mi stimola.
Roger Federer   Tratta da: Gazzetta dello Sport - 05/07/2008 

Con il passare degli anni, accarezzo sempre più l'idea di giocare contro le generazioni future giocando con la storia.
Roger Federer   

Non sottovaluto più nessuno. L'ho fatto in passato: qui ad Halle, per esempio, persi in semifinale da Michael Chang. Pensavo: "Non puoi perdere da Chang sull'erba".
Roger Federer   Tratta da: ubitennis.com - 19/06/2008 

Ogni giocatore ha il suo stile le sue idee con cui confrontarsi. Io ascolto volentieri. Ero sempre contento di ricevere gli input dei miei precedenti allenatori. Ma sono io che alla fine devo mettere in pratica le cose. Col mio tipo di tennis posso scegliere di giocare come preferisco, non solo a rete ma anche da dietro. Per questo motivo penso che sono un tennista piuttosto interessante da allenare.
Roger Federer   Tratta da: ubitennis.com - 27/12/2013 

Un tempo il montepremi di un torneo era di cento franchi o un voucher per il pranzo, oggi il circuito si è trasformato in un enorme business. Dobbiamo ringraziare chi è venuto prima di noi, sono stati loro a consentirci di realizzare un sogno incredibile.
Roger Federer   Tratta da: Repubblica - 17/05/2012 

 Frasi dalla n° 1 al n° 50 di 'Tennis' su 69 Totali


Frasi PaginaInizio.com
© Frasi Paginainizio
Adv Solutions SRL  (Dal 2005)
Home Frasi | Per Webmaster